Syndication

sabato 27 aprile 2013

Un rifugio antiatomico: una soluzione adottata in Germania per elettrosensibili

In questo articolo si riporta questa esperienza già avviata in un bunker antiatomico in Germania, a Künzeller , 70 Km a Nord-Est di Francoforte, dove Ulrike; ES 44-enne pensionata per invalidità
(Nota bene) in condizioni di malattia gravi, dopo un agiornata ha trovato molto giovamento scomparendo tutti i disturbi e con buona qualità del sonno.




http://mowo-flieden.jimdo.com/sachlage/ehs-kranke-im-k%C3%BCnzeller-bunker/
It almost seems like a cone meeting at, in the basement of Künzeller community center near Fulda. The former nuclear bunker was rebuilt after the end of the Cold War to the veritable bowling alley. But an advantage was use, because the basement is still radiate safely. And that is the real reason that has led very different people to pull for four days in a nuclear bunker. After all participants have the same problem: they are electro-hypersensitive (EHS), they feel high and low radiation and suffer greatly.
This disease was ridiculed years ago, patients often explained by their doctors simply crazy. But this view is changing, because the symptoms are due to the sensitivity of the massive expansion of mobile networks counted more frequently in medical practices.
Insomnia, inner vibration as under power, headache, dizziness, nausea, palpitations, word finding difficulties, depression, burnout, upsets, allergies / immune deficiency, high blood pressure, behavioral and learning disorders, hyperactivity in children and adolescents ..., the list of complaints is long.
Under the protection seekers in Künzeller bunker is the 44-year-old Ulrike goat horn from Erfurt. The trained nurse and occupational therapist is on early retirement due to massive radiation effects on their health. EHS diagnosis. "I can not participate in normal life, not spontaneous at the door, not just shopping times, otherwise the complaints begin immediately." Friends they have often had to go to low-radiation areas in the forest in order to protect them. Even in the depths of winter, they slept there in a tent. She was initially a pacemaker recommended because the measured cardiac arrhythmias were life-threatening. But in low-radiation areas, more extensive complaints disappeared. As now in Künzeller bunker. On the second day they could change their protective clothing against normal wear. No pain, no discomfort, finally sleep properly.
"The place where I can stop me, but they are becoming less and less," said the young early retiree.
The expansion of wireless networks by new standards such as LTE goes on unabated. Just recently, the result of a study by the Institute for Mobile and Satellite Radio Technology (IMST) was known: "The statistical analysis shows that in the studied locations, the total emissions has risen through the regular operation of the LTE networks by an average of about 40 percent," And.
The expansion of new digital radio TETRA authorities who wants to achieve a coverage of 97%, threatening the life environment electro-sensitive people.
The first time you open a nationwide fallout shelter for regeneration electro-diseased people came through the club "White Zone Rhön eV established, the Künzeller Mayor Peter Meinecke (CDU) was quickly convinced. The initiative of the electro-sensitive people accompanied the action. Her spokesman Klaus Schuhmacher asks: "Those affected suffer some for years and are now due to the increasing burden, including through the nationwide expansion of the LTE mobile network and the digital TETRA authorities Funke reaches physical limits." The group of fugitives radio is accompanied by Dr. Cornelia Waldmann-Selsam, a doctor from Bamberg. For years she collects case reports, case studies so affected people. She is co-author of the Bamberg doctors appeal of 2004, which calls for the reduction of limit values and the wireless strain. A reduction of limit values also requires the European Parliament in 2009.
So far nothing happened.
In a study by the University of Bielefeld in 2010 it was revealed that approximately 27% of the population on the basis of electromagnetic fields (EMFs) of mobile communications are concerned about their health, 9% feel even existing medical conditions.
One third of doctors holding mobile phone base stations according to the study for concern among physicians with alternative medicine education, it is even much more than half.
The Austrian Medical Association in 2012 expressed the suspicion "that environmental conditions such as the increasing public exposure to radio waves, eg from cordless phones, mobile phone base stations, mobile phones, GPRS, UMTS data cards for laptops / notebooks and wireless LAN (WLAN) but also to electric and magnetic fields emanating from pipes, equipment and facilities, is causally involved in discomfort for no apparent reasons. .. ". So clearly you can not move in Germany, at least not publicly. After all, doctors since March 2013 in Germany treatments that are required by exposure to radiation, properly settle with the insurance companies.
A de facto recognition of the disease EHS.
Warnings, there are always, but usually timid or convoluted. Rarely expressed are such as the World Health Organization, cell phone radiation may now classifies as carcinogenic to humans, known. The European Environment Agency compares the reluctance of policy mistakes in the meantime with asbestos and nicotine. The EU's highest decision-making body urged all European governments in May 2011 to mark a turning point in the mobile policy. You should reduce the radiation exposure and provide electrostatic sensitive people called white areas, sparking areas are available. White zones are exactly those of missing the Künzeller Bunker refugees. Therefore, they accepted the invitation of the Mayor Künzeller Peter Meinecke (CDU) to regenerate sparking in a bunker Künzeller time, with thanks. Through the nationwide expansion there are hardly any niches where people can retire, "white zones, as required by WHO and Euro Europe as early as 2011, there is still no" said Klaus Schuhmacher. And Dr. Waldmann Selsam adds: "Anyone with eyes open runs through the town, is to determine damage to trees in the vicinity of mobile phone base stations. It is so obvious. " The doctor is concerned for several years with the effects of radiation on trees and explains why: "Time and again we hear the view alone the fear of mobile phone radiation do ill.
Well, trees are not afraid, but they clearly respond to electrosmog "and shows nationwide documented cases.
Sylvie






