Syndication

sabato 28 giugno 2014

Altro disintossicante ... nuovo: la vitamina C

Recentissimo lavoro in cui si dimostra  l'azione protettiva della vitamina C dallo stress ossidativo provocato da radiofrequenze.



Vitamin C protects rat cerebellum and encephalon from oxidative stress following exposure to radiofrequency wave generated by a BTS antenna model

Akbari, A., Jelodar, G., Nazifi, S. Vitamin C protects rat cerebellum and encephalon from oxidative stress following exposure to radiofrequency wave generated by a BTS antenna model. Toxicology Mechanisms and Methods. 24(5):347-352. Jun 2014. DOI: 10.3109/15376516.2014.910852
Abstract
Radio frequency wave (RFW) generated by base transceiver station has been reported to produce deleterious effects on the central nervous system function, possibly through oxidative stress. This study was conducted to evaluate the effect of RFW-induced oxidative stress in the cerebellum and encephalon and the prophylactic effect of vitamin C on theses tissues by measuring the antioxidant enzymes activity, including: glutathione peroxidase, superoxide dismutase, catalase, and malondialdehyde (MDA). Thirty-two adult male Sprague-Dawley rats were randomly divided into four equal groups. The control group; the control-vitamin C group received L-ascorbic acid (200 mg/kg of body weight/day by gavage) for 45 days. The RFW group was exposed to RFW and the RFW+ vitamin C group was exposed to RFW and received vitamin C. At the end of the experiment, all groups were killed and encephalon and cerebellum of all rats were removed and stored at -70 degrees C for measurement of antioxidant enzymes activity and MDA. The results indicate that exposure to RFW in the test group decreased antioxidant enzymes activity and increased MDA compared with the control groups (p<0.05). The protective role of vitamin C in the treated group improved antioxidant enzymes activity and reduced MDA compared with the test group (p<0.05). It can be concluded that RFW causes oxidative stress in the brain and vitamin C improves the antioxidant enzymes activity and decreases MDA.
--

Altra vacanza orientata al no-elettrosmog , in Francia


La posizione è indicata qui nella cartina . Periodo 25/8-1/9.


 
Sent: Friday, June 27, 2014 1:55 PM
Subject: E.H.S French meeting August 2014
 

Rally Summer 2014
Hello everyone,

Our organisation is organizing a week of meetings for electrosensitives and people helping or supporting them from Monday 25 August to Monday 1st September in the town of St Julien-en-Beauchene in the Hautes-Alpes (05), France.
Work around the following themes:

- Creating living environments without irradiation for electrohypersensitives 
- The issue of electrohypersensitive children Electro,
- The recognition of disability by the MDPH (French Authorities)
- Conflict management as regards neighbours
- Electrosensitivity abroad
- Multiple Chemical Sensitivity
- Civil disobedience initiatives

One day will be devoted to discussion, with a variety of contributions, on creating areas free of artificial radiation (“white zones”). The various projects will be presented.

These meetings will be publicized. Many different organisations and groups will be participating.
Description of meeting place:

The gorges of "Riou froid" are located in the commune of St Julien-en-Beauchene. This is the area in which the MEP Michèle Rivasi is piloting a project for an emergency area for relief for people suffering from electrohypersensitivity.

The site is isolated, with no mobile phone reception. Also there are no electricity power lines. There is a small cottage in Riou Froid, and this has been booked by the association so as to allow dormitory accommodation for a small number of participants.
The location offers excellent opportunities for camping: bring a tent, a camping van or caravan. There is also accommodation 5km away in the town of Lus-la-Croix-Haute (26).
Warning: 25% of electro are also MCS (multiple chemical sensitive) (Source: National Census of people electro "Network EHS-Mutual" - contact UneTerrePourLesEHS for details).
Bio washing of all clothing mandatory for everyone. Otherwise, come with unwashed new clothes. Please do not wear any form of perfume during the 15 days preceding the rally.
Note in translation: Ecological washing powders and liquids should not be used as they frequently have the most pungent fragrance of all washing products. Chose a fragrance free detergent. In Scandinavia Neutral detergent is excellent – lacking fragrances, colours and parabenes. Bold have marketed an excellent rival product. These seem unavailable in France or the UK. In France Savon de Marseille seems to be successful. Wash all clothes 3X or more in fragrance free detergents prior to attendence.

More details soon. You can already pre-register at: uneterrepourlesehs@gmail.com simply marking the words 
« Je souhaite participer au rassemblement 2014 » in the body of the text.

Good luck to you all and looking forward to meeting you this summer,

Philippe Tribaudeau

President of the association "A Land For The EHS "
-------------------------------------------------- --------


Accommodation info for the EHS rally from 25 August to 1 September 2014 - Valley Riou Froid in the Municipality of St-Julien-en-Beauchene (05).



Hello,

You will find below the various accommodation options on the site of the encounter as well as the municipality of Lus-la-Croix-Haute (26) (joint closest to the venue).



