Syndication

lunedì 17 luglio 2017

Sospensione contributi a radio-tv abusive di Volturino(FG).

AnnoXXXI                                                                Associazione   “ElettrosmogVolturino”                                                      
 Via S. Martino, 2  71030  Volturino (FG)
  Tel.  347 7215642  
antonio.gagliardi-8233@ecp.postecert.it                                                              
prot. n. 12                                                         
 Volturino 17/7/2017

Ministero Sviluppo Economico                                    Corte dei Conti                             Ministero delle Finanze    
Comune Volturino                          Procura Repubblica FG

Oggetto:Sospensione contributi a radio-tv                                     abusive di Volturino (FG).

In qualità di rappresentante legale dell’Associazione “ElettrosmogVolturino” , il sottoscritto Gagliardi Antonio abitante in via S. Martino, 2         nel      denunciare                  uno stato di assoluta anarchia che caratterizza gl'impianti radiotrasmittenti di Volturino (FG) su Toppo della Guardia, pluridenunciati sin dal 1986, chiede l’intervento di codesto Ministero a cooperare con il Comune di Volturino perché si imponga il trasferimento delle strutture in località Scordarulo, come impone il PRG del comune dal 2003, ma irresponsabilmente disatteso.
Si scoraggi un inutile ricorso al TAR, in quanto il Consiglio di Stato, con sentenza n. 2200/17,  pubblicata l’ 11/5/2017, nel respingere l’appello proposto da Mediaset a Rocca di Papa (RM), ha affermato che “il quadro normativo postula che le attività di radiotrasmissione vengano esercitate attraverso strutture idonee e non contrastanti con la normativa urbanistica e con quella paesaggistico-ambientale.”

Non solo il PRG, ma tutto uno stato di irregolarità impone l'urgenza del        risanamento:

a)     Opere abusive in area agricola
b)     Uso di energia elettrica con documentazione falsa avvenuta nonostante l' assenza di concessione edilizia e scambio della stessa energia tra le varie emittenti, molte sconosciute allo stesso Ministero
c) Evasione ICI/IMU-TASI
d) Statistica medica denunciante una elevata casistica di malattie: insonnia, ipertensione, diabete, tumori e malattie di carattere neuropsichiatrico tenute prudentemente occultate dalle autorità sanitarie
e) finanziamenti illeciti.
Per quest'ultimo punto i cittadini di Volturino chiedono come sia possibile che una situazione di illegalità amministrativa che caratterizza gl'impianti consenta il finanziamento da parte dello Stato a cronici abusivi ed evasori fiscali, nonostante decennali denunce.

Dunque il Ministero sospenda immediatamente i contributi, in quanto illegittimi e revochi i contributi concessi negli anni.                                   
Obbligando gli abusivi alla restituzione di quanto percepito fino a questo momento, rivalutato del tasso legale, prescritto oltretutto anche   dalla                L. n. 448 del 23/12/1998, co 3.
Imponendo, altresì, l'onere del trasferimento a carico dei gestori degl'impianti poiché superano i limiti di emissione elettromagnetica di circa 70 Vm nell'area degl'impianti e di circa 10 Vm in via Verdi e via San      Martino   di        Volturino.                  (art. 28   co7 Dlgs177/05)

Quanti soldi rubati ai cittadini italiani e di Volturino per ricevere un corrispettivo di malattie da parte di un numero superfluo di emittenti, inerpicate su tralicci imperiosamente anarchici.                                                  
Denunciati e mai perseguiti?
Soldi che dovevano essere impiegati per uno studio epidemiologico approfondito e invocato da decenni, ma che vengono, contra legem, somministrati a mafiosi delle telecomunicazioni.                                     

Diffusori di stupidità, informazioni manipolate e di emissioni elettromagnetiche anche di notte, quando i pazienti, ma veramente pazienti di Volturino, vedono negare il diritto a un buon sonno.

sabato 15 luglio 2017

Nazioni Unite su: Business diritti umani e sostenibilità ambientale ... in sintonia con il Decreto Galletti ?

All'interno dell'ONU un suo comitato ha prodotto  (Ginevra, 30.6.2017) un documento importante: "il business e la dimensione dei diritti umani per uno sviluppo sostenibile: Integrare i principi di: Protezione, rispetto e recupero nella implementazione di obiettivi di sviluppo sostenibile.

