Syndication

domenica 29 marzo 2015

Prosegue la lotta delle associazioni contro lo scandalo EESC

Ricordate la storia ?  vedere qui

Successivamente diverse associazioni individualmente hanno inviato un lungo testo di  contestazioni delle conclusioni tratte da quella commissione e chiedendo se erano state verificati i conflitti di interesse dei membri in particolare di Mr Adams inglese che al rush finale ha modificato il documento in discussione vanificando il riconoscimento della elettrosensibilità.

Il Direttore di questo organismo europeo ha risposto ... picche dicendo che tutto è stato svolto secondo le regole comunitarie.

Ora viene richiesto alle associazioni di inoltrare una contestazione al 'difensore civico' comunitario. I colleghi spagnoli per primi hanno studiato la procedura ed inoltrato questo complaint: viene richiesto anche alle altre associazioni.    Chi vuole partecipare mi scriva: gli invio le istruzioni.

Curioso cosa è avvenuto nel frattempo:

La mozione vincente non è stata poi firmata dal Mr Adams, come promotore né ovviamente dal relatore del documento originario che era stato frutto di un lavoro di un gruppo di lavoro !  Per cui l'ha dovuta firmare il Presidente di EESC ! 
Il bello è che il 17.3 dopo intenso dibattito in EESC si è deciso di pubblicare nella Gazzetta Ufficiale della EU il testo originale adottato dal TEN (gruppo di lavoro) ma rigettato nella nota votazione ! Adams ed amici hanno cercato di evitare senza successo. Per cui a breve sarà disponibile questo (valido)  documento sulla elettrosensibilità.

domenica 22 marzo 2015

Le Lloyd Assicurazioni non assicurano danni da EMF

Viene riconfermata la decisione del gigante delle assicurazioni, Lloyd, di escludere la copertura di danni provenienti direttamente o indirettamente da campi elettromagnetici, radiazioni elettromagmetiche, elettromagnetismo, onde radio, ,,,,   qui sotto ci sono i riferimenti della polizza tipo .






Lloyd’s of London excludes liability coverage for RF/EMF claims
Posted on March 18, 2015
Credit to Sharon Noble, Director, Coalition to Stop Smart Meters in British Columbia, for bringing this information to the public. 
Lloyd’s of London excludes any liability coverage for claims,
Directly or indirectly arising out of, resulting from or contributed to by electromagnetic fields, electromagnetic radiation, electromagnetism, radio waves or noise.” (Exclusion 32)
This information is from CFC Underwriting Limited, which is a Lloyd’s of London underwriter (page 12-13 of policy document, page 13-14 of pdf), and was posted by Citizens for Safe Technology:
[This] is a recent renewal policy which, as of Feb. 7, 2015, excludes any coverage associated with exposure to non-ionizing radiation. In response to clarification, this response was received on Feb. 18, 2015 from CFC Underwriting LTD, London, UK agent for Lloyd’s:
“‘The Electromagnetic Fields Exclusion (Exclusion 32) is a General Insurance Exclusion and is applied across the market as standard. The purpose of the exclusion is to exclude cover for illnesses caused by continuous long-term non-ionising radiation exposure i.e. through mobile phone usage.”http://www.citizensforsafetechnology.org/Lloyds-of-London-excludes-coverage-for-RFEMR-claims,2,4168

From the Lloyd’s of London policy:
“Exclusions (starting on Page 6 of policy, Page 7 of pdf):
We will not
a) make any payment on your behalf for any claim, or
b) incur any costs and expenses, or
c) reimburse you for any loss, damage, legal expenses, fees or costs sustained by you, or
d) pay any medical expenses:

32. Electromagnetic fields (General Insurance Exclusions –Page 7 of policy):
directly or indirectly arising out of, resulting from or contributed to by electromagnetic fields, electromagnetic radiation, electromagnetism, radio waves or noise.”
This would include the microwave radiation and electromagnetic radiation emitted from Smart Meters (AMR, AMI, PLC), from Home Area Network devices and appliances (including AC and thermostats), from Wi-Fi transmitters, from wireless devices in schools, offices, and homes, and from wireless sensors and wireless-connected fire alarms.
 “This means that the Province (that is we, the taxpayer) will be held liable for claims from teachers and parents of children suffering biological effects from wifi in schools, from homeowners exposed to RF from mandated smart meters on homes, and from employees forced to use cell phones or exposed to wifi at work. Lawsuits in other countries have resulted in huge payments already, and it is only a matter of time before similar lawsuits are filed and won in Canada.
“Potentially those who allow such devices, after having been fully informed about the dangers, could be held liable for negligence, and directors’ insurance may not provide financial protection. Directors’ insurance applies when people are performing their duties “in good faith”. It is hard to argue they are acting “in good faith” after having been warned by true scientific experts and by a well-respected insurer.
“Consider yourself notified once again that you could be held legally responsible for the decisions you have made.”
Yours truly,
Sharon Noble
Director, Coalition to Stop Smart Meters in British Columbia Victoria, British Columbia, Canada

martedì 10 marzo 2015

Difendiamo la cabina telefonica

E' in atto un percorso di chiusura , abbandono, delle cabine telefoniche presenti, poche, nei punti cruciali delle città.


Si può contestare la singola rimozione scrivendo cabinatelefonica@cert.agcom.it,   specificando a quale cabina ci si riferisce definendo le coordinate stradali e perché ...

sabato 7 marzo 2015

Lo smartphone come la sigaretta di qualche decennio fa ?!

Simpatiche riflessioni dal giornalista scientifico Joel Moskowitz  che si chiede se l'attaccamento al cellulare o meglio allo smartphone è una replica della 'abitudine' (drogata?) degli anni '60 di avere una sigaretta tra le dita !

Riporta che solo lo scorso anno sono stati venduti più di un miliardo di smartphone nel mondo !

Lui racconta le sue riflessioni guardando i ragazzi in un campus americano : più della metà di quelli incontrati passeggiando avevano  il cellulare in mano, all'orecchio o collegato con gli auricolari, oppure solo per avere  un senso di sicurezza  (dico io) ...
Effettivamente basta vedere in metropolitana quanti sono immersi dentro lo smartphone ... oppure nel ristorante quanti commensali passino più  tempo guardando lo screen del cellulare che la faccia del suo/a amico/a ... sic!



Vedere l'articolo completo
http://www.saferemr.com/2015/03/has-smart-phone-replaced-cigarette.html

Uno studio tedesco estensivo conferma cancro nel ratto per EMF

Questo importante articolo a conclusione di una ricerca ampia fatta dalla università tedesca di Bremen conferma in vivo su ratti la presenza di cancro al polmone e al fegato di ratti esposti a vari livelli di radiofrequenze, comunque a valori tipo 0,4 W/Kg (SAR)  quindi ben inferiori ai limiti  2 W/Kg     .

NB confrontate questo valore con quello del vostro cellulare ...




Journal: Biochemical and Biophysical Research Communications
Available online 6 March 2015
In Press, Accepted Manuscript

"Highlights

• Tumor-promoting effects of RF-EMF exposed mice have been reported in 2010.
• We have replicated the study with higher numbers of mice per group.
• We could fully confirm the previous results, thus the effects are reproducible.
• Apparently, no clear dose-response relationship is evident.
• We hypothesize that metabolic changes are responsible for the effects observed.