- On-site Riou Refrigeration (place of assembly) Site without mobile network without any power line.

NFB cottage "Les Chabottes" reserved by the association: 6 places in a dormitory. Price: 8 EUR / Night.

Around the house and gorges, plenty of free camping reservation (tents and camper).

Booking uneterrepourlesehs@gmail.com

More info: http://www.onf.fr/activites_nature/++oid++c56/display_leisure.ht




-On the site of Vallon de la Jarjatte (such as Lus-la-Croix-high)

After the site Riou Refrigeration, this place is the most protected (mobile reception) with remote relay antennas 4 to 6 km from places of accommodation therein. The owners of the locations below have been contacted by our association and all agree to cut their Wifi.




Camping "the Maujas"

22 small camping places without electricity (the nearest base station: 6 km)

Price: 3,40 euros / person - € 2.40 / -1.70 euros tent / car - 4 euros / camper

Contact: 04.92.58.50.58




Resort FOL 26 "Color Nature"

(Antenna nearest relay: 6 km)

To book, contact us uneterrepourlesehs@gmail.com

More info: http://couleurnature.info

Price: 37 euros / adult half board - special group rate from 20 persons


Cottage "Acacia"

Capacity: 5 people

(Nearest base station: about 4km)

Contact: Mr and Mrs Mabeau at 06.99.30.19.42




Chalet Friard Ruth

Price: 390 euros / week

Capacity: 5 people

Note: open only from Thursday, August 28.

Contact: 04.92.66.37.87

(Nearest base station: about 4km)
http://www.vacances-jarjatte.fr.st/




For more choices and information, see the web site of the Lus-la-Croix-Haute tourist office:

http://www.lus-la-croix-haute.com/954/language/fr.html



Location map of antennae on Cartoradio: Voir l'implantation des antennes



-- 
Images intégrées 2
Association "Une Terre Pour Les EHS"
Souvestrière
26410 Boulc
 
Adhésion 2014, merci pour votre soutien : http://uneterrepourlesehs.org/?adhesion-2014

Vous êtes électrosensible, pensez à vous recenser : http://uneterrepourlesehs.org/?recensement-ehs
 
 

Il Selenio aiuta

Da questo studio il selenio (testato il sodio selenite) riduce gli effetti ossidativi ed altri effetti cellulari collegati dovuti dalla radiazione da radiofrequenze.   Prove in vitro, ovviamente.



Selenium Reduces Mobile Phone (900 MHz)-Induced Oxidative Stress, Mitochondrial Function, and Apoptosis in Breast Cancer Cells

Kahya MC, Nazıroğlu M, Ciğ B. Selenium Reduces Mobile Phone (900 MHz)-Induced Oxidative Stress, Mitochondrial Function, and Apoptosis in Breast Cancer Cells. Biol Trace Elem Res. 2014 Jun 27. [Epub ahead of print]

Abstract

Exposure to mobile phone-induced electromagnetic radiation (EMR) may affect biological systems by increasing free oxygen radicals, apoptosis, and mitochondrial depolarization levels although selenium may modulate the values in cancer. The present study was designed to investigate the effects of 900 MHz radiation on the antioxidant redox system, apoptosis, and mitochondrial depolarization levels in MDA-MB-231 breast cancer cell line. Cultures of the cancer cells were divided into four main groups as controls, selenium, EMR, and EMR + selenium. In EMR groups, the cells were exposed to 900 MHz EMR for 1 h (SAR value of the EMR was 0.36 ± 0.02 W/kg). In selenium groups, the cells were also incubated with sodium selenite for 1 h before EMR exposure. Then, the following values were analyzed: (a) cell viability, (b) intracellular ROS production, (c) mitochondrial membrane depolarization, (d) cell apoptosis, and (e) caspase-3 and caspase-9 values. Selenium suppressed EMR-induced oxidative cell damage and cell viability (MTT) through a reduction of oxidative stress and restoring mitochondrial membrane potential. Additionally, selenium indicated anti-apoptotic effects, as demonstrated by plate reader analyses of apoptosis levels and caspase-3 and caspase-9 values. In conclusion, 900 MHz EMR appears to induce apoptosis effects through oxidative stress and mitochondrial depolarization although incubation of selenium seems to counteract the effects on apoptosis and oxidative stress.

http://1.usa.gov/1nNyQXa

venerdì 27 giugno 2014

Nuovo articolo di Martin Pall

questo professore della Washington University che abbiamo già conosciuto in Italia con conferenze (ved. il ns  blog) ha appena pubblicato un articolo più discorsivo rispetto alla pubblicazione scientifica ed alla presentazione fatta, interessante e 'leggibile'

Presenta un modello di meccanismo d'azione che affronta i vari nodi delle diverse tipologie di danni arrecati dalle onde elettromagnetiche.

