Syndication

lunedì 31 dicembre 2012

Adriana Palleni, la Befana ambientalista

Adriana Palleni, la Befana ambientalista

http://www.youtube.com/watch?v=fwt_j8_l_Hk



                                                  COMUNICATO STAMPA
                         La Befana Europea – Anno di Cittadinanza Europea 2013




L’anno 2013 inizia con dei magici auguri di Cittadinanza Europea, una occasione per la Befana Europea per invitare i Bambini in piazza Maggiore a Bologna  con il seguente percorso.
<!--[if !vml]--><!--[endif]-->MATTINO – ORE 12  al  Cortile del Caffè della Corte Isolani a lato della boutique di Francesca Sforza- perché la Befana Europea deve essere elegante.. e bella per non spaventare i piccini
POMERIGGIO – ORE 15  nella Piazza Maggiore di Bologna distribuirà le filastrocca e caramelle
per i piccini, informandoli sullo stato dell’arte della Petizione al Parlamento Europeo che riguarda
l’inquinamento dell’aria che respiriamo per vivere, e che, l’Associazione Comitato Cittadini Indipendenti si è impegnata a sottoscrivere e seguire nel suo percorso, unendo anche un nuovo tipo  di  inquinamento, quello dei campi elettromagnetici prodotto  dall’uso delle tecnologie. Inoltre intende avanzare la richiesta di insegnare sin dalla scuola materna la disciplina dell’Educazione Ambientale.
Per questo la Befana si è avvalsa dell’aiuto di magici collaboratori..per citarne alcuni..Viviana Sabatini Medico Tossicologo Ambientale di Bologna,Valentina Scippa, Insegnante Asilo Nido di Reggio Emilia,Laura Ferretti Architetto esperta di spazi urbani umanizzati di Roma, Roberta Breschi fisico INPRAT-Roma
Queste persone , compresa la Befana, hanno frequentato il Master in Scienze Ambientali dell’Università Pontificia Regina Apostolorum e Ministero dell’ Ambiente- anno 2003
Quindi una Befana colta , come i Cittadini Europei della Civile Città di Bologna che la ospita in Piazza Maggiore.  Magici Auguri e Grazie. Adriana Palleni, la Befana Europea



sabato 29 dicembre 2012

Lettera tipo da inviare a scuola contro la installazione del Wifi

Qui riporto una lettera tipo, in inglese, che gira nelle associazioni americane,  per cercare di contestare e mettere in allarme il Management della scuola sui pericoli di tale tecnologia.
Interessante è valutare  tutti i link a documenti, introdotti.

_______________________________________________________________________



John Doe, Head of School
Members of Safety Committee
 I recently learned that your School uses wifi to connect to the Internet. I am very concerned about this, in view of the evidence that wifi is dangerous to the health and safety of children. (More about this below.)   
Of course, I realize that it is not your intention to harm children.  Wifi is a relatively new technology that has caught on like wildfire — it’s in airports, libraries, restaurants, bars, hotels, and even in many homes. Surely our government would not allow this if wifi were not completely safe.
 Would they?
 Think again. For many years the wireless industry and our government assured us that cell phones were completely safe. Today, few people believe this given the increased incidence of brain tumors associated with the heavy use of cell phones. 
 As a result, the World Health Organization was forced to admit (in 2011) that cell phones — which, like wifi routers, emit microwave radiation — may cause cancer (Cell Phones & Cancer: WHO).   Shortly afterward, Italy’s Supreme Court ruled that cell phones do cause cancer (Italian Supr Ct ruling-1), opening the floodgates for a barrage of legal suits worldwide.
Not enough time has gone by yet to implicate wifi routers as a specific cause of cancer, but they too generate microwave radiation, just like cell phones and cell phone towers. 
At a private school in Plainfield Vermont, which had a wifi installation, measurements taken inside the school were found to be comparable to measurements taken in the immediate vicinity of a cell phone tower. Measurements of children leaning over their laptops were 3X higher than the radiation that someone would be exposed to standing right next to a cell phone tower!  
Certainly no one would permit a cell phone tower in a schoolyard, yet due to a lack of awareness, the school was allowing 3X the equivalent of a tower’s radiation inside their building. (To watch the video, please click on the link below.)
What will be the long-term consequences of this exposure?  As noted in the above video, today’s children are the first generation to be exposed to constant, long-term microwave radiation.
An authoritative video on the biological effects of wifi by a Canadian researcher, Dr. Magda Havas, is also well worth watching:
Other informative videos are listed below:
http://www.youtube.com/watch?v=YrVNdbT7hb4 (Wi-Fi Dangers, BBC Part I)
http://www.youtube.com/watch?v=ewdikNQhjUo (Wi-Fi Dangers, BBC Part II)
http://www.youtube.com/watch?v=LiO7ofDGoD8 (British newscast covering wifi)
http://www.youtube.com/watch?v=KN7VetsCR2I (Canadian newscast covering wifi)
(By googling “danger of wifi to children,” you can find many other resources.)
 Bottom line, a growing body of scientific research indicates that the microwave radiation emitted from wireless devices creates adverse biological effects.  These include –
 ·      permanent DNA damage
·      increased risk of cancer
·      damage to the reproductive system
·      heart and circulatory problems
·      weakening of the blood-brain barrier
·      changes to melatonin levels
·      insomnia
·      thyroid disruption
·      neurological and behavioral problems
·      decreased cognitive function
Some of these studies are listed at scientific-research under “EMF Research.” (You’ll have to scroll down to see the list.)  
Given that there is a safe alternative for connecting to the Internet, is there any good reason to have wifi at your school? 
Respectfully,
Thank you Jenna.

mercoledì 26 dicembre 2012

Trovato un sistema di misura di assorbimento di CEM nel cervello

e' stato pubblicato   uno studio che riporta la misurazione tramite Risonanza Magnetica del livello di assorbimento di radiofrequenze nel cervello (sperimentata sui bovini)
La tecnica è la Termografia con Risonanza Nucleare