giovedì 25 aprile 2013

Finalmente una proposta di legge Europea è nelle NOSTRE mani !

Il diritto d'iniziativa dei cittadini europei consente ad un milione di cittadini europei di prendere direttamente parte all'elaborazione delle politiche dell'UE, invitando la Commissione europea a presentare una proposta legislativa.

Che ne dite ?

Mi sembra una opportunità che va utilizzata .

Dobbiamo passare dal vittivismo alla proposta ...

Alcune Associazioni Europee si stanno muovendo .

Anche NOI dobbiamo muoverci, per arrivare poi a raccogliere poi , in Italia , centinaia di migliaia di firme !

Che ne dite ?

Giorgio Cinciripini




PS  qui c'è un primo documento di proposte

mercoledì 24 aprile 2013

Al bando i telefonini per i bambini, nel Belgio

qui una notizia  che arriva dal Belgio

Il ministro della Salute ha annunciato il bando della vendita e pubblicità di telefonini in aree temporali riservate ai bambini

La Risoluzione di Porto Potenza Picena del 2013


Dopo il convegno del 20.4.2013 è stata emessa questa risoluzione firmata da eminenti ricercatori italiani  ed internazionali.

ecco qui il documento in italiano ed inglese

martedì 23 aprile 2013

APPELLO DI UN GRUPPO DI GENITORI DELL'I.C. "PABLO NERUDA" AL COMUNE DI ROMA: RIMUOVERE SUBITO IL WI-FI DALLE AULE DELLA SCUOLA PER L'INFANZIA

APPELLO DI UN GRUPPO DI GENITORI DELL'I.C. "PABLO NERUDA" AL COMUNE DI ROMA: RIMUOVERE SUBITO IL WI-FI DALLE AULE DELLA SCUOLA PER L'INFANZIA

La scuola materna e primaria Sant’Andrea (via Ascrea 24) e la scuola primaria ex Elsa Morante di via Casal del Marmo 212, entrambi appartenenti all’IC Pablo Neruda di Roma, sono state coinvolte nel progetto DIGIT ROMA promosso dal Comune di Roma.
All’interno di tali scuole sono stati installati dei dispositivi wireless nelle immediate vicinanze delle aule e, nel plesso di Via Ascrea, sulle pareti esterne di due aule del settore della materna.
L’installazione è avvenuta senza alcuna autorizzazione della Dirigente Scolastica  o del Consiglio d’Istituto.
La presenza di dispositivi wi-fi, attivi 24h su 24h, in un istituto in cui permangono per più di 8 ore al giorno bambini dai 3 agli 11 anni, è ritenuta dai genitori di tale istituto oltremodo inopportuna e pericolosa.  