Settimana di vacanza per la consapevolezza della elettrosensibilità

SETTIMANA VACANZE PER LA CONSAPEVOLEZZA DELLA ELETTROSENSIBILITA'
19-26 LUGLIO 2014
nella Free Elettrosmog Zone de L'Antica Terra a Canino (Viterbo)
 
LA SETTIMANA VACANZE
Una settimana di vacanza e relax in un confortevole e bellissimo luogo verde, autonomo, incontaminato ed ecosostenibile. Una settimana di protezione garantita dall'esposizione dei campi elettromagnetici e dall'inquinamento ambientale,  supportata da un'informazione specialistica su Elettrosensibilità e sui rischi per la salute causati dall'Elettrosmog.
 
A CHI SI RIVOLGE
Principalmente ai malati Elettrosensibili e ai loro familiari, ma anche a quanti desiderano approfondire il tema dell'Elettrosmog per raggiungere una maggiore consapevolezza su un problema sempre più pressante e d'estrema attualità.
 
ELETTROSENSIBILITA', ELETTROSMOG
Sindrome cronica immuno-neuro tossica altamente invalidante, multifattoriale e pluriorgano, l'Elettrosensibilità colpisce sempre più persone in Italia. E' innegabile: viviamo immersi in un brodo elettromagnetico e c'è chi sostiene di assistere al più grande studio epidemiologico a cielo aperto mai condotto nella storia: l'Elettrosensibilità è una malattia ambientale scatenata da campi elettromagnetici, in particolare dall'utilizzo e dalla presenza nell'ambiente di telefoni portatili, cellulari, Wi-Fi, antenne-ripetitori di telefonia mobile, radar, antenne radio, elettrodotti (etc.). L'utilizzo prolungato di cellulari incrementa la probabilità dell'insorgenza di tumori cerebrali.
 
DOVE
Presso l'Azienda Biologica Agrituristica L'Antica Terra di Canino (Viterbo), tra Montalto di Castro e Canino. www.anticaterracanino.it – anche su Facebook L’Antica Terra.
 
SERVIZI
Oltre 3 ettari di verde attrezzato, ridente e silenzioso. Pernotto in Case Mobili e in Yurta (tende della Mongolia) tutte arredate e con bagno autonomo. Posto tenda e posto camper. Bio-piscina coperta e bio-piscina scoperta. Massaggi e trattamenti benessere nella SpA. Palestra coperta. Caldarium sauna finlandese con carbone a legna. Scenografica grotta al sale. Coiffeur unisex. Area gioco per bambini. Colazione/pranzo/cena con prodotti biologici. Seminari e corsi.
 
RACCOMANDAZIONI
Per tutta la durata della vacanza, sarà vietato fumare in tutte le aree esterne ed interne della struttura (sarà comunque adibita una 'smoking area' riservata gli ospiti).
Sarà vietato usare telefono cellulare, tablet, computer portatile etc. (essendo una Free Elettrosmog Zone, non c'è copertura di campo per linea di telefonia mobile. Gli Ospiti potranno richiedere in Reception di usare la linea aziendale fissa.
 
TAVOLE ROTONDE
Ogni giorno almeno uno specialista sarà protagonista di una tavola rotonda monotematica. Il programma è ancora da definire e aperto anche a nuovi contributi.
Sinora hanno già dato la loro disponibilità a partecipare Francesca Romana Orlando (giornalista, PNL Practitioner e Vice Presidente di AMICA, Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale), Cristiana Isabelli Vignoli (fondatrice della tecnica artistica e sportiva del Magnetic Healing) per il riequilibrio biomagnetico), Avv. Cajetano Maria Vecchione (assistenza legale), Marcello Milazzo (Full-Point, servizi e prodotti anti-elettrosmog), Marina Parra (operatrice Biomagnetismo olistico), Dott. Antonio Maria Pasciuto (medicina ambientale), Dott. Fiorenzo Marinelli (biologo del CNR esperto di effetti biologici del campi elettromagnetici). Tutte le tavole rotonde saranno coordinate da Maurizio Martucci (scrittore, giornalista, Il Fatto Quotidiano.it).
Il calendario delle tavole rotonde sarà aggiornato sul profilo Facebook L'Antica Terra Canino.
 
OSPITALITA'
MOBIL HOUSE 2/3 posti letto € 700,00 offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 550,00 
- 4 posti letto 900,00 € offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 700,00
YURTA 2/3 posti letto € 900,00  offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 700,00 
- 4 posti letto € 1.100,00 offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 850,00
POSTO TENDA 2 persone € 45,00 al giorno, offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 30,00 PARCHEGGIO CAMPER (no attacco luce, no scarichi vecchia maniera. Si possibilità carico acqua) Parcheggio giornaliero per 2 persone € 15,00 offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 10,00
In ogni offerta è incluso il parcheggio incustodito interno all'azienda, le colazioni, l’ingresso libero piscina esterna fuori terra e l’uso del parco giochi. 
 