Assessing the effects of cell phone radiation on brain tissue
Researchers have developed a non-invasive NMR-based method to measure the effects of cell phone radiation on brain tissue. To demonstrate the technique, David H. Gultekin and Lothar Moeller measured the amount of electromagnetic energy from cell phone radiation that was absorbed by bovine brain tissue and a gel with similar electrical and thermal parameters. Cell phones are one of the main sources of exposure to radiofrequency (RF) fields, and the World Health Organization recently classified RF fields as possibly carcinogenic based on an increased risk for brain cancer associated with cell phone use. Cell phone RF energy absorbed by brain tissue is converted into heat, and the authors used NMR to create high-resolution 3D images of the resulting thermal fields and confirmed the accuracy of these measurements using fiber-optic temperature sensors. Regular cellular handsets cannot be used in the strong magnetic fields generated by NMR systems; hence the authors developed an antenna setup that allowed them to non-invasively measure the absorption of cell phone radiation using NMR. The study suggests that NMR can be used to characterize hot spots from absorbed cell phone radiation in both brain tissue and gels, and the method could be refined for in vivo measurements of human brain tissue, according to the authors.

martedì 25 dicembre 2012

Nuova petizione internazionale per rivedere i limiti di esposizione

E' stata avviata da IEMFA una petizione  che punta alla richiesta di rivedere drasticamente i limiti di esposzione (legati all'ente ICNIRP) , basandoci questa volta sugli effetti dei campi elettromagnetici sugli organismi biologici.

"Noi sottoscritti, constatiamo che gli attuali limiti definiti dai governi nazionale, come pure dalle autorità internazionali  non proteggono  il pubblico da effetti avversi per la salute da parte di campi elettromagnetici (EMF) provenienti da fonti quali linee elettriche, telefoni cellulari e tutti i dispositivi wireless Internet e loro siti associati dell'antenna. La maggior parte dei limiti esistenti su questa forma di radiazione sono da un minimo di 1 a 10 mila volte troppo indulgenti come misure di prudenza per la   protezione degli esseri umani da effetti avversi sulla salute,  che vanno dal morbo di Alzheimer e altre malattie neurodegenerative, ai problemi di riproduzione, riduzione di qualità del sonno, alla difficoltà di apprendimento e di interferenza con la memoria; inoltre  rallentando  la capacità del corpo di riparare danni, diminuisce la funzione immunitaria, arrivando al cancro ed alla elettroipersensibilità. Tutto ciò è basato su prove scientifiche evidenziate dal set forth in The Seletun Statement e il rapporto di BioInitiative."  Vedere : http://International-EMF-Alliance.org


Il gruppo di esperti scientifici 'Seletun' riconosce che i limiti numerici derivati  per nuovi standard di esposizione pubblica basati su effetti biologici  sono un miliardo di volte superiori ai livelli EMF naturali alla quale si è evoluta tutta la vita. È un grave errore di credere che abbiamo sempre vissuto in campi elettromagnetici artificiali, come da corrente elettrica, radio, TV, computer e telecomunicazioni wireless e quindi non ci si deve preoccupare.  Non   è passato molto  tempo da  quando pensavano che i raggi x, radioattività, forte luce ultravioletta e radar  fossero  completamente senza danni. Oggi ne sappiamo molto di più !

Prego tutti gli amici di  firmare la petizione allo interno del sito che trovare qui sopra.
Occorrono 2500 firmo ed ora siamo a ca 1970 ...



"We, the undersigned, find that current national government as well as international authority limits do not protect the general public from adverse health effects from electromagnetic fields (EMF) emanating from devices such as power lines, cell phones and all wireless Internet devices and their associated antenna sites. Most of the existing limits on this form of radiation are at a minimum 1 to 10 thousand times too lenient to prudently protect humans from adverse health effects ranging from Alzheimer's and other neurodegenerative diseases, reproduction problems, sleep quality reduction, learning and memory interference, slowed ability of the body to repair damage, immune function decrease, cancer and electrohypersensitivity. Based upon the scientific evidence set forth in The Seletun Statement and the BioInitiative Report."
http://international-emf-alliance.org

The Seletun Scientific Panel acknowledges that numeric limits derived here for new biologically-based public exposure standards are still a billion times higher than natural EMF levels at which all life evolved. It is a serious mistake to believe that we have always lived in man-made electromagnetic fields, such as from electrical power, radio, TV, computers, and wireless telecommunication, and therefore should not worry. It was not long ago when people thought that X-rays, radioactivity, strong ultraviolet light and radar were completely without harm. Nowadays we know much better!

esempi di inganni 'scientifici'

Interessante questa intervista alla ricercatrice ed esperta Magda Havas sugli inganni voluti scientificamente per arrivare a conclusioni, spesso forzate, secondo le quali  'la scinza riassicura la non esistenza di danni ...'.

si parte dai conflitti di interesse che si notano quando si nota che all'80% i risultati di uno studio è vicino a chi lo finanzia ...

... oppure come  impostare le specifiche della ricerca per classificare un utente regolare del cellulare chi fa una telefonata alla settimana !!!   e quindi arrivare alla conclusione che un uso 'regolare' del cellulare non evidenzia danni ... come lo considerate ?!

Però in genere vengono lette le pochissime righe dell'estratto, che poi viene rimpallato nei media: cio' che viene poi megafonato è la frase finale  < no danno per uso 'regolare' > !

ci sono altri esempi, come uno studio danese in cui NON si sono presi in considerazione chi  usa il cellulare aziendale , che normalmente e notoriamente - visto che non paga l'utente - è massivo !

etc etc

sabato 22 dicembre 2012

A proposito di accesso agli hotel per le persone elettrosensibili


sappiamo tutti noi che è diventano estremamente difficile per gli ES muoversi,  cercare e scegliere hotel:  essi si sono attivamente impegnati ... per installare antenne wireless, come segno di attenzione al cliente ...

Interessante è quanto mi racconta mio figlio che ha appena prenotato un hotel a Londra per Capodanno e lo staff ha informato l'esistenza di Wifi nell'hotel E ha chiesto  SE VOLEVA CHE FOSSE ATTIVATA O DISATTIVATA.

Come possiamo far si che queste attenzioni entrino a far parte della prassi degli hotel italiani ?

Rientriamo nel discorso di far riconoscere i pari diritti per i disabili (a causa di ES) ad es. di accedere in un edificio ...?

martedì 18 dicembre 2012

Zone libere da CEM ...

La ricerca di zone con bassa presenza di CEM è presente dovunque nel mondo.

In Italia un tentativo è stato fatto vicino a Brisighella.