Sotto c'è il link per il documento che sembra fatto per essere applicato alle EMF!
Sotto in questo post,  ci sono delle affermazioni essenziali, estrapolate dallo intero documento, quali:

- nello sviluppo di tecnologie e business si deve tener conto dei diritti umani (ad es. quelli delle persone elettrosensili per avere una vita ... civile) : se questi diritti non sono rispettati lo sviluppo non è sostenibile 
- lo Stato deve presidiare e deve protegere le persone che soffrono per abusi legati al business !
- lo Stato deve garantire che i propri partner lavorino secondo queste linee guida (e qui vedo un collegamento diretto al Decreto Galletti  )
- per il Business:  questo approccio non è scelta ma una precisa responsabilità; non basta finanziare progetti di filantropia ! Il rispetto dei diritti umani deve essere parte essenziale della 'catena del valore' della azienda. 





UN Working Group statement on business and human rights and sustainable development

Author: UN Working Group on business & human rights
"The business and human rights dimension of sustainable development: Embedding “Protect, Respect and Remedy” in SDGs implementation"
The 2030 Agenda [for Sustainable Development Goals] emphasizes that the business sector is a key partner for the United Nations and governments in achieving the SDGs. Notably goal 17 speaks of revitalizing global partnerships for sustainable development, including public-private partnerships. Paragraph 67 of the 2030 Agenda calls on “all businesses to apply their creativity and innovation to solving sustainable development challenges” and commits States to “foster a dynamic and wellfunctioning business sector, while protecting labour rights and environmental and health standards in accordance with international standards and agreements and other ongoing related initiatives, such as the Guiding Principles on Business and Human Rights…”. 
...The UN Working Group on Business and Human Rights urges Governments to set a clear vision for connecting the role of the private sector and businesses in development with accountability and internationally agreed standards for business practices aligned with human rights. It also calls on business to meeting their responsibility to respect for human rights as an integral component of their contribution to the SDGs. The UN Guiding Principles on Business and Human Rights should be a key reference point for both States and business in this context.

I. Embedding human rights in partnerships with business to achieve the SDGs Human rights are essential to achieving the Sustainable Development Goals (SDGs). Simply put, a development path in which human rights are not respected and protected cannot be sustainable, and would render the notion of sustainable development meaningless. Rightly, the 2030 Agenda for Sustainable Development is explicitly grounded in the UN Charter, the Universal Declaration of Human Rights, international human rights and labour rights treaties and other instruments, stating that the aim of the SDGs is to “realize the human rights of all”. The SDGs themselves and their targets also cover a wide range of issues that mirror international human rights and labour standards. Many of the SDGs relate closely to economic, social and cultural rights, including rights focused on health, education, food, shelter, alongside the rights of specific groups such as women, children and indigenous peoples. In addition, SDG 16 on the need for peaceful, just and inclusive societies emphasizes key civil and political rights, including personal security, access to justice, and fundamental freedoms. The 2030 Agenda emphasizes that the business sector is a key partner for the United Nations and governments in achieving the SDGs. Notably goal 17 speaks of revitalizing global partnerships for sustainable development, including public-private partnerships. Paragraph 67 of the 2030 Agenda calls on “all businesses to apply their creativity and innovation to solving sustainable development challenges” and commits States to “foster a dynamic and wellfunctioning business sector, while protecting labour rights and environmental and health standards in accordance with international standards and agreements and other ongoing related initiatives, such as the Guiding Principles on Business and Human Rights…”.

II. Reinforcing the State duty to protect rights-holders States have a critical role to play in ensuring that SDG implementation efforts are consistent with the human rights framework on which the 2030 Agenda is based. The State duty to protect people from business-related human rights abuse includes the task of ensuring that businesses will contribute to, not undermine, inclusive and sustainable development. The foundation of the State duty to protect as set out in the Guiding Principles requires States to protect against human rights abuse within their territory and/or jurisdiction by third parties, including business enterprises. This requires taking appropriate steps to prevent, investigate, punish and redress such abuse through effective policies, legislation, regulations and adjudication. It also requires States to set out clearly the expectation that all business enterprises domiciled in their territory and/or jurisdiction respect human rights throughout their operations. This implies having in place laws that require and enable business respect for human rights, and providing guidance to business enterprises on how to identify, prevent, and mitigate adverse human rights impacts linked to their operations. 