PASTI
Uso gratuito (solo con accenditori ecologici) dei 2 barbecue aziendali. Possibilità di acquistare verdure chilometri zero. Pranzo e cena vegetariani a buffet con olio bio DOP Canino, verdura bio e altri prodotti sempre a km 0. Pane e dolci fatti in casa. Prezzo scontato € 15,00 a pasto a persona
NB: in fase di PRENOTAZIONE segnalare SUBITO: allergie, intolleranze e altri casi che richiedono alimentazione diversificata.
 
SERVIZI
(a pagamento e su prenotazione)
Piscina Relax interna (€ 15,00 giornaliero offerta sconto settimana Elettrosensibilità € 10,00 al giorno) essendo la piscina interna adibita al relax si deve mantenere un comportamento consono: niente tuffi, niente giochi a palla, grida ecc. 
Grotta al Sale € 15,00 ingresso giornaliero a persona. Sconto famiglia €10,00 giornaliero a persona
Massaggi con fisioterapista € 50,00.
Trattamenti Relax per Riequilibrio Biomagnetico da € 50,00 a € 35,00 a seconda del trattamento e del pacchetto acquistato.
Parrucchiera coiffeur unisex (prezzo a seconda della richiesta).
 
SEMINARI
(Alcuni seminari saranno attivati per un numero minimo di partecipanti)
 
Corso Artistico e Sportivo Magnetic Healing Livello BASE tenuto da Cristiana Isabelli Vignoli esercizi per riconoscere, comprendere e riequilibrare il funzionamento del campo biomagnetico (5 incontri di 1ora - € 100,00 a persona. Sconto famiglia: € 60,00 a persona se partecipano più membri della stessa famiglia). Attestato di partecipazione finale. 
Seminario sul metodo GUPTA (programma avanzato di riabilitazione dall'amigdala, che uno studio ha dimostrato essere efficace  nel trattamento della Sindrome da Fatica Cronica, ma potrebbe essere utile anche nella gestione della Elettrosensibilità, della Encefalopatia Mialgica/Fibromialgia e della Sensibilità Chimica Multipla), tenuto da Francesca Romana Orlando, PNL Practitioner. Durata del seminario: ore 10:00 alle 13:00.  Costo € 25,00 a persona.
Possibilità di prenotare una consulenza individuale di Programmazione Neurolinguistica per l'applicazione del metodo GUPTA.
 
Seminario sulla Gestione Ambientale della Sensibilità Chimica Multipla e della Elettrosensibilità tenuto dal Dott. Fiorenzo Marinelli e da Francesca Romana Orlando (come costruire un'abitazione idonea il più possibile priva di campi elettromagnetici e con una qualità dell'aria ottimale per la salute di chi è chimicamente sensibile: materiali, tecniche costruttive e consigli pratici). Durata del corso: ore 10-13 e 15-18. Costo 60,00 a persona; 80,00 per due familiari.
 
INFO E PRENOTAZIONI
 

martedì 24 giugno 2014

Canada: valutazione costo/beneficio tra wireless e connessione via cavo

Vi riporto un lungo articolo di Devra Davis che affronta la valutazione comparata tra le due opzioni legate alla volontà di tutti gli stati di penetrare l'uso del computer nella società: via cavo o via senza-cavo ?

Ovviamente la soluzione prescelta è via cavo per molti motivi.
Qui Devra li elenca : è un documento molto utile per tutti,  per argomentare le richieste ad es. di blocco della installazione di wifi nella scuola dei figli , oppure agli smart-meter nei comuni ...


What are the full economic, health and security costs and benefits of wired versus wireless technology?