Interessante è quanto realizzato negli USA, da parte dello Sato di Arizona (sembrerebbe voluto dallo Stato: ho chiesto conferma) : qui vedete una presentazione di questo villaggio che mi sembra di  capire nel deserto (?!) a qualche Km da due cittadine.

Ma c'è anche un progetto in corso in Canada mi sembra molto articolato

In Austria invece la Associazione Vienna Medical Association  ha chiesto che vengano individuate zone a basso impatto di CEM , in modo analogo a quanto avviene per il fumo ...

Ordine del giorno alla Camera

presentato ordine del giorno che impegna il Governo a verificare l'impatto che l'art 14 del DDL Sviluppo avrà sulla salute pubblica

sabato 15 dicembre 2012

Il Presidente della principale società di telefonia belga NON vuole Wifi nel piano dive c'è il suo ufficio !!!


Inoltre non vuole che si telefoni al suo telefono cellulare !!!
Inoltre ha partecipato ad un incontro con i ragazzi a scuola sui pericoli di Internet, ma anche della pericolosità del GSM

______________________________________________________________________


The head of Belgium’s largest cellphone company bans WI-FI from his offices and tells kids cellphones are dangerous!

From Andre Fauteux, Editor
La Maison du 21e siècle magazine:
The head of Belgacom is not crazy about the Wi-Fi fad in his cellphone company’s skyscraper. The 27th floor, occupied by management, thus goes without the technology that allows high speed broadband Internet access. The decision is barely surprising when we know that Didier Bellens also asks his contacts to call him on his landline rather than on his cell.
The man who heads Belgacom, and thus Proximus, briefed schoolchildren Tuesday about the dangers of the Internet, in the charming company of (tennis player) Justine Henin. The initiative was organized with Child Focus and Microsoft.
Didier Bellens, president of Belgacom (Belgium cell operator), explains that the GSM (Global System for Mobile Communications) is dangerous – (Sudpresse – 25/11/2011). And when a child asks about the dangers of cellphones, the head of the country’s largest cellphone company does not mince his words. He explains to pupils of the Centre of Woluwe-Saint-Pierre school that GSM is bad and a health threat.
“During the day, it is better to use a headset because the GSM, it heats,” he first explained. “The waves are dangerous. At night, it is better to shut it off. If you use your phone as an alarm clock, you should also turn it off.”…
Contacted, Belgacom’s spokesperson was not surprised by his employers comments: ”Didier Bellens is only indicating the precautionary principles recommended by the World Health Organization. Remember that nothing has ever been proven about the dangers of GSM…”
Andre Fauteux, Editor
La Maison du 21e siècle magazine
2955 Domaine-lac-Lucerne
Ste-Adèle (Qc) Canada J8B 3K9

venerdì 14 dicembre 2012

Il Decreto sviluppo è diventato legge !!!

Il DDL Sviluppo è diventata legge.
Da un'occhiata veloce, visto la astrusità del testo, sicuramente nulla delle ns rivendicazioni sono passate, mentre mi pare che si è ulteriormente aggravata la deregulation per 4G e qualcosa legata ai condomini.

Prima di mettere la testa sotto la sabbia, visti che questa legge deve essere attuata pensate che possano essere messe in piedi interventi , anche 'di collaborazione' ?

Ciao

Giorgio

mercoledì 12 dicembre 2012

Attenzione ai laptop , non metteteli sulle ginocchia !

Studio fatto in ITALIA!!!!! personalmente conferma quello che gia accadeva al mio fisico col mio portatile ...mi devasta e coì è ampiamente documentato in questo importante studio condotto dai pediatri della Università di Siena.
 
ANCHE MICROSOFT LO AMMETTE A PROPOSITO DELLA TASTIERA ... SIAMO SOLO CAVIE...... E' SPAVENTOSO.
 
 
 
 
ITALY
Dept of Pediatrics, Obstetrics and Reproduction Medicine, University of Siena.
ASL 7 (Local Health Agency), Prevention Dept Physical Agents Laboratory, Siena.
CNR (Italian Research Council), Institute of Applied Physics (IFAC), Florence, Italy.
Exposure to Electromagnetic Fields From Laptop Use of “Laptop” Computers

Exposure to Electromagnetic Fields From Laptop Use of “Laptop” Computers 
 
 
Le emissioni misurate riportano dei valori che pur rimanendo nei limiti, alti, che la Legge riporta (fonte ICNIRP) è molto superiori a quelli consigliati da fonti non-negazioniste .
 
Un consiglio è non metterli sulle ginocchia, vicino al corpo e questo vale sia per le donne in gravidanza ma anche per i 'maschietti' per depotenziamento della mobilità degli spermatozoi (vedere diversi studi  su calo riscontrato negli ultimi decenni)
 
“In the LTCs analyzed, EMF values (range 1.8–6 μT) are within International Commission on Non-Ionizing Radiation (NIR) Protection (ICNIRP) guidelines, but are considerably higher than the values recommended by 2 recent guidelines for computer monitors magnetic field emissions, MPR II (Swedish Board for Technical Accreditation)
and TCO (Swedish Confederation of Professional Employees), and those considered risky for tumor development... the power supply induces strong intracorporal electric current densities in the fetus and in the adult subject, which are respectively 182–263% and 71–483% higher than ICNIRP 98 basic restriction recommended to prevent adverse health effects.”

martedì 11 dicembre 2012

Avvertenze sotto una tastiera ...

mia moglie casualmente ha scoperto questa etichetta (tra l'altro bella grossa , di dimensioni inusuali) sotto la tastiera per PC della Microsoft.

Notate che vengano riportati 'tutti' i sintomi della elettrosensibilità, senza ovviamente chiamandola tale,  e indicando, con caratteri molto evidenti, di rivolgersi a parsonale medico qualificato.

Quale personale medico ? 
medicina del lavoro ? medico della 626 ? 
vedo - nella storia di mia moglie, che sta subendo i danni di una scuola che ha ricevuto tanti soldi per essere altamente informatizzata  ( 16 antenne wireless !  ) - che nulla succede.