2. States must ensure that their business partners for sustainable development have made a clear and demonstrable commitment to the UN Guiding Principles on Business and Human Rights, and uphold these Principles in efforts to reach the SDGs. While partnerships with the business sector are a key part of the strategy for achieving the SDGs, States are responsible for setting national sustainable development policies and priorities to meet the SDG targets that they have committed to by 2030. As and when governments partner with business to achieve the SDGs, they must ensure that their partners have taken demonstrable steps to embed respect human rights across their operations. When seeking to engage business in pursuit of SDGs, States must at the same time emphasize that human rights – not profits – come first. Related to this, as States are beginning to encourage business to report on their contributions to the SDGs, they should also ensure that reporting frameworks are aligned with the Guiding Principles so that businesses disclose impacts to people across their activities and how negative impacts are being addressed. 

6. For business, the most powerful contribution to sustainable development is to embed respect for human rights across their value chains. And business respect for human rights is not a choice, it is a responsibility. The role of business in implementing the SDGs is different from, and goes beyond, traditional corporate social responsibility. Philanthropy or social enterprise are to be welcomed, but cannot substitute for meeting the responsibility to respect human rights, which all businesses regardless of size, sector or location, are expected to meet. Respecting human rights means avoiding adverse impacts on the human rights of others and addressing the adverse impacts with which the business is involved. Business implementation of the Guiding Principles is not simply about ensuring “do no harm”, or just a starting point towards making a positive contribution to sustainable development. Implementing the Guiding Principles in itself has tremendous potential to contribute towards positive change for the hundreds of millions of the poorest and most marginalized people across the world, for whom the term “sustainable development” would otherwise ring hollow. 

Decreto Ministeriale Galletti: regole guida per la sostenibilità ambientale della Pubblica Amministrazione

Tra le tanti leggi e decreti che la Gazzetta Ufficiale pubblica abbiamo scoperto un decreto ministeriale dell’Ambiente (1) con titolo Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione, che aggiorna i Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici  (2)
Informo i più che questo intervento segue un percorso voluto dalla Comunità Europea (3) di implementazione nelle normative nazionali del cosiddetto GPP.
Il GPP è l’approccio in base al quale le Amministrazioni Pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull’ambiente lungo l’intero ciclo di vita.
Bene.  
Nel DM in parola del gennaio 2017 tra i criteri guida che debbono essere assunti al fine di raggiungere una sostenibilità ambientale nella acquisizione ed uso di strutture ed attrezzature della Pubblica Amministrazione, si fa cenno – per la prima volta – di Inquinamento elettromagnetico indoor.
Infatti nel paragrafo 2.3.5.4 si parla espressamente di come si deve evitare l’inquinamento elettromagnetico da basse frequenze, predisponendo i quadri elettrici, i contatori e le colonne montanti all’ESTERNO dello stabile e di posare i cavi elettrici minimizzandone l’uso ;
ma anche, al fine di ridurre l’inquinamento elettromagnetico da radiofrequenze, passare ad opzioni alternative al Wifi come le connessioni via cavo oppure con PLC.
Il DM prescrive che nell’ambito di progettazione di nuove realizzazioni o di ristrutturazioni di edifici pre-esistenti,  si pone l’obbligo di utilizzare tra i  vari criteri di sostenibilità ambientali, quali: illuminazione naturale, aereazione naturale e forzata, dispositivi di protezione solareemissioni di materiali, comfort acustico, comfort termoigrometrico, Radon, … , inquinamento elettromagnetico indoor
Adesso ci aspettiamo che i Ministeri interessati alla gestione dell’edilizia Statale, da quello della Semplificazione della Pubblica Amministrazione, a quello della Istruzione, della Sanità, … sappiano attuare quanto il Governo ha deliberato.
La Legge prevede un monitoraggio da parte dell’Osservatorio dei Contratti Pubblici, come anche una Comitato di gestione del GPP (4): sarà cura delle associazioni scriventi chiedere la presenza di un tecnico esperto in tema di impatto elettromagnetica sulla salute pubblica, scelto dalle stesse.