Full-size image (25 K)

Tumor promotion by exposure to radiofrequency electromagnetic fields below exposure limits for humans
  • a Department of Life Sciences and Chemistry, Jacobs University Bremen, Campus Ring 6, D-28759 Bremen, Germany
  • b Department of Psychology and Methods, Jacobs University Bremen, Campus Ring 1, D-28759 Bremen, Germany
  • c Chair of Electromagnetic Theory, University of Wuppertal, Rainer-Gruenter-Str. 21, D-42119 Wuppertal, Germany
Received 19 February 2015, Accepted 25 February 2015, Available online 6 March 2015

Abstract

The vast majority of in vitro and in vivo studies did not find cancerogenic effects of exposure to electromagnetic fields (RF-EMF), i.e. emitted by mobile phones and base stations. Previously published results from a pilot study with carcinogen-treated mice, however, suggested tumor-promoting effects of RF-EMF (Tillmann et al., 2010). We have performed a replication study using higher numbers of animals per group and including two additional exposure levels (0 (sham), 0.04, 0.4 and 2 W/kg SAR). We could confirm and extend the originally reported findings. Numbers of tumors of the lungs and livers in exposed animals were significantly higher than in sham-exposed controls. In addition, lymphomas were also found to be significantly elevated by exposure. A clear dose-response effect is absent. We hypothesize that these tumor-promoting effects may be caused by metabolic changes due to exposure. Since many of the tumor-promoting effects in our study were seen at low to moderate exposure levels (0.04 and 0.4 W/kg SAR), thus well below exposure limits for the users of mobile phones, further studies are warranted to investigate the underlying mechanisms. Our findings may help to understand the repeatedly reported increased incidences of brain tumors in heavy users of mobile phones."

venerdì 6 marzo 2015

altro articolo , questo su Mainfatti


http://www.mainfatti.it/elettrosmog/No-Elettrosmog-Renzi-vara-strategia-banda-larga-nonostante-diffida-a-governo_074380033.htm

Il Corriere parla di elettrosensibilità.



un articolo sul Corriere che parla di elettrosensibilità ...

Trecentomila malati di telefonino
Aumentano gli elettrosensibili

«Entro il 2017 aumenteranno del 50%, ma la Regione non riconosce il problema»

di Isabella Fantigrossi

 
Mal di testa, nausea, vertigini, pelle arrossata. Sintomi fastidiosi che, nei casi più gravi impediscono di condurre una vita normale e che compaiono vicino a cellulari, cordless o reti wi-fi. A soffrirne sono i cosiddetti elettrosensibili, i malati di radiazioni elettromagnetiche. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sarebbero fino al 3% della popolazione. «Circa 300 mila persone in Lombardia che ancora oggi non vengono né aiutate né tutelate», dice Paolo Orio, veterinario di Gallarate, vicepresidente dell’associazione italiana elettrosensibili (Aie) e malato lui stesso. L’Oms ha, infatti, riconosciuto l’elettrosensibilità solo parzialmente: i problemi di salute esistono, ma il rapporto causale tra disturbi ed esposizione ai campi elettromagnetici è ancora tutto da verificare. «Purtroppo è molto difficile dimostrare gli effetti biologici dell’esposizione a campi elettromagnetici bassi», spiega Ernesto Burgio, alla guida del comitato scientifico dell’Isde (International society of doctors for environment) che, a maggio, parteciperà a una conferenza sul tema a Parigi. «Resta, però, un fatto — dice Burgio — : le evidenze che le onde elettromagnetiche possano fare male a tutti, più o meno sensibili, ci sono già». E così, mentre la Svezia l’ha ammessa come una vera e propria disabilità, in Italia è tutto fermo.

«Qualche Regione si sta muovendo - racconta Giorgio Cinciripini, cremasco e coordinatore della rete No Elettrosmog - riconoscendo la sensibilità chimica multipla, a cui spesso si associa l’elettrosensibilità. In Lombardia, invece, ancora nulla». E il timore è che, con l’aumento delle tecnologie wireless, i numeri possano ancora crescere: secondo il professor Angelo Gino Levis, ordinario di mutagenesi ambientale a Padova, nel 2017 il 50% della popolazione potrebbe diventare elettrosensibile. Tanto più che ora il governo sta pensando di alzare i limiti dei campi elettromagnetici da 6 a 61 V/m: motivo per cui nei giorni scorsi l’associazione Amica ha lanciato una petizione, già firmata da un centinaio di medici, fisici e ingegneri, per chiedere di investire sulle connessioni via cavo, «le uniche prive di controindicazioni per la salute».