Mi sono convinto che abbiamo un solo persorso che è quello di spingere per il riconoscimento dei pari Diritti  per i disabilità da ES

Libro su elettrosensibilità



un altro libro, in inglese, su Elettrosensibilità e MCS

http://www.amazon.com/Healing-Severe-Chemical-Sensitivity-Electro-hypersensitivity/dp/1479244740/ref=sr_1_1?s=books&ie=UTF8&qid=1355218324&sr=1-1

venerdì 7 dicembre 2012

Parlamento Europeo : più protezione ai lavoratori contro CEM

La Commissione del Parlamento Europeo per Employment and Social Affairs ha votato a stragrande maggioranza una raccomandazione per revisione dei limiti di esposizione a CEM per i lavoratori sottoposti a tali radiazioni.
Raccomandano una revisione dei limiti ICNIRP.  I datori di lavoro si debbono attivare per ridurre il pericolo di danni .  Flessibilità per chi lavora nel campo medico per la RISONANZA MAGNETICA (Nota bene !!!) e anche per il settore militare.

martedì 4 dicembre 2012

Un altro suicidio: questa volta in Spagna

Arriva un email da un'associazione tedesca, che rilancia un'informazione che parte da un'associazione di difesa degli elettrosensibili, spagnola.

Si riferisce ad una cinquantenne spagnola che si è suicidata dopo che il comune ha dato l'autorizzazione alla installazione di  un'antenna a 50 m dalla sua casa.

C'è anche un link ad un video con una sua intervista, in spagnolo

It is about a woman
Angela Jaen Martin who committed suicide after the city allowed a cell tower
within 50 meters of her home after she was already suffering from EHS. There
are links to video interviews with her and to the Spanish EHS movie.

Lotta dei Siciliani contro una altra stazione di controllo US


I comitati siciliani ed in particolare l'ADAS sono attivi in una lotta impari contro le Forze Armate Americane, che vogliono aumentare ulteriormente il vasto parche di antenne con il MUOS Mobile User Objective System, ovvero il moderno sistema di telecomunicazione satellitare della marina militare statunitense, composto attualmente da tre stazioni collocate in Virginia, Hawaii e Australia, cui dovrebbe presto aggiungersene una quarta, in fase di installazione, in Sicilia

La sentenza della Cassazione ed il mondo delle assicurazioni

Vi segnalo questo interessante articolo, tratto da una rivista del settore assicurativo (e non da una rivista ambientalista ...).

Qui viene sviluppato l'argomento che questa sentenza italiana apre a future cause , anche negli USA, in quanto è un valido  precedente giudiziario.

Tra i GRANDI RISCHI che le aziende e le società assicurative debbono affrontare ci sono:

- catastrofi natirali
- terrorismo
- sicurezza informatica
- radiazioni da radiofrequenze    ....     !

In particolare la giornalista specifica il rischio da RF irradiate al personale che lavora sulle proprietà altrui per vari tipi di interventi, e che quindi possono rivendicare danni nei confronti di diversi soggetti, dal provider del servizio wireless, ai proprietari dello stabile, alle società di telefonia, ...

giovedì 29 novembre 2012

Comunicato stampa sulle affermazioni del Ministro Balduzzi




 

La RetenoelettrosmogItalia  è sbalordita dalle affermazioni del Ministro Balduzzi, come riportate da ANSA, ad un question time  alla Camera, secondo le quali  <  Non ci sono ''evidenze scientifiche di un nesso di causalita' tra esposizione a campi elettromagnetici e l'insorgenza di tumori nell'uomo o in animali da laboratorio'' >
Sono affermazioni che stanno bene in bocca ai rappresentanti della industria delle telecomunicazioni e della telefonia &Co. ma non in quella di un Funzionario  Istituzionale che deve garantire la salute della popolazione !!! 
  • Non capiamo come sia possibile fare  queste affermazioni quando una sentenza della Cassazione, poche settimane fa,  ha asserito esattamente l'opposto ...
  • non capiamo come mai allora lo IARC ('braccio tecnico scientifico' dell' Organizzazione Mondiale della Sanità)  ha nel maggio 2011  - dopo attento, estremamente scrupoloso e "sofferto" (per gli enormi interessi economici sottesi) esame di tutta LA LETTERATURA SCIENTIFICA,    classificato le radiofrequenze come POSSIBILI CANCEROGENI 
  • non capiamo  come mai il Parlamento Europeo ha più volte in questi ultimi anni chiesto ai Governi Nazionali di rivedere i criteri di attuazione del Principio di precauzione nello utilizzo di queste tecnologie che, sicuramente,  NON sono sicure.
Siamo convinti che la intelligenza dei parlamentari ed il rispetto per il proprio  ruolo possano  essere superiori alla fortissima pressione che ben individuati  interessi economici stanno esercitando sulle loro teste!

Dr Giorgio Cinciripini

Brutte notizie dalla commissione parlamentare sulla conversione del Decreto Crescita


brutte notizie sul fronte dei lavori parlamentari per la conversione in legge del c.d. Decreto Crescita, il cui art. 14, 8 comma, come abbiamo più volte evidenziato, introducendo nuove modalità di misurazione dei c.e.m., spalanca le porte a migliaia di antenne LTE per la diffusione del servizio di telefonia mobile di 4° generazione.
La Commissione Industria, presso cui è in esame il testo del decreto, ha dichiarato improponibili o respinto alcuni tra i più significativi emendamenti, rivolti a sopprimere il comma 8 del citato articolo, presentati da alcuni senatori. In particolare, risultano respinti gli emendamenti 14.17, 14.18 e 14.19, mentre, a peggiorare il quadro della situazione, è intervenuto l’emendamento di seguito riportato, stavolta accolto dalla Commissione, che nei fatti incide sulle procedure autorizzative, andando ulteriormente a semplificare la vita degli installatori di antenne, che potranno semplicemente autocertificare la conformità dei lavori eseguiti ai fini della attivazione dell’impianto.  Fenomenale !

sabato 24 novembre 2012

1970: uno studio sugli effetti delle microonde ...

viene portato alla nostra conoscenza uno studio della Accademia delle Scienze USSR del 1970, tradotto nello stesso anno dalla NASA, in cui si dice che - allora -  l'utilizzo di tecnologie radioelettroniche sta mettendo a repentaglio, in quegli anni, la popolazione.
Si dice, allora, che nonostante la grossa disponibilità di documentazione scientifica sugli effetti di micro onde sugli organismi biologici, queste conoscenze vengono impropriamente nascoste ...
si dice, allora, che mentre c'è una forte spinta ad utilizzo di tali tecnologie, la conoscenza dei meccansimi di azione è inadeguata e quindi il mondo scientifico non è in grado di dare indicazioni sulle precauzioni da prendere .


