Syndication

sabato 25 aprile 2015

Il Comune di Los Angeles ha stoppato un progetto di installazione di antenne sul tetto delle stazioni dei vigili del fuoco

Dopo la ferma presa di posizione della associazione dei vigili del fuoco americani, ed in particolare di Los Angeles, essi sono riusciti a convincere il Consiglio Comunale di questa metropoli di bloccare il progetto di installazione di oltre 80 stazioni radiobase sui tetti dei vigili del fuoco ( e in prospettiva anche su quelli della polizia locale).





  
 
 
Bulletin 14-15 Unanimous City Council Vote to Suspend         LA-RICS Cell Tower Project
 
For several years now, the Los Angeles Regional Interoperable Communications (LA-RICS) Joint Powers Authority has been planning an interoperable communications program for public safety agencies in the Los Angeles region.  This project included the placement of as many as 34 cell towers at LAFD fire stations  and the United Firefighters of Los Angeles  City (UFLAC)  made our opposition to LA-RICS well known throughout the process.
 
Today, we are proud to tell you that t he Los Angeles City Council took  a unanimous 12 to 0 vote mandating that the LA-RICS Joint Powers Authority immediately stop all plans to construct cell towers at LAFD fire stations and reassess the project. This is a huge win for our members and the communities that we serve.



U FLAC would like to give  thanks to our brothers and sisters at Los Angeles County Fire Local 1014. Their strong opposition to the LA-RICS project helped to protect  our Firefighters and community by convincing the LA County Board of Supervisors to suspend the placement of cell towers on LA County fire station properties . We also give special thanks to LA City Councilman Mitch Englander, who had the courage to put forward the City of  Los Angeles motion today to suspend  the project in our City. Finally,  we want to thank the  UFLAC members who took the time to come to City Council today to support our efforts. Your presence was felt and made a tremendous difference.

venerdì 24 aprile 2015

Associazione Medica Californiana per standard di sicurezza più stringenti


La Associazione dei medici della California ha adottato una risoluzione che chiede di rivalutare gli standard di sicurezza per le radiofrequenze negli USA.

Si chiede in particolare di rivedere quanto non emerso negli standard attuali, ovvero gli effetti non-termici , alla luce sia della classificazione 2B dello IARC che della pubblicazione più recente di ricerche epidemiologiche che evidenziano sempre più con forza la relazione tra radiofrequenze e danni tumorali.

Ricordano che nell'agosto 2013 l'Accademia Americana di Pediatria aveva lanciato analogo allarme e richiesta, senza alcun riscontro da parte del Governo.

Dal 1997, sono ben  22 le dichiarazioni di scienziati ed esperti di tutto il mondo che  sono state prodotte e divulgate al pubblico e alle autorità richiedendo una seria revisione del sistema di sicurezza.

In Italia debbo dire che ha scaturito l'effetto esattamente opposto:  primo vanificando il sistema di misurazione (ora abbiamo la media giornaliera della esposizione!) e secondo - in itinere - la decuplicazione dei limiti di esposizione !!!



Monday, April 13, 2015

California Medical Association Calls for Stronger Wireless Communication Safety Standards

The California Medical Association (CMA) adopted a resolution that calls for re-evaluation of the safety standards for wireless communications in the U.S.

The Federal safety standards for wireless communications were designed to protect humans from the heating, or thermal, risks caused by exposure to microwave radiation. However, thousands of peer-reviewed studies have found bio-effects from exposure to low intensity, non-thermal levels of microwave radiation. Moreover, three independent, case-control studies have found a two-fold increased risk of brain cancer among adults who have used cell phones for ten or more years. And one study found a three-fold risk of brain cancer after 25 years of cell phone and cordless phone use.

In 2011, the World Health Organization’s International Agency for Research on Cancer declared that radio frequency energy is "possibly carcinogenic to humans", largely based upon the cell phone research.

The CMA’s “Wireless Communications Public Safety Standards Reevaluation” resolution “supports efforts to reevaluate microwave safety exposure levels associated with wireless communication devices, including consideration of adverse non-thermal biologic and health effects from non-ionizing electromagnetic radiation used in wireless communications.” In addition, the CMA “supports efforts to implement new safety exposure limits for wireless devices to levels that do not cause human or environmental harm based on scientific research.”

The CMA House of Delegates and Board of Trustees adopted the resolution, number 107-14, on December 7, 2014.  Cindy Lee Russell, M.D. introduced the resolution which she co-authored along with Ken Yew, M.D.