Ricordiamo che tale tecnologia viene considerata potenzialmente dannosa anche dal Consiglio d’Europa che si è pronunciato contro la loro  installazione nelle scuole.
Il Consiglio dell'Unione suggerisce, inoltre, di privilegiare le reti cablate a quelle senza fili, soprattutto nelle scuole e in luoghi in cui sono presenti bambini, essendo questi maggiormente soggetti ai rischi derivanti dall'esposizione ai campi magnetici
(cit. ‘rappresenta un potenziale pericolo per la salute pubblica, in particolar modo per i bambini’ ).
Fonte:  Sito Consiglio d’Europa (Risoluzione n° 1815 del 2011) http://www.assembly.coe.int/ASP/Doc/XrefViewPDF.asp?FileID=17994&Language=EN
L'IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato le onde elettromagnetiche prodotte da simili dispositivi come 'potenzialmente cancerogene'.                                                                                     Fonte:  Sito AIRC – Comunicato stampa (http://www.iarc.fr/en/media-centre/pr/2011/pdfs/pr208_E.pdf)
In vari paesi (Austria, Canada e in alcune città della Germania) il wi-fi  è stato addirittura vietato in tutte le scuole pubbliche e il governo Merkel raccomanda ai tedeschi di utilizzare le connessioni via cavo. In Gran Bretagna si iniziano a smobilitare gli impianti WiFi per i malesseri accusati da alcuni docenti, alunni e impiegati. Anche in alcune scuole francesi sono stati eliminati di recente le connessioni WiFi.

Sulla base di tali considerazioni e in base a quanto raccomandato dalla comunità scientifica internazionale  e dalla Commissione Internazionale per la Sicurezza ElettroMagnetica (ICEMS), è necessario applicare il principio di precauzione* .
(Fonte : Delibera ICEMS  del 2006 - http://www.icems.eu/docs/resolution_italiano.pdf)

Pertanto, i genitori dell’IC Pablo Neruda, richiedono formalmente al Comune di Roma di rimuovere IMMEDIATAMENTE  i dispositivi wireless (router, antenne) installati presso l’istituto nei plessi di via Casal del Marmo 212 e di via Ascrea 24 e di escludere definitivamente tale istituto dal progetto DIGIT ROMA.



*Con l’espressione principio di precauzione “si intende una politica di condotta cautelativa per quanto riguarda le decisioni politiche ed economiche sulla gestione delle questioni scientificamente controverse.” (Fonte : Wikipedia)

- SEGUONO FIRME RACCOLTE PRESSO IL SETTORE DELL’INFANZIA

lunedì 22 aprile 2013

Leucemia ed elettrodotti: altre conferme

studio appena pubblicato sul British Journal of Cancer, condotto da ricercatori francesi, inerente la possibile correlazione tra leucemia infantile e vicinanza abitativa ad elettrodotti. Le conclusioni sono lapidarie: incremento del 70% del rischio di contrarre una leucemia infantile per chi risiede entro 50 metri con un voltaggio tra i 225 ed i 400 Kv.... avvalorando la classificazione dello IARC (OMS) delle basse frequenze ( elettrodotti,cabine di trasformazione,sottostazioni..) come possibili cancerogeni per l'uomo ( e leucemogene per i bambini..), livello di evidenza 2B
Paolo.
 
 

Incontro di Legambiente a Como con la popolazione su EMF e salute


qui c'è il video della serata di informazione

sabato 20 aprile 2013

Pubblicato il dossier dello IARC sulla pericolosità delle radiofrequenze

Questo documento  di 430 pagine riporta il lavoro di circa 30 ricercatori per  una settimana nel giugno del 2011 che si è concluso con la classificazione 2B :  possibile cancerogeno. delle radiofrequenze.

Punto centrale
"Positive associations have been observed between exposure to radiofrequency radiation from wireless phones and glioma and acoustic neuroma" (p.421). Those associations with brain tumors and tumors of the acoustic nerve were observed by the Interphone study group and Lennart Hardell's team in Sweden.

Il rapporto fu firmato da quasi tutti i ricercatori .

Fu da una parte contestato perché troppo blando , ... ma in ogni caso la classificazione in 2B dopo un cosi' poderoso lavoro di analisi e sintesi, avrebbe dovuto portare le organizzazioni mondiali ad un salto nella attuazione di principi di precauzione,  più restrittivi .  Ma questo non è accaduto.

Il potere economico, tecnico e mediatico delle lobby delle telecomunicazioni, elettronica, telefonia, etc.  è tale da chiudere il coperto per non ascoltare questo 'borbotti' !!!

Le 'nuvole' ed i sistemi wireless sono un pericolo non solo per la salute ma anche per l'ambiente: la CO2 !!!

