Syndication

mercoledì 30 novembre 2011

Comunicato Stampa post Conferenza CEE del 16-17.11.2011

COMUNICATO STAMPA DELLA della Rete Elettrosmog-Free Italia che riunisce associazioni, comitati di cittadini, gruppi ed esperti impegnati nella difesa dall'inquinamento elettromagnetico.



Il 22.11.11 la Direzione Generale (DG) per Salute ed i Consumatori della Comunità Europea ha emesso un comunicato che sintetizza il risultato della conferenza, di due giorni, 16 e 17.2011 a Bruxelles " 2011 International Scientific Conference on EMF and Health ". (vedere il testo integrale: http://is.gd/9LX1H0)


La Rete Elettrosmog-free Italia riporta le proprie valutazioni e proposte alla Pubblica Opinione ed al mondo Politico, seguendo, punto punto, quanto espresso dalla DG.


1) la ricerca è la forza guida per la valutazione del rischio: condividiamo con la DG che senza ricerca non c'è una valutazione sostenibile dello impatto dei campi elettromagnetici sulla salute.

Obiettiva conseguenza è che:

va dato forte input ad investimenti PUBBLICI alla ricerca
e , nella attesa, va pienamente attuato il Principio di precauzione , come richiamato dal Parlamento Europeo nel 2009 , risottolineato nel Maggio 2011 con una raccomandazione a tutti i Governi della CE affinché prendano misure ragionevoli per ridurre la esposizione ai CEM . La Rete in accordo con quanto già richiesto e/o attuato in varie parti del Mondo (Canada, Francia, Israele, Germania, Svizzera, ...) richiede l'abbassamento del valore limite da 6 a 0,6 V/m



2) l'aumento della esposizione alle rediazioni e la valutazione della stessa sono la fonte maggiore di incertezze nella ricerca su 'CEM e salute':

è proprio vero che l' aumento continuo della esposizione da parte di un numero sempre maggiore di fonti di CEM (es. gli ultimi 4G-LTE previsti in seguito alla recentissimo bando per l'assegnazione di frequenze ), come anche la esponenziale espansione di WiFi nelle città (ricordiamo il mega-progetto voluto da Milano per l'Expo), pone l'attenzione sulle metodologie di misurazione di queste fonti che vanno fortemente potenziate (in qualità e quantità), con controllo anche da parte della Popolazione


3) elettrosensibilità: l'effetto nocebo (sintomi di malattia causati dalla suggestione o convinzione della presenza di qualcosa di dannoso) è, secondo la DG , ciò che maggiormente contribuisce alla elettrosensibilità. La Rete non concorda con questa impostazione che vede l'elettrosensibilità come ingiustamente conseguenza dell'allarme sociale legato all'elettrosmog, ignorando così decine di studi sulle sue basi fisiche , e vite umane irrimediabilmente danneggiate . Questi studi in essere vanno assolutamente validati con metodologie oggettive e strumentali di diagnosi.


4) l'epidemiologia: la Rete concorda con la DG che essa è la maggiore fonte di evidenza per i potenziali effetti avversi alla salute da parte dei CEM. Mancano le conferme da parte di altre evidenze. Il European Envoronmental Agency (2008) ricorda come le analoghe storie del passato hanno insegnato che le esposizioni pericolose devono essere messe sotto controllo ancora prima che ci sia una evidenza convincente di danni a lungo termine e che sia chiarito il meccanismo biologico che produce i danni alla salute umana.

Ne consegue:


Maggiori contributi PUBBLICI alla ricerca ridurranno i tempi per queste conferme.


Nel frattempo l'epidemiologia ha GIA' dato CONFERME che sia i campi elettromagnetici a bassa frequenza come quelli ad alta frequenza hanno determinato cancro nella popolazione. Ricordiamo che lo IARC/OMS valuta come possibili cancerogeni queste radiazioni.


e quindi, ancora una volta, è imperativo attuare compiutamente il Principio di Precauzione, abbassando i valori di limite da 6 a 0,6 V/m.