E tutto questo oltre 40 anni fa !

Notare che questo libro è stato immediatamente tradotto dalla NASA (allora, ricordiamoci,   il Mondo era diviso in due blocchi  !) .

Cosa è cambiato?
Nulla !

Questo libro consta di oltre 200 pag. con oltre 500 riferimenti a lavori scientifici .

sabato 17 novembre 2012

4G ci dà una mano ...

in UK cresce la preoccupazione che il programma di installazione diffusa e massiccia di antenne 4G possa addirittura oscurare la ricezione della televisione !

Si reclama una sperimentazione,      prima ...

... e non si parla di valutare se queste nuove frequenze con una alta velocità di download possa danneggiare  la popolazione

giovedì 15 novembre 2012

in Inghilterra: è in arrivo un volantino governativo sui pericoli del cellulare

Pare che il Governo britannico stia predisponendo un volantino - per le feste Natalizie - in cui si riporta la incertezza della scienza nella certificazione della salubrità dell'uso del telefono cellualre

I volantini - che potrebbero trovarsi in negozio entro due settimane - si occuperà di una serie di preoccupazioni, in particolare gli effetti che le radiazioni dei cellulari possono avere sui bambini.
Essi consigliano i genitori di controllare  che i bambini sotto i 16 anni  limitino  l'uso dei cellulari per le chiamate essenziali La mossa arriva dopo che il  ministro ha  accettato le raccomandazioni di Sir William Stewart, l'ex scienziato capo del governo, che ha presieduto una inchiesta completa in le prove disponibili.
Ha detto che mentre non vi era alcuna prova ancora che i cellulari possono danneggiare la salute, gli scienziati avevano scoperto "effetti sottili biologici" che potrebbero risultare dannose per il futuro.
Alcuni esperti ritengono cellulari possono provocare la perdita di memoria e mal di testa, e potrebbe anche avere il potenziale di causare tumori a lungo termine.
I giovani sotto i 16 anni potrebbero essere più vulnerabili a qualsiasi radiazione, perché hanno più sottili teschi e il loro sistema nervoso è ancora in via di sviluppo.
Preoccupazione per l'uso di telefoni cellulari tra questa fascia di età si è aggravata perché sono rapidamente diventate un 'must-have' accessorio per la moda-consapevole adolescente. Come molti come uno su quattro degli utenti del Regno Unito 30 milioni di cellulari ora si pensa di essere sotto i 18 anni.
 


Una fonte presso il Dipartimento della Salute ha detto trattative con i produttori e rivenditori erano ancora in corso, ma i volantini sono 'probabilità di essere consegnati al punto di vendita'.
Essi sono stati introdotti in concomitanza con la corsa di Natale  I funzionari hanno anche discusso i piani per inviare le avvertenze per la salute con le bollette telefoniche in modo che raggiungano il numero di clienti possibile.
Il governo è ansioso di far vedere che prende tutte le precauzioni su possibili danni nel  caso che dovesse  emergere una prova inconfutabile di un rischio per la salute.
I ministri vogliono evitare il ripetersi del fiasco della BSE, nel corso della quale è stato minimizzato il potenziale di rischio a fronte di incertezza scientifica.
Il Segretario per l'Istruzione David Blunkett ha già scritto a tutte le scuole del paese chiedendo loro di vietare minori di 16 anni di utilizzo dei telefoni cellulari se non in caso di emergenza.
Il Dipartimento dei Trasporti, dell'Ambiente e delle regioni ha anche riferito deciso che tutti antenne per la telefonia di sotto dei 15 metri saranno oggetto di piani regolatori completi.
Anche se i funzionari negano una decisione è stata presa, è possibile che ci sia qualche tentativo di calmare la preoccupazione dell'opinione pubblica nel corso degli alberi, di cui ci sono circa 20.000 in Gran Bretagna, di cui 500 su siti scolastici.


qui l'articolo

Strategia delle società di telefonia

rilancio il link a questo articolo scovato in una rivista nota del mondo wireless,  che ben illustra la motivazione della modifica del metodo di misurazione dei CEM ....

mercoledì 14 novembre 2012

Una buona notizia dal Ministro Balduzzi grazie ad Ovada

un giornale locale riporta la notizia che   il Ministro della Salute ha riscontrato come fondate le preoccupazioni espresse e che sarebbe intervenuto nella approvazione del DL Sviluppo ....

... sarà vero ?!

se non erro  è proprio per oggi l'approvazione di quella parte del Decreto !
Vediamo !

lunedì 12 novembre 2012

Comunicato Stampa ai Senatori

che mercoledi' prossimo saranno impegnati nelle votazioni del Decreto Sviluppo bis, che contiene il famigerato art 14 della de-regulation delle misurazioni.

E' stato inviato questa sera.

Speriamo che serva , anche questo, a far maturare se non altro dei dubbi ...

Legge “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”. Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali. - Rischio riduzione vincoli sanitari da esposizione ad inquinamento elettromagnetico.
Con l'articolo 14 si vuole introdurre una de-regulation :
non si misura più in un ristretto lasso di tempo per individuare i valori alti di esposizione , ... ma si fa la media delle 24 ore: quindi si ammettono valori altissimi ad es. nella mattina, visto che di notte la trasmissione è bassissimea !
Le lobby della telefonia e della indutsria lo hanno spudoratamente anche scritto : guardate questo ritaglio di una quotata rivista sul Wireless:
Trattasi, dunque, di un provvedimento che attua una grave ed irreparabile deregulation dei procedimenti amministrativi finalizzati alle verifiche preventive ed ai controlli di carattere sanitario, che va ad incidere pesantemente sulla corretta applicabilità del Principio di Precauzione, vanificando i richiami ai criteri di minimizzazione, contenuti a più livelli, sia nella normativa nazionale che comunitaria, in materia di impianti di telecomunicazioni.
Egregi Senatori: sta a voi bloccare questo atto criminoso che avrà ripercussioni certe nel medio lungo termine su tutta la popolazione!
per la
Dr G. Cinciripini