Questi studi condotti in Australia da Università, Governo dello Stato Vittoria,  ed industria evidenziano  come andando con l'attuale trend di crescita di utilizzo  tramite wireless di cloud (nuvole) per depositare dati, si ottiene un pericoloso e fortissimo incremento della produzione di anidride carbonica.

Con l'attuale trend l'aumento di produzione di CO2 dal 2012 al 2015 è equivalente  a mettere sulla strada altre 4,9 MILIONI di automobili !!!
Questo è dovuto alla estrema inefficienza della tecnologia wireless a trasmettere dati.


 

STUDY FINDS WIRELESS SYSTEMS ARE EXPECTED TO GENERATE ADVERSE ENVIRONMENTAL IMPACTS--equivalent of adding 4.9 million cars to the roads in CO2
THE POWER OF WIRELESS CLOUD; An analysis of the energy consumption, Australian Center for Energy-Efficient Telecommunications (CEET), 2013
http://www.ceet.unimelb.edu.au/pdfs/ceet_white_paper_wireless_cloud.pdf
"Our energy calculations show that by 2015, wireless cloud
will consume up to 43 TWh, compared to only 9.2 TWh in
2012, an increase of 460%. This is an increase in carbon
footprint from 6 megatonnes of CO2 in 2012 to up to 30
megatonnes of CO2 in 2015, the equivalent of adding 4.9
million cars to the roads. Up to 90% of this consumption is
attributable to wireless access network technologies, data
centres account for only 9%."
Wireless networks will use about 90 percent of the energy needed to power the entire wireless cloud services ecosystem in 2015, in contrast with data centers, accounting for nine percent—or less.
CEET is a partnership between the University of Melbourne, Alcatel-Lucent and the Victorian State Government. Alcatel-Lucent, through its research arm Bell Labs, and the University of Melbourne share governance of the centre. CEET aims to minimize network energy consumption.
Toni Stein note:
This study finds measurable energy losses from wireless systems. In the context of current energy supplies, this translates into expected significant CO2 emissions in the earth’s atmosphere that may significantly impact global warming impacts. There is accepted support and significant concern for GLOBAL WARMING’s adverse environmental health impacts including acceptance that UV radiation causes melanoma and cataracts from the UV radiation that is in the same electromagnetic spectrum.
KEY FINDINGS IN THE REPORT:
1. There is an emerging convergence and trend towards cloud services being accessed via wireless communication networks such as WiFi and 4G LTE.
2. The total energy consumption of cloud services accessed via wireless networks could reach between 32 TWh and 43 TWh by 2015. In 2012, the figure was closer to 9.2 TWh.
3. Wireless access network technologies account for 90% of total wireless cloud energy consumption. Data centres account for only about 9%. The energy consumption of wireless user devices is negligible.
4. Previous analysis and current debate on making cloud services more energy efficient is misplaced on data centres and ignores the massive impact of wireless cloud growth.
5. Industry must focus efforts on making cloud services more energy-efficient, including developing more energy-efficient wireless access network technologies.
CHE-EMF (Toni Stein discussion point):

domenica 7 aprile 2013

Un bell'articolo sugli effetti ecologi dei CEM

Grazie al nostro amico Franco, mettiamo a disposizione un'interessante review , in inglese, in cui i ricercatori  hanno  preso in rassegna tantissimi lavori scientifici sugli effetti ecologici dei campi elettromagnetici artificiali.

Le conclusioni non possono essere altro che oltre i due terzi dei lavori riportano effetti sia  a bassa che ad alta dose.

sabato 6 aprile 2013

Un bel video sulla esperienza di due elettrosensbili svedesi

Qui trovate un video molto ben fatto da parte della associazione svedese di elettrosensbilità sulla storia di due donne.  ben costruito e con toni non estremi ...  ci sono i sottotitoli in inglese.

quando si riesce a fare cose del genere anche da parte degli elettrosensibili italiani ?
ricordo che ho anche creato una parte di questo blo in cui chiunque puo' riportare la propria esperienza di vits a... da elettrosensibile è qui

giovedì 4 aprile 2013

Collaborazione tra il Premio Nobel Montagner e l' Ist Ramazzini su ricerca sul cancro

In particolare la collaborazione è finalizzata ad individuare relazioni tra agenti cancerogeni a fattori ed agenti ambientali, tra cui i campi elettromagnetici.

Qui un articolo sulla stampa