By Devra Davis, PhD
Canada’s parks – both urban and wilderness – may soon be more like coffee shops, with “hotspots” for wireless communication devices (WCDs – cellphones, tablets, etc.). No one has ever evaluated the full environmental and health impacts of blanketing regions with such radiation. Reports are mounting of ecological effects, that birds and insects become disoriented when exposed to wireless radiation – most recently from the US Department of the Interior. But what about the rest of us?
Health Canada is asking for feedback on proposed exposure guidelines (Safety Code 6). The guideline dismisses links between radiation from WCDs and cancer, and has remained almost unchanged for decades.
Adding to already known strong links between cellphones and brain tumours, a recent French study found that over about a decade, brain cancer risks are quadrupled or tripled respectively, in those who used cell phones for 15 hours a month, or a total of 900 hours or more. Like most industrial and all developing countries, Canada is already swamped with health care costs for treating cancer, which can run to hundreds of thousands of dollars for a single case. What will Canada do if facing an epidemic of such cancers within a few decades?
Brain cancer is just one of a very long list of long-term adverse health effects tied to WCD radiation. Of course epidemiology can only confirm past risks and cannot be relied on to predict all future impacts, particularly with rapidly evolving technology and use patterns. In the lab, shorter term concerns include damage to sperm, as well as to the brain and testes of offspring who are exposed prenatally to cell phone radiation. WCD radiation has also long been known to increase chemical access to our cells by a variety of mechanisms including making membranes more permeable, thereby magnifying toxicities of environmental contaminants.
In light of these findings, it’s important to require a full accounting for the potential costs and benefits of this technology, priorto its widespread introduction. As we have learned from asbestos, tobacco and lead, it is far more cost-effective on both a financial and human basis to prevent exposures than to deal with their lingering, massive consequences.
A tech-savvy nation connected to the internet
Without doubt, we need to build a nation of citizens—“netizens”—skilled in navigating modern technology, and to take steps to eliminate the digital divide that isolates many of the working poor. But there is no reason whatsoever that in so doing, that Canadians should use wireless rather than wired internet technology in their schools, at work and within their homes.
Canada excels at many things, but not in the speed with which you get and send information. According to industry network specialists Akamai, Canada’s internet connection speed does not even make tenth place. Canada falls behind such powerhouses asLatviaRomaniaBulgaria and the Czech Republic—all of which have invested in Fiber To The Home (FTTH) rather than wireless.
Choosing the wired option
Plans to phase out wired phone lines, or for wireless metering of energy and utilities are ill-advised. A parallel interdependent network of wired fiber-optic cables is faster, safer and more secure against criminal or terrorist attacks. It is much harder to hack into or take down a wired network rather than a wireless one, especially if the latter has not been strongly encrypted.
Just as I did a decade ago, many people today believe that there are no serious threats to human health from the growing number of WCDs. The truth is quite different. In the few independent studies done by scientists working for the governments of Israel, Korea, India, France and Finland, evidence of serious biological impacts moved their governments to issue sensible precautions to use microwave radiation devices at some distance from the body.
Technology for kids (or not)
The notion that the quickly growing infant brain benefits from digital devices flies in the face of what experts in neurodevelopment understand. iPhones protected by plastic teething rattle cases, iPads over bouncy seats or potties pose uncharted risks to future brains and bodies. Infants need to be talked to, touched, held and feel real human contact. They need more lap time and less app time. The American Academy of Pediatrics advises keeping young children’s total screen time to less than two hours, and zero for those under 2 years of age. The Health Ministry of Israel—a nation sophisticated in radar and microwave radiation — also advises no exposures to wireless devices for young children. Parents with older kids should develop a family tech policy—banning devices from the dinner table and securing them at night to prevent late night interruptions of valuable childhood sleep.
Following actions in Turkey, France and other nations, the Health Minister of Belgium recently banned the sale of cell phones for children ages 7 and younger. What does she know that you don’t?
Educational technology must be designed to promote learning and health. Schools with young children should rely on wired systems, as Ontario Catholic Teachers called for in 2012.
Canadian initiatives to put wireless devices in schools, for children from pre-Kindergarden on does not rest on any proof at all that such technology is safe, or even that young children actually learn better using such technology. To the contrary, in November 2013, Scientific American reported that the young brain—and perhaps the rest of us too — learn best with paper and pencil. No amount of listening to computerized voices or watching quickly flashing screens can replace the fact that young fingers need to coordinate with young eyes and brains to learn how to form letters, say words, understand numbers and look others directly in the eye.
In his new bookLightweb Darkweb: Three Reasons to Reform Social Media B4 It Re-Forms Us, children’s advocate and performer Raffi tells the sad tale of a young teenager who took her own life as a result of cyberbullying. (There have been many such tragedies.) InfoTech devices can provide new ways to exploit childhood innocence and easily become tools for tormenters. As Raffi rightly cautions, this reality combined with radiation health risks should give us all pause concerning InfoTech and young users. He calls for “a new child-protective national strategy in the US for prudent stewardship of emerging technologies.”
Industry disconnect
For the past three decades, and long before cell phones were widely used, the mobile phone industry has treated reports of risks of cell phone radiation as inconveniences to be rapidly undermined using science as a form of public relations. When confronted with the possibility that cell phone radiation could damage the brain cells of rats way back in 1994, Motorola wrote a memo to its public relation’s firm noting the need to “war-game the science.” As part of this strategy the Clinton Administration from 1994-99 undertook a $27 million joint government and cell phone industry program that ostensibly studied cell phone radiation risks but in fact produced few published results. This was a set-up, pure and simple. Study a problem, or look as if you are studying a problem. Find or report nothing. Then continue business as usual.
More recently, the World Health Organization, International Agency for Research on Cancer in 2011, declared cell phone and wireless radiation a “possible human carcinogen,” — the same category as lead, engine exhaust and DDT. In response to this serious determination by independent experts, the global Mobile Manufacturers’ Forum purportedly set up a quarter a billion dollar fund to produce defensive information — effectively attacking the credibility of the WHO and its scientists, and cultivating relationships with other expert groups that could be used to counter and undermine the WHO.
What must be done
With Canada’s Safety Code 6 in disarray, it’s important to take a cold hard and independent look at the information at hand. Strong scientific evidence of a range of biological effects are a good reason for caution. As Prevent Cancer Now’s Meg Sears pointed out recently, under the Canadian Human Rights Act there is a requirement to accommodate those with environmental sensitivities, including multiple chemical sensitivities as well as electromagnetic sensitivities, at all federal facilities (e.g. post offices).
How, then, can we blanket schools and other public spaces with wireless radiation to which a growing segment of the population reports sensitivity?
Canada should support the growth of fiber optic networks, while Parks Canada and cities should stand down their proposed wireless expansion into public spaces. Federal support for technological infrastructure should build the fastest, safest, most reliable internet – with cables.
Clearly we are at risk of confusing our capacity to use a technology with the notion that simply because we can, we should. Federal and provincial ministers, committed to sound economic policy, you should raise the bar and require evidence of safety and security before endorsing policies that treat our children as experimental subjects in a study with no controls, and placing Canada at risk from massive avoidable health expenditures as well as cyber-security attacks.
Years ago the philosopher Immanuel Kant noted that “What man must do, he can do.” But the opposite is not true. Just because we have the capacity to do something, does not mean that we should carry it out.
We need to evaluate any investment in a wireless technology that not only cannot keep up with the rest of the world today, but also places all of us at serious health risks. A sound analysis of all of the costs and benefits of wired and wireless InfoTech is long overdue.
Devra Davis, PhD, MPH, is the President and Founder of the Environmental Health Trust. She is author of Disconnect: The Truth About Cell Phone Radiation.
Source:
Resources:
Recent Videos:


domenica 22 giugno 2014

Raccomandazioni da parte dell'ARPA Piemontese

In un convegno il 12.6.2014 indetto dal CORECOM del Piemonte sono state presentate due relazioni dell' ARPA Piemontese.

Riporto qui le:

Raccomandazioni finali - Misure di prevenzione
 
Alla luce di quanto sopra illustrato e dei margini di incertezza ancora presenti su questi argomenti,

con un dibattito molto acceso all’interno della comunità scientifica, sono comunque da ritenersi utili

e da attuare strategie per ridurre le esposizioni verso l'energia a radiofrequenza da telefoni cellulari.

Dovrebbero essere preventivate campagne informative rivolte a un uso più consapevole del

cellulare con un minor numero di chiamate, una diminuzione della durata delle chiamate, e

soprattutto promuovere l’utilizzo di cellulari secondo modalità “hands-free” ovvero tramite

dispositivi o auricolari di connessione che consentano di aumentare la distanza tra l'antenna e la

testa e il corpo dell'utente. Particolare attenzione dovrà poi essere usata nel limitare l’uso di telefoni

cellulari nei soggetti giovani e nei bambini


 
Relazione dell'ARPA


mercoledì 18 giugno 2014

martedì 17 giugno 2014

Le società Usa per la deregulation completa per le antenne Wifi


Brutte notizie dagli USA   le società di telecomunicazioni sono  fortemente impegnate a far approvare delle  modifiche legislative che tolgano ai comuni qualsiasi  controllo ed autorizzazione sulla installazione di antenne wireless in città.
Questo avviene nel Massachusetts

martedì 10 giugno 2014

Vertenza a Benevento contro Terna per un anomalo e non sicuro interramento dei cavi


Qui la storia

Grazie per avermi risposto... Capisco le tue perplessità e quindi ti spiego com'è la situazione a Benevento.

La Terna avrebbe dovuto interrare parte di n. 5 EL a 150KV  al fine di alleggerire la situazione su una buona parte del territorio comunale e costruire un nuovo EL a 380 KV da BN a Foggia al posto di uno vecchio da demolire. Senonchè l'interramento era previsto al di sotto di una pista ciclopedonale (luogo di svago e non di transito) frequentatissima e in luoghi molto belli. Terna con il progetto esecutivo ha però modificato la configurazione dei progetti autorizzati e soprattutto ha dichiarato che i CEM sono pari a...97,7 microtesla ( naturalmente secondo loro...comunque al disotto dei 100). L'associazione di cui faccio parte ha chiesto al Sindaco l'emanazione di un'ordinanza urgente a tutela della salute pubblica , ordinanza che è stata emanata , poi opposta dalla Terna dinanzi al TAR Lazio che non ha concesso la sospensiva, rinviando l'udienza al merito e a novembre per evidenziare se siano possibili alternative. Pertanto, in questo caso l'interramento, eseguito con progetto difforme rispetto a quello approvato, avrebbe provocato il mancato utilizzo della pista ciclabile,in considerazione dell'altissimo valore di CEM dichiarato da Terna.Le considerazioni del ricorso sull'obiettivo di qualità da perseguire in caso di nuovi EL farebbero veramente ridere, se non si trattasse della salute dei cittadini. Tralascio le considerazioni sull'arroganza della Terna, anche perché stiamo combattendo contro la pretesa di realizzare nuove stazioni elettriche sempre sul territorio comunaei, che aumenterebbero la connessione ad altri impianti eolici e centrali di produzione.Continuerò a seguirvi, anche perché abbiamo notato che adesso c'è una forte opposizione aTerna un po' in tutta Italia e quindi è importante condividere le varie esperienze.ti ringrazio per l'attenzione.