Associazioni USA fanno appello per la introduzione della etichettatura

Due importanti associazioni americane The Environmental Working Group e  la Public Citizen  hanno fatto appello alla 'Corte di Appello' di richiedere la implementazione della norma introdotta dalla Contea di San Francisco di etichettare i telefoni cellulari con frasi di rischio e con la indicazione del SAR

interessante è leggere il documento presentato che - anche se riferita alla normativa US - fa il punto su scienza - norme - precauzione

500 piccioni stramazzano al suolo, in India

In questo articolo il giornale The Times of India riporta forti sospetti che questa ecatompe in 3-4 giorni sia stata causata  da radiazioni a radiofrequenze.

venerdì 9 novembre 2012

Petizione contro l'art 14 in Regione Veneto

ELETTROSMOG: SUI LIMITI NON SI PUÒ BARARE.
PETTENÒ: «LA GIUNTA INTERVENGA PRESSO IL GOVERNO AFFINCHÉ VENGANO STRALCIATE LE NORME DEL “DECRETO SVILUPPO” CHE ALLENTANO LE TUTELE IN VIGORE E METTONO A REPENTAGLIO LA SALUTE DEI CITTADINI».
7 novembre 2012 – Il decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese” (c.d. “decreto sviluppo”) contiene, all’art. 14, “Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali”, disposizioni destinate ad allentare i vincoli legislativi sui limiti di esposizione ai campi elettromagnetici previsti nel D.P.C.M. 8 luglio 2003.
Ciò che è importante sapere è che le disposizioni di questa nuova legge aumenteranno in modo molto significativo l’esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Fulcro dell’articolo 14, infatti, è la variazione delle modalità di rilevazione di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz (quelle generate dai cellulari). Ciò, però, avviene in maniera quantomeno “furbesca”. Fino ad oggi i valori di campo vengono monitorati ad intervalli di 6 minuti, come previsto nella normativa CEI 211-10.
La nuova legge, invece, permetterebbe che i valori siano riferiti a una media di 24 ore. Se questa norma fosse approvata, la base di calcolo si allargherebbe e, nella media giornaliera, i picchi massimi verrebbero compensati da quelli minimi delle ore notturne, e i limiti di legge, in tal modo, non verrebbero mai superati. In questo modo, inoltre, le aree cosiddette sensibili, perché ritenute ad alta frequentazione, potrebbero subire un’esposizione ai campi elettromagnetici doppia o tripla rispetto ai valori di attenzione e agli obiettivi di qualità attuali, indicati dal D.P.C.M. 8 luglio 2003. In definitiva, si tratta di un provvedimento che attua una grave e irreparabile deregulation dei procedimenti amministrativi finalizzati alle verifiche preventive ed ai controlli di carattere sanitario, che va ad incidere pesantemente sulla corretta applicabilità del c.d. principio di precauzione.
Le motivazioni esposte nel testo di legge sono legate alla necessità di implementare le infrastrutture di telecomunicazione per la distribuzione della banda larga ed i servizi di telefonia mobile di c.d. “quarta generazione” (o 4G, per le cui frequenze, nei mesi scorsi, le compagnie telefoniche hanno dato vita a un’asta da 4 miliardi di euro). Lo sviluppo tecnologico del Paese non va bloccato, ma la diffusione di nuove tecnologie nel campo della comunicazione elettronica digitale non può e non deve avvenire sacrificando la salute di cittadine e cittadini. Bisogna infatti dire che i ripetitori per la nuova tecnologia 4G non sono imprescindibili: non introducono significativi elementi di novità in termini di nuovi servizi ma si configurano, al contrario, come concorrenti ed alternativi al servizio già esistente ed attualmente fruibile che utilizza la fibra ottica, una tecnologia decisamente non impattante né nociva sia per la salute che per l’ambiente.
Per questo, il Consigliere regionale Pettenò (FdS-Prc) ha oggi presentato una mozione in cui chiede alla Giunta Regionale di attivarsi in ogni sede per chiedere al Governo di disporre lo stralcio dell’articolo 14 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, la cui applicazione non giustificherebbe, in termini di sviluppo tecnologico per il Paese, i costi che la collettività sarà chiamata a sostenere a causa dei maggiori, accertati rischi per la salute della popolazione.

mercoledì 7 novembre 2012

Altro commento ed analisi sulla sentenza della Cassazione

... riporto questa puntuale analisi sulla rilevanza della sentenza della Cassazione, mentre nel frattempo il Governo e quindi il Parlamento ci propinano un intervento premedidato di de-regulation !

From: Joel Moskowitz [mailto:jmm@berkeley.edu]
Sent: Tuesday, November 06, 2012 9:54 PM
To: Joel
Subject: Italy: Court blames tumor on cell phone

Italy: Court blames tumor on cell phone

Stephanie M. Lee, San Francisco Chronicle, November 6, 2012
To do his job, Innocenzo Marcolini chatted on his cell phone up to six hours daily, often holding the device in his left hand.
After a dozen years, the Italian businessman developed a noncancerous brain tumor near his left ear. Last month, in a ruling believed to be the first of its kind, Italy's top court sided with doctors who blamed the tumor on electromagnetic radiation from his phone.
The ruling, which entitles Marcolini to workers' compensation in the form of a disability pension, adds fuel to a long and furious debate over the potentially harmful health effects of cell phones. Some experts say it could open the door to similar legal claims, while others note that most research shows that the devices are not hazardous.
Concerns over cell-phone safety have particularly resonated in San Francisco, which passed a landmark ordinance - now on hold because of a legal challenge - to require that the products come with warnings.
Although Marcolini's tumor was noncancerous, it had reportedly been encroaching on his carotid artery, the major blood vessel responsible for transporting blood to the brain. Surgery removed it, but Marcolini testified that it left him with severe pain that requires daily painkillers.

Ruling disputed

The ruling by Italy's Supreme Court has stirred mixed reactions among medical experts, who disagree about the validity of the evidence that Marcolini's lawyers mounted to blame electromagnetic radiation.
Marcolini's lawyers cited a 2007 study from Sweden, which suggested that more than 10 years of cell phone use increases the risk of acoustic neuroma, a slow-growing noncancerous tumor of the nerve that connects the ear to the brain, and glioma, a rare type of brain cancer.
But the kind of tumor Marcolini had, a neurinoma, is associated with exposure to noisy environments, noted Joseph Wiemels, an associate professor in UCSF's Division of Cancer Epidemiology. Marcolini's illness may have in fact developed because of the phone's level of noise, not electromagnetic radiation, he said.
"The jury is still out on whether really heavy use of cell phones may increase risk of brain cancers," Wiemels said.
Dozens of smaller studies have found some correlation between cell phone use and brain tumors, as well as other health issues such as decreased sperm count. Restrictions on cell phones are in effect in some countries, such as France, which requires that the phones come with information about their radiation levels and be sold with a headset.
But most major medical groups, including the National Cancer Institute and the American Cancer Society, have said there is no conclusive evidence that wireless devices cause cancer.