Intanto gli elettrosensibili si arrangiano come possono. «Mi sono ammalato nel 1999 - racconta Paolo Orio -. Un giorno ho preso in mano il cellulare e ho cominciato a stare male e a sentire formicolio alla testa. Dopo mesi di visite, ho capito di cosa soffrivo, anche perché stando lontano da telefonino e cordless i sintomi sparivano». O Annunziata Di Fonte, medico del lavoro di Lonate Pozzolo: «Tollero il wi-fi per un quarto d’ora, poi comincio a sentire calore, mal di testa, mi compaiono ponfi rossi sul viso. Purtroppo la malattia ha un impatto notevole sulla mia vita: in macchina, quando incrocio i ripetitori, ho delle scosse muscolari e fatico a concentrarmi; in casa ho dovuto mettere delle tende schermanti e un impianto elettrico a 16 volt. E poi non posso più viaggiare in treno, né andare al cinema: troppi telefonini accesi. Ma so come comportarmi perché sono un medico. Gli altri malati no».
Ecco perché le tante associazioni chiedono un riconoscimento, anche per avere le cure. «Ogni settimana riceviamo chiamate di persone che ci chiedono come ridurre l’impatto elettromagnetico. È ora che si intervenga», dice Sergio Crippa dell’Aie.

mercoledì 4 marzo 2015

Attentato alla Salute pubblica, appello al Governo e Presidente Repubblica.



       Associazione                                                         anno XIX                                                                
 “ElettrosmogVolturino”
Via S. Martino, 2  71030  Volturino (FG)
Tel. 0881 550498 / 347 7215642                                                                  
prot. n. 03                                                                         
                                                                  Volturino 02/3/2015

Oggetto: Attentato alla salute pubblica.
L'Associazione "Elettrosmog Volturino" si associa all'appello di medici, fisici, biologi, ingegneri e ricercatori, rappresentanti politici e altre associazioni affinché i propositi di innalzare i limiti elettromagnetici attualmente in vigore vengano ritirati immediatamente .
Da anni stiamo assistendo a un calo del livello di salute pubblica: insonnia, ansia, ipertensione, diabete, sterilità, impotenza, tumori per i quali l'OMS ha sancito un incremento del 70 % sino al 2020.
Numeri dunque da olocausto e innalzare ancora le potenze di trasmissione si tradurrà inevitabilmente in un progetto di insanizzazione di tutta la popolazione con costi sanitari di tale entità, già da tempo insostenibili, da aprire nuovi ospedali e non chiuderli come sta accadendo. Chiuse, semmai, dovranno essere tante radio e tv superflue e dannose, all’ economia e alla salute.
Favorire gli studi finanziati dall'industria delle telecomunicazioni significa seguire la strada della corruzione, operando in evidente conflitto d'interessi, anziché quelli della scienza indipendente, citando solo una parte come:
L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato nel 2011 la radiofrequenza come "possibile cancerogeno per l'Uomo" in Classe 2B;
Hardell L. e Carlberg M., Mobile phone and cordless phone use and the risk for glioma – Analysis of pooled case control studies in Sweden, 1997–2003 and 2007–2009, e Coureau G. e altri, Mobile phone use and brain tumours in the CERENAT case-control study, Occup Environ Med doi:10.1136/oemed-2013 concludono che la radiofrequenza dovrebbe essere classificata come "cancerogeno certo per l'Uomo" in Classe 1.
la Risoluzione 1815 del maggio 2011 dell'Assemblea Plenaria del Consiglio d'Europa (punto 8.2.1), basandosi sulle posizioni dell'ICEMS e di BIOINITIATIVE che raccomandano limiti di esposizione per tutte le radiofrequenze e le microonde a 0,6 V/m per i luoghi ove si permanga per più di 4 ore e di 0,2 V/m come obiettivo di qualità.
Prima di dare attuazione a tale dissennato progetto si proceda ad uno studio selettivo su un determinato numero di cittadini insonni, ipertesi e diabetici da lasciar dormire in posti non esposti, per es. agriturismo, per un periodo anche breve di una settimana, in quanto gli effetti sono immediatamente reversibili, e sottoponendo gli stessi ad un controllo del livello dell'ormone melatonina, sì da acquisire la prova definitiva della scarsa produzione dell'ormone nei soggetti quando esposti alle emissioni elettromagnetiche, anche inferiori a 6 V/m, e il livello giusto quando gli stessi hanno dormito esposti al basso livello di c.e. di un agriturismo.                                                                                      La melatonina un ormone che traduce i segnali elettromagnetici in luce è il campanello d’allarme da cui deriva poi lo sfasamento del ritmo circadiano con tutte le conseguenze su insonnia, aggressività, ipertensione, diabete, obesità, cardiopatie, infertilità, impotenza.
Patologie queste, già riscontrate nel 1999 in percentuali di oltre il 50% sulla popolazione di Volturino (FG), esposta ad emissioni di antenne radiotrasmittenti mediamente di 3-4 V/m, rispetto a 7 comuni di controllo non esposti neanche ai ripetitori della telefonia, allora inesistenti.
E la successiva stratificazione di antenne su tutto il territorio ha distribuito quelle patologie su tutta la popolazione italiana e anche in età non senile. Anche nel resto del pianeta, divenuto un grande forno a microonde.
Il profitto conseguito dalle compagnie anziché devolverlo nei risarcimenti per danni sinora arrecati viene reimpiegato nel potenziamento delle infrastrutture e nel contempo in ulteriori danni più consistenti.
Obbedendo alla scienza obiettiva e indipendente gli operatori delle telecomunicazioni o devono adeguarsi o cambiare mestiere, perché anteporre la salute economica degli operatori delle telecomunicazioni alla salute biologica delle popolazioni, oltre che diabolico è incostituzionale.
Antonio Gagliardi    
presidente