(1) Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione pubblicato nella GU del 28/1/17
(2) Decreto Ministero Ambiente del 24/12/15 pubblicato in GU il 28.1.17
(3) Comunicazione della Commissione al Consiglio ed al Parlamento Europeo : Politica integrata dei prodotti: sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale, COM(2003), 202, recepita nella Legge 27 dicembre 2006 n. 296 (Finanziaria 2007) ha previsto all’art. 1 comma 1126
(4) Il comitato di gestione è normato da con decreto del Ministro dell’Ambiente n. 247

mercoledì 12 luglio 2017

Inquinamento elettromagnetico e salute fra controversie, ricerca indipendente ed associazionismo Il caso del movimento degli elettrosensibili

Vi riporto al link di  un bellissimo lavoro (: link    )    scritto da una nostra amica del Mondo Noelettrosmog, Milena Greco.

Leggetelo con attenzione, perché a mio giudizio è un lavoro unico ed originale che tratta tutti gli aspetti socio economici legati alla lotta contro l'elettrosmog.

Il valore è legato al fatto che lei ha unito una review scientifica, in italiano, di buon spessore scientifico ed aggiornata, con un riscontro giurisprudenziale e normativo, aggiungendo una raccolta organica di esperienze di diversi ES (cosa nuova), con una visione storica della scienza medica alla luce (anche del passato) dei 'constrain' legati agli interessi economico-sociali: qui c'è l'approccio antropologico legato alla sua preparazione.

Complimenti Milena !

Giorgio

lunedì 10 luglio 2017

I pendolari svedesi possono implantare un microchip per un chek in veloce

Una compagnia statale ferroviaria propone di impiantare un micro chip nel corpo ad es. di un pendolare per velocizzare il controllo ... biglietti (abbonamento) ... bastera un movimento della mano !

Che bello !




A few months ago, a Swedish company gained international headlines after launching an internal program under which staff were encouraged to have themselves implanted with security micro-chips.
Now, in a sign the technology is catching on, Sweden's state-run public transport provider "SJ" has got in on the action.
It's now allowing commuters to travel on its trains with just a wave of their hand.
Featured:
Stephen Ray, spokesman for Sweden's Rail Provider SJ 
Lina Edstrom, spokeswoman for Sweden's Rail Provider SJ 
Ben Libberton, microbiologist, Karolinska Institute


http://www.abc.net.au/news/2017-06-12/swedens-state-rail-provider-waves-through/8611244


sabato 8 luglio 2017

Più studi confermano che la resistenza agli antibiotici è legata anche alle radiofrequenze

Qui sotto ci sono i link a più studi pubblicati su riviste internazionali che concordano su: ...

"Oggi, il nostro mondo è circondato da enormi fonti di radiofrequenza come router Wi-Fi e computer portatili che possono portare a gravi problemi di salute. Quando qualcuno è infettato da un microrganismo che ha ottenuto la sua resistenza dall'ambiente ospitante (radiofrequenze!), provoca un grave problema per I sistemi sanitari:   il fallimento della terapia di base  o il ricevere un dosaggio più elevato di antibiotici saranno quindi possibili,  ma  questo può portare a più effetti collaterali e infine a prolungare l'ospedalizzazione ".


1.  In journal Bone & Joint Research there's this response to an article (note there's a references list at the end of the response, you might have to click "Show More" to see the references list):

(excerpt)
"Recently, we have shown that exposure to radiofrequency electromagnetic fields (RF-EMFs) can make microorganisms resistant to antibiotics.4 As the response of bacteria to different antibiotics after exposure to RF-EMFs is non-linear,5 any use of RF-EMFs on bacteria should be undertaken with caution. Therefore, any unjustified use of RF-EMFs in the management of infection can threaten our lives through induction of these adaptive phenomena."