report RAI 3 - Novembre 2011 Telefonino e tumore

Qui i link a Youtube con la registrazione della trasmissione


http://www.youtube.com/watch?v=LInt236C1Gc&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=6bUf1M2D34U&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=wLLxBzBhy38&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=zKWJvkq_gzM&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=lBX1hMSCiw0&feature=related

http://www.youtube.com/watch?v=_P75O8OApnE&feature=related

mercoledì 23 novembre 2011

Conclusioni post Conferenza Europea

La Direzione Generale per la Salute ed i Consumatori della CEE ha emesso una sintetica conclusione della conferenza del 16 e 17.11.2011 in Bruxelles:


• Research is the driving force behind risk assessment
• The amount of radiation exposure (dosimetry) and exposure assessment are a major source of uncertainty in research on EMF and health
• The nocebo effect (an ill effect caused by the suggestion or belief that something is harmful) is a major contributor to electrohypersensitivity
• Epidemiology (case-control studies) is the main source of evidence for potential adverse health effects of EMF (e.g. childhood leukaemia, glioma). However, so far these results are not confirmed by other evidence.


Ovvero:

- la ricerca è la forza guida per la valutazione del rischio
- l'aumento della esposizione alle rediazioni e la valutazione della stessa sono la fonte maggiore di incertezze nella ricerca su 'CEM e salute'
- l'effeto nocebo (sintomi di malattia causati dalla suggestione o convinzione della presenza di qualcosa di dannoso) è ciò che maggiormente contribuisce alla elettroipersesibilità
- l'epidemiologia è la maggiore fonte di evidenza per i potenziali effetti avversi alla salute da parte dei CEM. Mancano le conferme da parte di altre evidenze.


Miei commenti, a caldo sono:

. condivido che la valutazione del rischio debba essere supportata da ricerca; quindi: a) forte input di investimenti PUBBLICI alla ricerca e b) nella attesa, una gestione del Principio di precauzione molto predenziale in attesa delle ricerche conclamate

. di grande critictà è lo aumento continuo della esposzione da un numero sempre maggiore di fonti aggiuntive di CEM (es. gli ultimi 4G-LTE); inoltre la misurazione di queste fonti deve essere fortemente potenziata (in qualità e quantità)

. l'eletttrosensibilità è la cenerentola, in quanto basata su test di sollecitazione di elettrosensibili e 'normali' in camera stagna; del resto come è stato contestato durante la conferenza, occorre puntare a valutazioni oggettive e non percettive come gli studi del Prof Belpomme (electroencephalogrammes)

. di fatto si riconosce che gli studi epidemiologici sono congruenti sulla relazione CEM - tumori; mancano conferme da studi biochimico fisici ai fini di una determinazione scientifica della relazione causa - effetto. ... del resto come è avvenuto per altre 'calamità', come esplosione nucleare, fumo, asbesto, ...

Un articolo sul conflitto di interessi di chi gestisce la ricerca

Interessante articolo di Drsa Francesca Romana Orlando sul Conflitto di interessi di chi gestisce la Ricerca e sulla recente Conferenza sui Campielettromagnetici e salute , voluta dalla Commissione Europea


martedì 22 novembre 2011

Sito

Questo blog ora è accessibile allo indirizzo - più semplice da ricordare -:






www.retenoelettrosmogitalia.it

domenica 20 novembre 2011

Report

Domenica prossima, 27.11.2011, RAI Report presentarà un servizio sulla sicurezza dei telefoni cellulari

Guardatela !

lunedì 14 novembre 2011

Dott. Livio Giuliani al convegno ICEMS, 3 novembre 2011


Intervento su "Limiti della normativa sui campi elettromagnetici" del dott. Livio Giuliani, portavoce ICEMS, al convegno "Campi elettromagnetici: nuovo metodo fisico per la diagnosi e il trattamento delle malattie degenerative", tenutosi il 3 novembre 2011 alla Biblioteca "G. Spadolini", Sala Atti Parlamentari.
Il convegno è stato organizzato dall'ICEMS e dai Senatori del PD.