Alessandra Sandrucci




associazione per la città sostenibile contro il malaffare

via Girolamo Vitelli, 90 – Benevento



COMUNICATO STAMPA


 Quando il 10 febbraio di quest'anno chiedemmo al sindaco di firmare l'ordinanza per il blocco dei lavori per un cavidotto lungo la pista ciclabile a Contrada Pantano, a causa dell'inquinamento elettromagnetico previsto, molti sostennero che la nostra proposta fosse azzardata perchè il Comune non poteva sostituirsi al Ministero che aveva concesso l'autorizzazione.
 Il sindaco firmò e la Terna, società a capitale pubblico, rispose con parole di fuoco " la nostra società sta provvedendo alla impugnazione innanzi al TAR per il Lazio...in quella sede provvederemo anche a richiedere la Vostra condanna al risarcimento di tutti i danni conseguenti alla sospensione dei lavori."
- Ieri il TAR ha respinto la richiesta di sospensiva dell'ordinanza del Comune ritenendo di dover acquisire tutti gli atti del procedimento in esame e di dover discutere la questione nel merito.
 Si tratta di un risultato importante non solo perchè conferma il blocco dei lavori e impone a Terna di trovare altre soluzioni. La stessa società ha ammesso che l'inquinamento elettromagnetico previsto dal progetto pari a 97,7 microTesla e perciò avversato dai comitati e dal Comune , può essere ridotto di almeno dieci volte,  ma questo comunque non è sufficiente. Il limite da rispettare, infatti, è di 3 micro tesla e comunque il cavidotto non può essere realizzato sotto la pista ciclopedonale. Questa decisione del TAR dimostra che TERNA, benchè società pubblica, non può avere sempre ragione a prescindere da ogni cosa. Infatti, quando i cittadini si mobilitano e si organizzano adeguatamente, possono riuscire ad imporle un comportamento meno  arrogante e più rispettoso delle leggi.
Adesso aspettiamo TERNA al confronto con il coordinamento unitario dei Comitati e associazioni cittadine e il Comune di Benevento per ridiscutere tutto il piano di interventi degli elettrodotti compresa la nuova stazione elettrica.
per Altrabenevento
Vincenzo Fioretti                        Alessandra Sandrucci

lunedì 9 giugno 2014

Studio epidemiologico francese: 15 ore/mese = 200-300% di maggiore probabilità di tumore !

E' stato pubblicato un importante studio epidemiologico Francese secondo il quale un uso del telefono cellulare con una media negli ultimi 5 anni di 15 ore/mese (che sono poi, in media, 30 minuti al giorno ... [Nota bene, non tanti: quanti di noi lo usano tanto ?!] ) aumenta di due - tre volte la probabilità di glioma e meningioma al cervello.

Questo studiio segue gli ulteriori sviluppi   dello svedese Hardell che vanno verso una sempre più chiara conferma della necessità di revisione della classificazione delle EMF da 'possibile' a 'probabile' cancerogeni.


Il governo inglese lancia uno studio sull'effetto dei telefonini sugli adolescenti

Questo studio denominato SCAMP  si dedicherà solo agli effetti cognitivi degli adolescenti, 2500 ragazzi di età 11 e 12 anni.

Nessun riferimento a possibili danni fisici , che furono  evidenziati tra l'altro,  dallo studio 'Stewart' finanziato nel 2005 dallo stesso governo che sollecitava 'istruzioni per l'uso' molto prudenziali !

Guarda caso si scopre che lo studio voluto dal Ministero della Salute si realizza attraverso il  Research Initiative on Health and Mobile Telecommunications,  che è finanziato dal governo e dagli operatori telefonici ...!

mercoledì 4 giugno 2014

Un impegno della Rete per la difesa del ISPESL

Sent: Wednesday, June 4, 2014 9:44 PM
Subject: Salviamo "l'ultimo" ente pubblico che ci tutela dai campi elettromagnetici
 
Carissimi Uomini di scienza, di diritto e dell’informazione, Attivisti contro l’inquinamento elettromagnetico,

Vi scrivo per informarvi di una gravissima situazione che sta colpendo “l'ultimo” ente pubblico che tutela la nostra salute dai campi elettromagnetici. Come saprete l'ISPESL è stato soppresso e le sue funzioni sono state assunte dall'INAIL. Di recente il nuovo Regolamento di Organizzazione - Titolo III dell'INAIL ha deciso di sopprimere i Dipartimenti di Tecnologie di Sicurezza e quello di Impatto Ambientale degli Insediamenti Produttivi (DIPIA), di cui faceva parte il Laboratorio di Inquinamento da Radiazioni e Ultrasuoni, diretto dal Prof. Livio Giuliani, che tutti conoscerete per il suo impegno a difesa della salute dai campi elettromagnetici.