2.  The article they're responding to is http://bjr.boneandjoint.org.uk/content/bjres/6/5/323.full.pdf
Non-contact electromagnetic induction heating for eradicating bacteria and yeasts on biomaterials and possible relevance to orthopaedic implant infections

3.  Full text of the article at Footnote 4 (in point 1. above) is: 
Evaluation of the Effect of Radiofrequency Radiation Emitted From Wi-Fi Router and Mobile Phone Simulator on the Antibacterial Susceptibility of Pathogenic Bacteria Listeria monocytogenes andEscherichia coli

(excerpt from Abstract)
"In this study, we assessed if the exposure to 900 MHz GSM mobile phone radiation and 2.4 GHz radiofrequency radiation emitted from common Wi-Fi routers alters the susceptibility of microorganisms to different antibiotics. ... Altogether, the findings of this study showed that exposure to Wi-Fi and RF simulator radiation can significantly alter the inhibition zone diameters and growth rate for L monocytogenes and E coli. These findings may have implications for the management of serious infectious diseases."

(excerpt from Results and Discussion)
"Nowadays, our world is surrounded by enormous radiofrequency sources such as Wi-Fi routers and laptop computers that can lead to serious health problems. When someone is infected with a microorganism that obtained its resistance from the host environment, it causes a serious problem for health-care systems and treatment failure or receiving a higher dosage of antibiotics will be possible. Therefore, this may lead to more side effects and finally prolonged hospitalization."

"Conclusion
Based on our results, it can be concluded that the bacterial strains used in this study respond differently to EMFs. These bacteria were capable of responding to environmental stresses that act by activating some specific systems such as ion channels, change via the membrane, DNA repair system, and probably ion efflux pumps in the membrane as well as interactions of molecules and antibacterial agents.61 There are some ambiguities that need further investigations regarding answering questions such as which cellular mechanism is responsible for adaptation? Which factors are involved in alterations of antibacterial sensitivity? And subsequently, what are the differences in the response to radiation in gram-negative and gram-positive bacteria? Moreover, experiments on different bacterial strains with various electromagnetic fields should be performed in the future to better clarify these uncertainties."

-Barb Payne

venerdì 23 giugno 2017

Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri !!!

riceviamo da ISDE e volentieri pubblichiamo.





Conflitti di interesse in oncologia: 


ecco i numeri Uno studio pubblicato su Jama Oncology quantifica i conflitti di interesse finanziari con l'industria farmaceutica (Fcoi) degli autori delle linee guida del National Comprehensive Cancer Network (Nccn), suggerimenti che in pratica influenzano la scelta dei farmaci rimborsabili dal sistema di assistenza pubblica Medicare.
Aaron Mitchell, della University of North Carolina Chapel Hill School of Medicine, ha esaminato assieme ai colleghi tali conflitti di interesse nel corso del 2014 tra i 125 autori delle linee guida per il trattamento delle neoplasie di mammella, colon, prostata e polmone, i tumori con la più alta incidenza negli Stati Uniti.
Allo scopo gli autori hanno utilizzato i dati sui pagamenti a clinici e ricercatori da parte dell'industria, pubblicamente segnalati dai Centers for Medicare e Medicaid Services.


Ed ecco i risultati: 108 su 125 autori delle linee guida, ossia l'86% del totale, hanno riportato almeno un conflitto di interesse finanziario con l'industria farmaceutica. Di questi, il 56% ha ricevuto almeno 1.000 dollari o più a titolo di consulenze, vitto e alloggio, con una media di circa 10.000 dollari a testa. Ma non basta: gli autori delle linee guida Nccn hanno anche ricevuto dall'industria una media di 236.066 dollari in finanziamenti per la ricerca, compresi quelli per lo svolgimento di studi clinici. “A conti fatti, oltre l'80% degli autori ha ricevuto pagamenti per consulenze e simili, mentre quasi la metà ha ottenuto uno o più finanziamenti per la ricerca» scrivono gli autori, sottolineando che il loro studio è limitato dal fatto che il database dei Centers for Medicare e Medicaid Services permette di verificare solo i conflitti di interesse finanziari con l'industria farmaceutica dei medici, ma non quelli degli autori non medici delle linee guida Nccn. I dati riportati su Jama Oncology sottolineano l'importanza di questi conflitti di interesse in oncologia. Tanto più che in questo, come in altri campi della medicina, le collaborazioni tra industria, ricercatori e clinici non solo sono numerose, ma creano sfide e opportunità per tutta la comunità oncologica”, scrive in un editoriale di commento Ryan Nipp del Massachusetts General Hospital Cancer Center di Boston.