The DNA factor

It is generally accepted that damage to DNA is necessary for cancer to develop, but the American Cancer Society points out on its website that the radiofrequency energy from phones isn't enough to cause DNA damage in cells or to heat body tissues.
In 2010, a study across 13 nations - one of the largest and longest on cell phone use - found no overall increased of brain tumors.
It did note that participants who used cell phones the most showed a higher risk of glioma. But the researchers said there was not enough information to prove that a strong link existed and believed that some participants may have exaggerated the extent of their cell phone use.
Last year, the World Health Organization declared cell phones "possibly carcinogenic," putting them in the same group as some dry cleaning chemicals and pesticides. The category, as the wireless industry noted, also includes pickled vegetables and coffee.
Still, experts recommend that heavy chatters use a corded headset or speakerphone just to be safe.
Joel Moskowitz, director of the Center for Family and Community Health at UC Berkeley, said cell phones have not been consistently used long enough for researchers to study their long-term health effects. But that doesn't mean they're safe, he said.
"There's certainly considerable evidence that's ... sufficient to warrant precautionary health warnings," he said.

Just the beginning

The ruling in Italy likely won't be the last of its kind, said Devra Davis, founder of the Environmental Health Trust.
"This decision is likely to set the stage for other determinations in other nations," she said.
Such a warning was scheduled to take effect in San Francisco in October 2011. Under a city ordinance, the first of its kind in the nation, retailers would be required to give each cell phone buyer a fact sheet including the World Health Organization's "possibly carcinogenic" categorization.
But the legislation was put on hold after a judge, ruling on a lawsuit by the industry trade group CTIA-The Wireless Association, concluded that parts of the ordinance went too far.
In September, a federal appeals court blocked enforcement of the ordinance.
The trade group did not return calls for this story.
Last month, the city attorney's office submitted a petition for a rehearing. If it is granted, the city would cite the ruling in Italy as "another example of why the courts should not be closing the door on these kinds of disclosures," said Vince Chhabria, deputy city attorney.
Ellen Marks hopes the city wins for the sake of people like her husband, Alan, who spent 20 years discussing his real estate business on his cell phone, which he held to the right side of his head. They believe it led to a malignant glioma above his right ear in 2008.
Marks, who now lives in Lafayette with her husband, pushed for the city's ordinance and co-founded with her son the California Brain Tumor Association, which lobbies for cell phone safety laws.
"My feeling is, having lived this ourselves, it's a horrible disease. There are so many people who have been affected by it," she said. "We need this."
===
For a discussion of the implications of this case for the U.S. ...

Italian Supreme Court Rules Cell Phones Can Cause Cancer

What are the implications of this ruling for the United States?
--
Joel M. Moskowitz, Ph.D.
Director
Center for Family and Community Health
School of Public Health
University of California, Berkeley
50 University Hall
Berkeley, CA 94720-7360
 
Phone:  510-643-7314
E-mail: jmm@berkeley.edu
WWW:    http://cfch.berkeley.edu

martedì 6 novembre 2012

Il Sindaco di Potenza Picena lotta contro i radar

Anche il Sindaco incalza prese di posizioni ufficiali sul nuovo radar dell'Aeronautica militare a Porto Potenza Picena e sulla incolumità della popolazione.

E' disponibile a spegnere l'interruttore !

Un altro caso di suicidio di un elettrosensibile

Questa volta in UK.

Il suicidio di un  laureato ad Oxford, di 36 anni, commesso dopo una lunga battaglia con una sensibilità ai telefoni cellulari, come risulva dalla inchiesta.


'Zapping in head' from mobiles led son to kill himselfJordan Day
999 callsA university graduate committed suicide after a lengthy battle with a sensitivity to mobile phones, an inquest heard.
Oxford graduate Michael Nield suffered with electro sensitivity – the term used to describe someone who has an unhealthy sensitivity to a particular source of electricity.
In Michael’s case it was mobile phones and phone masts. He had to sleep with a microfibre tent over his bed to reduce the radiation.
He sometimes even had to wear a micromesh body suit when he was out, and his parents, Clive and Barbara, had to move from their home in Herefordshire to the small village of Wardy Hill, near Ely, where there was less exposure to mobiles and phone masts.
Barbara too suffers with the same sensitivity, although it is not as extreme.
On Sunday, June 3, 36-year-old Michael, who was living with his parents in Main Street, Wardy Hill, took his own life, William Morris, coroner for North and East Cambridgeshire, has ruled at an inquest.
Michael’s father found his body inside a car parked on a grass track near their home.
Michael, a gifted musician, had drunk a bottle of vodka and taken an overdose of tablets.
Speaking at the inquest, his mother, a volunteer at Ely Cathedral, said her son had “tried everything” to improve his quality of life.
She said: “Unless people have electro sensitivity they just don’t realise what sort of effects it has. He tried everything to get better. He sought help, he ate a specific diet and he tried so hard.”
She said he sometimes wore a micromesh suit or a hat with mesh to cover his face in a bid to keep phone radiation away.
She said: “He would just get constant zapping in his head. I know the feeling as I get it myself, although not on the level that Michael did.
“That’s why we moved to Wardy Hill as it’s so remote. He did still sleep with a microfibre tent over his bed though, which did help.
“We saw it as a positive step but looking back it was his way of making a last-ditch attempt to be normal and put his illness aside. But that was obviously something he couldn’t do.”
Sarah Dacre, a trustee of ElectroSensitivity UK, said: “It’s extremely upsetting to hear of Michael’s death. I knew him, having received a number of emails from him.
“Sadly the condition is not recognised by the NHS, but it is very real, and we get an average of one suicide a year among those on our books.”
:: Mystery over condition
The World Health Organisation (Who) defines electrosensitivity and similar conditions as ‘symptoms that are experienced in proximity to, or during the use of, electrical equipment, and that result in varying degrees of discomfort or ill health in the individual and that an individual attributes to activation of electrical equipment”.
But the organisation adds that while patients suffer from real health problems “there is no known biological marker or any diagnostic test” for it.
Who has also warned about using commercial products which claim to help reduce symptoms and against home measurement of signals, and says added psychological issues such as stress caused by the introduction of new technologies could be a causative factor.
Research into electrical sensitivity has been increasing in the past five years.
A spokesman for the charity ElectroSensitivity UK said its objective was to get

lunedì 5 novembre 2012

Emendamento proposto da Turco

Alfio Turco ha già predisposto una bozza di emendamento all'art 14 del Decreto Leggere Sviluppo bis , quello della 'de-regulation'.