Questo laboratorio è stato determinante, infatti, nella formulazione dei limiti di esposizione per i campi elettromagnetici (DM 381/1998 e Legge 36/2001), compreso il valore di attenzione di 6 V/m, che fa dell'Italia un Paese tra più avanzati nella protezione dalle radiazioni non ionizzanti.
Il nuovo Regolamento, inoltre, prevede che i dipartimenti centrali dell'ex ISPESL siano ridotti a due e che vadano "in staff al Direttore Generale", mentre i dipartimenti periferici, ridotti a unità operative, devono essere "in staff ai dirigenti regionali". Questa previsione mette di fatto la ricerca in soggezione alla dirigenza amministrativa dell'Istituto, in netto contrasto sia con la Costituzione, che stabilisce che la ricerca è libera (art. 33 c.1), sia con la legge che stabilisce "la competenza della dirigenza amministrativa non si estende alla gestione della ricerca e dell'insegnamento".

Questo stravolgimento sembra proprio rientrare in un quadro più generale di politiche volte allo smantellamento della tutela della salute pubblica dai campi elettromagnetici dato che già il decreto crescita Monti art. 14 dello scorso autunno aveva di fatto svuotato di significato il limite di legge dei 6 V/m, stabilendo che le misurazioni andavano calcolate sulla media di rilevamento sulle 24 ore, invece che su 6 minuti. Questo significa consentire dei picchi elevati anche di 10 o 20 V/m per diverse ore che poi sono compensati nel calcolo della media dei limiti sicuramente più bassi che si calcolano nelle ore notturne quando gli utenti delle telecomunicazioni sono nettamente inferiori e quindi le antenne emettono pochissimo.

L’INAIL ha, per giunta, disposto il riordino dei dipendenti dell’ISPESL con soppressione del Laboratorio di Inquinamento da Radiazioni e Ultrasuoni. Contro tale provvedimento la maggioranza dei dipendenti dell’ISPESL ha proposto ricorso al TAR e la Camera di Consiglio è stata fissata per il 21 Maggio 2014. Il ricorso è in allegato. Vi prego di leggerlo.
All'udienza di del 21 maggio u.s. il TAR Lazio, ritenendo la questione oggetto del ricorso di particolare complessità e importanza, su istanza dei ricorrenti, ha stabilito che la causa sarà direttamente decisa nel merito, rinviando ad una data che si collocherà entro le prime due settimane dell'ottobre prossimo venturo.
Alcuni ricercatori universitari, tra cui il prof. Mauro Cristaldi dell’Università di Roma, e associazioni, tra cui noi di A.M.I.C.A., hanno già depositato un intervento ad adiuvandum per dare forza davanti al giudice al ricorso dei dipendenti ex-ISPESL. Chi desidera fare lo stesso può  contattare lo Studio Legale Putti (tel. 0632651929; email: prof.putti@studiolegaleputti.it).

Va ricordato, inoltre, che il Laboratorio di Inquinamento da Radiazioni e Ultrasuoni è all'avanguardia a livello internazionale non solo per la tutela ambientale, ma anche per la ricerca degli effetti benefici dei campi elettromagnetici in particolare per la cura dell'infarto. Ha pubblicato, infatti, su due autorevoli riviste scientifiche (Electromagnetic Biology and Medicine, 2008; Oxford Cardiovascular Research, 2009) uno studio sugli effetti dei campi elettromagnetici estremamente bassi (ELF) sulla differenziazione di cellule staminali cardiache autologhe. Un progetto volto alla prosecuzione di questa ricerca così innovativa, a cui collaborano ricercatori del CNR di Bologna e di Roma, medici dell'Università di Ricerca e il Premio Nobel Luc Montagnier, ha passato positivamente il vaglio dei referee, il National Institute for Environmental Health and Safety (NIEHS), incaricato dal Ministero della Salute di valutare i progetti di ricerca presentati nell'ambito del Piano ministeriale del 2009. I fondi sono stati assegnati nel 2011, ma da allora l'INAIL non li ha erogati. Nel frattempo un'equipe americana ha pubblicato i risultati di una ricerca simile.

Spero vivamente che vorrete sostenere questa iniziativa perché se riusciranno a smantellare questo dipartimento non ci resteranno altri baluardi a nostra difesa ed è facile immaginare che il passo successivo sia quello di innalzare ulteriormente i limiti di legge per le esposizioni elettromagnetiche.

Cordiali saluti.

Francesca Romana Orlando
Vice Presidente di A.M.I.C.A.