Syndication

giovedì 31 maggio 2012

Per fortuna che c'è il Trentino ...


La Provincia Autonoma ha lanciato  progetti di miglioramento della velocità di trasmissione dati  (banda ultra larga) anche verso comunità montane , insieme a Telecom Italia,  BASANDOSI SUGLI ESISTENTI CAVI DI RAME , e non , puntando a trasmissione wireless come LTE (detto anche 4G) !

Inoltre entro il 2018 sfrutteranno completamente la dorsale di 750 Km di fibra ottica ... anche se però nella notizia si parla anche di Winet rete radio di accesso wireless.   Non si puo' essere perfetti.


https://www.box.com/s/164c4461aa070bbfc567

martedì 22 maggio 2012

bisogna affermare che almeno l'attenzione all'elettrosmog c'è ...

http://www.pagliughisport.com/bracciali_silicone

questa pubblicità  segna da una parte  il riconoscimento della potenzialità di danni alla salute per elettrosmog,   ma dall'altra la fantasia nella presentazione del prodotto,  senza   alcuna base scientifica, ...    con parolone che   possono far sembrare ... sicure !!!

Ottima proposta: aumentare l'IMU ai palazzi con antenne

Ottima questa proposta che è stata fatta a Ispica (RG) di tassare (incremento dell'IMU ?)   i proprietari di quei palazzi che ospitano antenne e stazioni radiobase.

Visto che loro utilizzo il bene comune (aria) ai fini di un profitto ( = affitto) è bene che in qualche modo 'risarciscano' i cittadini pagando più tasse ...



http://www.radioram.it/ram/index.php/ispica-tassa-sullelettrosmog/

Montagnier: ELF innescano azione patologica di vrus e batteri



documento dal professor Luc Montagnier spiega che "le basse frequenze di rumore di fondo  elettromagnetico ambientale innesca la emissione di onde elettromagnetiche da parte del DNA di agenti infettivi, virus e batteri nel corpo umano, e potrebbe quindi contribuire all'azione patologico ".

vedere

http://www.scribd.com/cinciripini9117/d/94393125-Montagnier-DNA-ELF

mercoledì 16 maggio 2012

Lo Stato di San Francisco introduce istruzioni x usare il cellualre in modo sicuro !




Cell phone radiation warning on San Francisco government web site

May 15, 2012

The City and County of San Francisco recently updated its web site to include precautionary health warnings about cell phone radiation (see below). With the exception of Burlingame, California, we are not aware of any other cities or counties in the U.S. that have incorporated such warnings on their web sites.

The U.S. Court of Appeals for the Ninth Circuit is expected to rule this summer on the lawsuit filed by the CTIA--The Wireless Association against San Francisco's "Right to Know" cell phone ordinance. The ordinance was unanimously adopted by the Board of Supervisors and signed by Mayor Lee on August 2, 2011. San Francisco is the first city and county in the United States to pass cell phone safety legislation.

The CTIA is represented by five law firms.  How much is the industry willing to spend to suppress the public's right to know about the potential health effects of cell phone radiation? 

At least 12 nations have issued precautionary health warnings about cell phone radiation.

Joel M. Moskowitz, Ph.D.

===

Using Cell Phones Safely

San Francisco Department of the Environment

San Francisco's Cell Phone Right-to-Know Ordinance

Although experts are still studying the link between cell phone use and adverse health effects, the World Health Organization has classified radio frequency energy as a possible carcinogen. Find tips for reducing your exposure and information on the Cell Phone Right-to-Know Ordinance.

Reduce Exposure to Cell Phone Radiation

Although studies are ongoing to establish a link between cell phone use and adverse health effects, the World Health Organization has classified RF Energy as a possible carcinogen. Read more about how to reduce your exposure.  Read>

Policies
CellPhone Radiation Safety and Disclosure, January 26, 2010

http://sfenvironment.org/toxics-health/safer-practices/using-cell-phones-safely

===

Reduce Exposure to Cell Phone Radiation

San Francisco Department of the Environment

About Cell Phone Radiation

Cell phones are increasingly important tools of communication. The number of users is on the rise, and children comprise a growing segment of this population. All cell phones emit radio-frequency radiation (also called radio-frequency energy) from the antenna when the device seeks to make a connection with a cell tower. This radiation is emitted in all directions, and is absorbed by the brain or the body depending on where the cell phone is being held or carried.