Qui c'è il testo


sabato 3 novembre 2012

esperienze di ES inglesi



Riporto qui un link  ad una pagina web costruita dai nostri colleghi inglesi in cui vengono introdotte brevi interviste a persone elettrosensibili che hanno avuto voglia di raccontare la loro esperienza:   ci riusciremo anche noi,   un giorno o l' altro ...?!

Mozione contro l'art 14 del Decreto Sviluppo al Consiglio Regionale Toscana


Ci è stato inviato dalla amica Beatrice Bardelli di Pisa  il testo di una mozione che potrebbe esservi utile.

Tratta dell'articolo 14 ("Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali") del Decreto Crescita del Governo Monti ed è stata depositata in Consiglio Regionale della Toscana in data 26 ottobre 2012 dalla capogruppo di Rifondazione Comunista, Monica Sgherri. Non si sa ancora quando andrà in aula.
Tale documento può essere utilizzato liberamente ed anche replicato e o ampliato, corretto ecc.
Il testo è frutto di un lavoro di collaborazione tra me ed Alfio Turco, il nostro tecnico fisico di riferimento.



______________________________________________________________________________
Firenze,  26 ottobre 2012

 

OGG: Mozione

 

In merito al rischio di riduzione dei vincoli sanitari da esposizione ad inquinamento elettromagnetico  vincoli sanitari da esposizione ad inquinamento elettromagnetico contenuti nel Decreto Crescita, in particolare nella parte “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”. Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali.”

 

Il Consiglio Regionale

Premesso che il Decreto Crescita del Governo Monti, contenente "Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese", è stato approvato il 4 ottobre dal Consiglio dei ministri  e che il suddetto decreto non è ancora giunto al termine del suo iter;

Considerato che tale Decreto contiene, all’Art. 14, “Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali”, disposizioni destinate ad allentare i vincoli legislativi sui limiti di esposizione ai campi elettromagnetici previsti nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 luglio 2003 "Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz”;

 

Considerato, inoltre, che le motivazioni esposte nel testo sono legate alla dichiarata necessità di implementare le infrastrutture di telecomunicazione per la distribuzione della banda larga ed i servizi di telefonia mobile di c.d. 4° Generazione, al fine di favorire, tramite una più capillare ed intensa presenza di segnale irradiato:

o   l’accesso in mobilità al mondo delle informazioni e dell'intrattenimento, ovunque;

o   l’accesso ad internet per tutta la popolazione;

o   l’accesso, per la popolazione e le imprese già informatizzate, con velocità di trasferimento-dati superiore;

Verificato, invece, che tali “Interventi” non introducono elementi di novità in termini di “nuovi servizi” ma che si configurano come concorrenti ed alternativi al servizio già esistente ed attualmente fruibile che utilizza la fibra ottica, una tecnologia decisamente non impattante né nociva sia per la salute che per l’ambiente;

 

Ritenuto che la diffusione di nuove tecnologie nel campo della comunicazione elettronica digitale non può e non deve avvenire sacrificando la salute di cittadine e cittadini, cosa  che accadrà se il Decreto Legge n. 179/2012 venisse approvato anche dal Parlamento. L’Art. 14 del c.d. “Decreto crescita” modifica, infatti, le modalità di misurazione dei campi elettromagnetici, disponendo (comma 8, lettere b, c, d)  che i valori di campo si intendano riferiti non più ad intervalli di 6 min., come previsto nella normativa CEI 211-10, ma ad una media di 24 h. Con la conseguenza che si potrà verificare un’incontrollata esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici e che, per di più, le aree c.d. sensibili, perché ritenute ad alta frequentazione, potranno subire una esposizione ai campi elettromagnetici doppia o tripla rispetto ai valori di attenzione ed agli obiettivi di qualità indicati attualmente dal DPCM. 8 luglio 2003.

Considerato, infine, che si tratta di un provvedimento che attua una grave ed irreparabile deregulation dei procedimenti amministrativi finalizzati alle verifiche preventive ed ai controlli di carattere sanitario, che va ad incidere pesantemente sulla corretta applicabilità del Principio di Precauzione, vanificando i richiami ai criteri di minimizzazione, contenuti a più livelli, sia nella normativa nazionale che comunitaria, in materia di impianti di telecomunicazioni.

 

           

Esprime

 

ferma contrarietà alle parti del testo riguardanti l’articolo 14 “Interventi per la diffusione delle tecnologie digitali”, della Sezione V “Azzeramento del divario digitale e moneta elettronica.”


 

 

 

Impegna la Giunta Regionale

 

ad attivarsi in ogni sede per chiedere al Governo di disporre lo stralcio dell’articolo 14  del Decreto Legge, la cui applicazione non giustificherebbe, in termini di sviluppo tecnologico per il Paese, i costi che saremmo chiamati a sostenere a causa dei maggiori, accertati rischi per la salute della popolazione;

 

ad attivarsi, inoltre, presso tutti i Comuni della Toscana affinché provvedano al più presto all’adeguamento dei regolamenti urbanistici ai criteri di localizzazione degli impianti di cui all’articolo 11, comma 1, della Legge Regionale sulla “Disciplina in materia di impianti di radiocomunicazione”, già attiva da oltre un anno (n. 49 del 6 ottobre 2011) ma non ancora recepita dalla maggior parte dei Comuni toscani. Infatti, solo se i Comuni saranno dotati di un piano della telefonia mobile, pur dovendo armonizzare le programmazioni esistenti alla nuova tecnologia, potranno decidere dove e quali impianti verranno autorizzati riducendo, così, drasticamente, l’entità delle potenziali criticità.

 

           

 

 

Consigliera

Monica Sgherri