martedì 3 marzo 2015

approvato dal Governo il Piano ultra bandalarga

vedere qui una sintesi
http://www.corrierecomunicazioni.it/pa-digitale/32964_ecco-il-piano-ultrabroadband-renzi-abc-dello-sviluppo-del-paese.htm

tra le azioni guida

- adeguamento agli altri Paesi europei dei limiti in materia di elettromagnetismo;

con una falsità subdola :  invece di dire innalzamento dei  limiti per avvicinarsi a quelli di alcuni paesi europei in quella frase si scarica sull'Europa la imposizione dei limiti.  Questo è falso perché l'Europa ha dato dei valori LIMITE che possono benissimo essere non raggiunti, come è stato finora.

Noi per anni abbiamo richiesto l'abbassamento da 6 a 0,6 V/m invece adesso il governo vuole passare a 61 V/m !  

Ci sono 60 gg. di tempo per l'approvazione, bisogna assolutamente cercare di fare pressione sulle forze parlamentari.
 

ecco i link con i documenti messi in rete dal Governo

STRATEGIA ITALIANA PER LA BANDA ULTRALARGA E PER LA CRESCITA DIGITALE
Crescita digitale e banda ultra larga (slide)  -  Piano Crescita Digitale  -  Piano banda ultra larga

domenica 1 marzo 2015

L'elettrosensibilità sotto attacco (anche) in Svezia

L'unica nazionale in cui gli l'elettrosensibilità è riconosciuta come disabilità (non malattia) e come tale quindi riconosciuti gli incentivi e gli aiuti che lo stato prevede per le persone disabili, adesso vede un attacco dei massmaedia .

Olle Johansson risponde con un articolo qui  addirittura ad attacchi alla associazione svedesi degli elettrosensibili (HSO) per i sussidi che riceve .

Nell'articolo interviene anche Mrs. Gro Harlem Brundtland   che è stata direttrice del WHO, ed è lei stessa elettrosensibile.