Reducing Your Exposure

Although studies continue to assess potential health effects of mobile phone use, the World Health Organization has classified Radio-Frequency (RF) Energy as a possible carcinogen as reported in IARC Monographs Volume 102. If you are concerned about potential health effects from cell phone RF Energy, the City of San Francisco recommends:
  • Limit cell phone use by children: Developing brains and thinner skulls lead to higher absorption in children.
  • Use a headset, speakerphone, or text instead: Exposure decreases rapidly with increasing distance from phone.
  • Use a belt clip or keep your phone in a knapsack, briefcase, or handbag to keep some distance between your phone and body: Do not carry your phone directly on your body or at least maintain the recommended safe distance specified in your phones’ user manual.
  • Avoid using your cell phone in areas with a weak signal (in elevators, on transit, or when indicated by your phone): Using a cell phone in areas of good reception decreases exposure by allowing the phone to transmit at reduced power.
  • Reduce the number and length of calls.
  • Turn off your cell phone when not in use.
San Francisco's Cell Phone Right-to-Know Ordinance

It is the policy of the City and County of San Francisco to adhere to the Precautionary Principle, which asserts that government should not wait for scientific proof of health or safety risk before taking steps to inform the public of the potential for harm. There is debate in the scientific community about the health effects of cell phones, however numerous studies have identified evidence of an increased risk of brain cancer and other illnesses as a result of cell phone use. Leading epidemiologists who have studied the effects of radiofrequency energy absorbed from cell phones have recommended that the public be informed of the potential for adverse health effects from long-term cell phone use, particularly for children and pregnant women. See "Additional Information" below for links to studies.

Most cellular phone user manuals state, usually in very fine print, that if a user holds a phone too close to their body, a phone may exceed the radiofrequency energy exposure limitation set by the Federal Communications Commission ("FCC").  It is in the interest of public health to require cell phone retailers to inform customers about measures they can take to reduce their exposure to radiofrequency energy from cell phones. San Francisco's Cell Phone Ordinance requires cell phone retailers to provide their customers with this information through a store poster, warning statements included in sample phone displays, and in a factsheet to be given out with each phone sold and upon customer request.  The ordinance is currently on hold due to an industry law suit.

Additional Information for Reduce Exposure to Cell Phone Radiation

World Health Organization
Factsheet on mobile phones and public health
Learn More

Federal Communication Commission
FCC's page on wireless devices and health concerns
Learn More

http://sfenvironment.org/article/using-cell-phones-safely/reduce-exposure-to-cell-phone-radiation

sabato 12 maggio 2012

Arrivano anche le THz ... sarà vero che si puo' guardare attraverso i muri ?!

 Compaiono sulla stampa articoli entusiastici di applicazioni basate sulle THz (ovvero frequenze superiori di migliaia di volte i GHz , frequenze vicino agli infrarossi)

Viene riportato che uno speciale chip permetterebbe ai cellulari di 'vedere' attraverso le mura, la plastica, ... , i vestiti 
Per quest'ultimo aspetto ricordate - i meno giovani - quella famosa pubblicità di 'occhiali a raggi X' di diversi anni fa ?!.


Speriamo che sia una bufala ....  perché sorgerebbe spontanea una domanda:  < quali effetti sulle cellule?>

http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2131932/The-REAL-X-Ray-spex--new-terahertz-scanner-lets-mobile-phones-walls.html#ixzz1uIGarj5u

Il Governo Indiano decide di ridurrere del 90% i limiti di esposizione di RF

 Il decreto è relativo alle emissioni prodotte dalle stazioni radiobase.

Comunque,
da quello che sono riuscito a capire il limite dovrebbe essere pari a 0,45 W/metroquadrato (x 900 MHz) e 0,9 W/metroquestrato per 1800 MHz.
Sono comunque valori più alti dei limiti presenti in Italia e che si vogliono ammattere ...