Prof. Emilio Del Giudice, al convegno ICEMS 3 novembre 2011


Prof. Emilio Del Giudice, Prigogine Prize, Milano interviene al convegno dell'International Commission for Electromagnetic Safety su "L'acqua quale agente di auto-organizzazione".
3 novembre 2011, Biblioteca del Senato

Sentenza di un TAR illuminante

leggere qui

http://faq-e-smog.blogspot.com/2011/11/sentenza-del-tar-della-sardegna-ottobre.html

sabato 12 novembre 2011

Comunicato Stampa Manifestazione di Protesta presso il Parlamento Europeo

Il 16.11 si terrà a Bruxelles  una manifestazione di protesta presso il palazzo del Parlamento Europeo , contro la decisione di non far partecipare alla Conferenza Europea sui Campi elettromagnetici del 16 e 17.11 alcuna voce 'discorde' .  Qui di seguito un volantino:

http://www.scribd.com/doc/72497742/European-Electrosmog-Protest-on-16-Nov-2011-in-Brussels



... inoltre c'è chi ha ricercato nella storia professionale degli esperti convocati:  il conflitto di interessi coinvolge molti degli 'eletti' ; vedere qui i dettagli:


http://www.scribd.com/doc/72497683/Brussels-2011-Emf-Conference-Conflicts-of-Interest

___________________________________________________________


PRESS RELEASE:
European Electrosmog Protest on the 16th of Nov. in Brussels
 
The EU-conference on EMF and Health will be held on the 16th and the 17th of Nov. in Brussels (Belgium) in the Charlemagne building (Rue de la Loi 170).
 
For details on the conference go to:
 
We will protest during the conference. The European Electrosmog Protest will be held on Wednesday the 16th of November 2011 between 16h and 18h30. The protest will take place in the street 'Rue de la Loi' in Brussels, across from the Charlemagne building, at the entrance of the Schuman metro station.    
 
In the attached pdf you'll find more information on our protest.
 
For further information, please e-mail:
  

The organisers of the European Electrosmog Protest:
 
StopUMTS.be
StralingsArmVlaanderen.org
Collectif Dé-Mobilisation
StopUMTS.nl
infoAMICA.it
RobindesToits.org



The protest is supported by: Prof. O. Johansson, Prof. Dr. Eng. G. Spadanuda, Prof. M. Al Salameh, Prof. Dr. K. Richter, Prof. D. Henshaw, Prof. Em. Dr. F. Decreus, A. Goldsworthy BSc PhD, Dr. med. G. Oberfeld, Dr. med. D. Favre, A. Philips BSc (Eng), H. Sanctorum (Flemish Parl.), P. Zazzera (Italian Parl.), E. Lannutti (Italian Parl.), K. Kunze (director movie "Disconnect"), and by the organisations: IEMFA.org, Teslabel.be, Next-Up.org, ES-UK.info, PowerWatch.org.uk, MobileWise.org, Mast-Victims.org, Buergerwelle.de, Diagnose-Funk.org, Kompetenzinitiative.de, HESE-Project.org, ElektrosmogNews.de, Campact.de, Elettrosmog Volturino, Electrosmog-Free Italia Network, ADUSBEF.it, Centro Tutela Consumatori Utenti, MCS-SOS.ch, ASQUIFYDE.es and OikosAmbiental.org

martedì 8 novembre 2011

Blocco dell'articolo su limiti del Decreto Sviluppo ...

a quanto pare qualcosa si muove :  vedete gli articoli di oggi:

http://is.gd/iznMQQ


Si sono mossi anche quelli delle ARPA ! 

Occorre dare ORA il nostro apporto sia informando i media che anche dando un riscontro alla AssoArpa , oppure ai Comuni, etc.

sabato 5 novembre 2011

Raccolta di notizie internazionali

Ho raccolto in questo documento che potete trovare    http://www.scribd.com/doc/71739454/Nota-su-Wifi-20111105

una serie di fatti, di decisioni prese da organismi esteri ed internazionali finalizzati alla limitazione dei CEM in difesa della salute pubblica.

Qindi , non parliamo di dati scientifici, medici, epidemiologici, ...  ma di decisioni prese.

Potete utilizzarlo come volete   ...    da inoltrare a decisori .

mercoledì 2 novembre 2011

Un documentario 'DISCONNNECT' sui danni da telefono cellulare

Vi suggerisco questo documentario (in inglese)  che richiama un libro di Devra Devis molto interesssante.



http://vimeo.com/31336824

In particolare è utile per avere 'sottomano' le dichiarazioni di Steve Wozniak, cofondatore di APPLE , di Richard Branson, fondatore di VIRGIN (MOBILE) e di Martin Cooper fondatore di na delle prime società di telefonia cellualre:   tutti sconsigliano l'uso del celllulare attaccato alla testa !!!!    Vedere e sentire per credere !!!!