Infatti 0,45W/metroquadrato = 13 V/m ca
           0,9                               =  18 V/m ca.


http://rtn.asia/1242_cut-cellphone-tower-radiation-90-gov-mobile-operators

Interessante raccolta di articoli scientifici su RF e danni alla salute

Qui sotto riporto una raccolta di articoli scientifici prodotta da David Carpenter su richiesta del Governo Canadese per rispondere al quesito se gli 'smart meter' (contatori intelligenti che sono connessi via RF) possono essere dannosi alla salute umana 


http://www.ledevoir.com/documents/pdf/carpenter.pdf

mercoledì 9 maggio 2012

Quando è il gioco la salute dei Magistrati ...

... come sono attenti agli  effetti dei CEM, in questo caso a bassa frequenza ...


Vedete questo esposto (che per loro è pane quotidiano) dato in copia alla stampa in cui contestano le misurazioni dell'ARPA  allo interno del Tribunale nei cui sotterranei c'è una cabina di trasformazione dell'energia elettrica a Media tensione dell'ENEL:  

interessante come ben formulano -  è loro mestiere - la loro contestazione alla metodologia seguita dall'ARPA ...  leggete

http://www.retesei.com/2012/41094.html



Tribunale, i magistrati chiedono chiarezza sull'allarme elettrosmog

Fa paura la centralina elettrica, l'Anm di Avellino denuncia: "Preoccupazione per i dati, necessari nuovi accertamenti"

C'è forte preoccupazione tra i magistrati del tribunale di Avellino per la presenza di una centralina elettrica nei locali sotterranei del Palazzo di Giustizia, soprattutto per i conseguenti campi elettrici e magnetici, quantomeno, superiori agli obiettivi di qualità fissati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. E' quanto si legge in un documento dell'Associazione Nazionale Magistrati con il quale "si sollecitano gli organi competenti ad espletare con l’urgenza del caso tutti gli accertamenti necessari e a fornire esaustive risposte" agli allarmistici interrogativi che ormai circolano da tempo. Di seguito vi proponiamo il documento dell'Anm di Avellino che fa riferimento alla corrispondenza tra Procura e Comune di Avellino "dalla quale emerge che quest’ultimo, da molti anni, ha concesso l’uso dei locali sotterranei del Palazzo di Giustizia per l’installazione di una centrale elettrica che costituisce “uno dei principali nodi della rete elettrica Enel in media tensione della Città di Avellino” da cui “partono numerose linee interrate MT (media tensione) a 20 KV per l’alimentazione di cabine stradali MT/BT e delle utenze cittadine”;che, dagli esiti dell’ ARPAC sulle misurazioni dei campi elettromagnetici presso il Palazzo di Giustizia, è risultato anche un valore di 4,45 mTche ai sensi dell’ art. 4 del DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 luglio 2003 “Nella progettazione di nuovi elettrodotti in corrispondenza di aree gioco per l'infanzia, di ambienti abitativi, di ambienti scolastici e di luoghi adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore e nella progettazione dei nuovi insediamenti e delle nuove aree di cui sopra in prossimita' di linee ed installazioni elettriche gia' presenti nel territorio, ai fini della progressiva minimizzazione dell'esposizione ai campi elettrici e magnetici generati dagli elettrodotti operanti alla frequenza di 50 Hz, e' fissato l'obiettivo di qualita' di 3 mT per il valore dell'induzione magnetica, da intendersi come mediana dei valori nell'arco delle 24 ore nelle normali condizioni di esercizio”.che ai sensi della art. 3 del cit. decreto “A titolo di misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine, eventualmente connessi con l'esposizione ai campi magnetici generati alla frequenza di rete (50 Hz), nelle aree gioco per l'infanzia, in ambienti abitativi, in ambienti scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere, si assume per l'induzione magnetica il valore di attenzione di 10 mT, da intendersi come mediana dei valori nell'arco delle 24 ore nelle normali condizioni di esercizio”.che le rilevazioni operate dall’ ARPAC non sono risultate esaustive in quanto:-operate solo su parte del perimetro e dei locali del Palazzo di Giustizia,-i tempi di misurazione non risultano idoneamente documentati e, comunque, non estesi all’ arco temporale delle 24 ore nelle normali condizioni di esercizio della centrale (nei luoghi adibiti a permanenza non inferiori a quattro ore giornaliere si assume, difatti, per l'induzione magnetica il valore di attenzione da intendersi come mediana dei valori nell'arco di 24 ore nelle normali condizioni di esercizio cfr. DPCM dell' 8 luglio 2003 );che deve assolutamente accertarsi se vi è o meno il superamento dei limiti d'esposizione o dei valori d'attenzione previsti dalle norme vigenti, effettuando idonee misurazioni sulla totalità degli spazi adibiti ad ufficio giudiziario e nell’ arco temporale delle 24 ore nelle normali condizioni di esercizio della centrale ; che peraltro deve anche verificarsi se la centrale in oggetto è stata implementata e può dunque costituire nuova opera rientrante nella più restrittiva previsione normativa relativamente al valore massimo consentito.Tutto ciò premesso i magistrati di Avellino esprimono la profonda preoccupazione che desta l’esistenza nei locali sotterranei del Palazzo di Giustizia di una rilevante centrale elettrica in grado di produrre campi elettrici e magnetici, quantomeno, superiori agli obiettivi di qualità fissati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell' 8 luglio 2003 .Sollecitano gli organi competenti ad espletare con l’urgenza del caso tutti gli accertamenti necessari e a fornire esaustive risposte agli interrogativi di cui in premessa, a tutela della salute dei dipendenti, magistrati, avvocati e degli utenti della giustizia, riservando all’esito ogni ulteriore determinazione non escluse iniziative giudiziarie.Si fissa la nuova assemblea per il giorno 12 giugno 2012 ore 13,30 per le ulteriori valutazioni

sabato 5 maggio 2012

Rinviata la Direttiva che impone il rispetto dei valori limite di CEM negli ambienti di lavoro

qui trovate i riferimenti ed i commenti ...

http://www.vegaengineering.com/news/campi-elettromagnetici-rinviata-lentrata-in-vigore-della-direttiva-200440ce-al-31-ottobre-2013-ma-cosa-cambia-davvero-nid1677.html

preoccupante

La Direttiva 2004/40/CE, relativa alla protezione dei lavoratori dall’esposizione ai campi elettromagnetici, recepita dal Capo IV del Titolo VIII del D. Lgs. 81/08, ha sollevato alcune preoccupazioni, in particolare da parte della comunità medica, in merito ai valori limite di esposizione stabiliti dalla medesima, che limiterebbero infatti in modo sproporzionato l'uso e lo sviluppo delle applicazioni mediche di risonanza magnetica (RM), considerate oggi uno strumento indispensabile per la diagnosi e la cura di varie malattie.

... quindi quando si dice che un eletttrosensibile deve stare lontano dalla Risonanza Magnetica ...!


Lo scopo che si prefigge la nuova proposta di direttiva sulla protezione dei lavoratori dai campi elettromagnetici è di allineare i dati agli ultimi risultati scientifici relativi ai rischi dell’esposizione ai campi elettromagnetici, evitando una limitazione alle attività mediche ed industriali che fanno uso di apparecchiature che prevedono l’uso di campi elettromagnetici intensi (risonanza magnetica per immagini).

E' chiaro come ancora una volta risulta centrale il ruolo dell'ICNIRP  purtroppo e dubbi ci sono sui reali obiettivi di questa revisione e  'semplificazione' nella attuazione della Direttiva.

Occorre tenere sotto controllo.

martedì 1 maggio 2012

No-Ant nuovo tag della lotta contro l'elettrosmog


è nato a Torino il Comitato No Ant contro nuove installazioni in un aparte della città
vedere qui sotto l'articolo


http://www.articolotre.com/2012/04/dopo-i-notav-arrivano-i-noant/80994