According to Dr. Russell:
"Physicians and scientists have recognized for years the dangers of ionizing radiation from x rays and nuclear weapons. Tissue is directly damaged causing cancer and a wide range of other health effects. The non ionizing microwave radiation from  wi fi routers, ipads, cell phones and cell towers has been thought to be harmless until the last few decades as a rapidly growing body of peer reviewed research has shown very troubling biological and health effects from even low levels of exposure. The studies have shown negative effects on cell structures, brain function, animals, and plants. Many experts feel this is a looming public health problem as the use of wireless technology swiftly rises in our homes, offices and schools. EMF standards need to be reevalauted and designed for safety based on the biologic effects on living structures not on heat as is now currently being done."

In August, 2013, the American Academy of Pediatrics, a professional organization representing 60,000 physicians, sent a letter to the FCC and the FDA urging the FCC to adopt radiation standards that: 
  • "Protect children’s health and well-being ... Current FCC standards do not account for the unique vulnerability and use patterns specific to pregnant women and children. It is essential that any new standard for cell phones or other wireless devices be based on protecting the youngest and most vulnerable populations to ensure they are safeguarded throughout their lifetimes.
  • Reflect current use patterns. The FCC has not assessed the standard for cell phone radiation since 1996 ... Many children, adolescents and young adults, now use cell phones as their only phone line and they begin using wireless phones at much younger ages. Pregnant women may carry their phones for many hours per day in a pocket that keeps the phone close to their uterus. Children born today will experience a longer period of exposure to radio-frequency fields from cellular phone use than will adults, because they start using cellular phones at earlier ages and will have longer lifetime exposures. FCC regulations should reflect how people are using their phones today.
  •  Provide meaningful consumer disclosure. The FCC has noted that it does not provide consumers with sufficient information about the RF exposure profile of individual phones to allow consumers to make informed purchasing decisions. The current metric of RF exposure available to consumers, the Specific Absorption Rate, is not an accurate predictor of actual exposure. AAP is supportive of FCC developing standards that provide consumers with the information they need to make informed choices in selecting mobile phone purchases, and to help parents to better understand any potential risks for their children. To that end, we support the use of metrics that are specific to the exposure children will experience." (http://apps.fcc.gov/ecfs/document/view?id=7520941318 )

Four resolutions signed by scientific experts who have published research on wireless radiation and health in scientific journals were submitted to the FCC. The resolutions call on governments to issue stronger regulations on wireless radiation, especially cell phone radiation. The declarations were signed by 98 scientists. For more information, see “Why We Need Stronger Cell Phone Radiation Regulations--98 Scientific Experts Who Signed Resolutions at http://www.saferemr.com/2014/08/why-we-need-stronger-cell-phone_4.html .”

Since 1997, twenty-two declarations have been signed by scientists and health professionals calling for stronger cell phone radiation regulations. For more information on these declarations, see http://www.magdahavas.com/international-experts-perspective-on-the-health-effects-of-electromagnetic-fields-emf-and-electromagnetic-radiation-emr/.

--

Wireless Communications Safety Standards

California Medical Association (CMA) Resolution 107-14, Adopted December 7, 2014

     Resolved 1: That CMA supports efforts to reevaluate microwave safety exposure levels associated with wireless communication devices, including consideration of adverse non-thermal biologic and health effects from non-ionizing electromagnetic radiation used in wireless communications; and be it further

     Resolved 2: That CMA supports efforts to implement new safety exposure limits for wireless devices to levels that do not cause human or environmental harm based on scientific research.

CALIFORNIA MEDICAL ASSOCIATION HOUSE OF DELEGATES 2014

Wireless Communications Public Safety Standards Reevaluation

Introduced by Cindy Lee Russell, M.D.

Authored by Cindy Lee Russell, M.D. Cindyleerussell@gmail.com and Ken Yew, M.D. ken_yew@yahoo.com

resolutions@cmanet.org

The CMA resolution (including 62 references) can be found on the Parents for Safe Technology web site.

--

Wi Fi in Schools: Are we Playing it Safe with our Kids? 

Cindy Russell, MD, The Bulletin (Santa Clara County/Monterey County Medical Association), March/April 2015, pp. 16-21.


Dr. Russell discusses the research which led to the adoption by the California Medical Association of the resolution calling for stronger wireless communication standards.

martedì 7 aprile 2015

Incontro a Milano 8.4 alla Casa delle Donne


ALLA CASA DELLE DONNE  di Via Marsala 8, angolo via Milazzo ( Metro 2 fermata Moscova, autobus 94, 43; tram 1, 14, 2, 7 )

                         Mercoledì 8 Aprile 17,30-20,30

Difendiamo la salute dalle radiazioni emesse da cellulari, tablet, Wi-Fi, Wi.Max, ripetitori e antenne GSM, UMTS, LTE (4G)

Cordless, cellulari, sistemi wireless, circuiti elettrici della casa e dell’ufficio; tralicci, linee interrate e cabine di scambio: conosciamo il contesto in cui viviamo e i rischi per la salute che stiamo correndo?

Vogliamo lasciare che lo spazio in cui viviamo si riempia di pericoli per la salute, a cui nessuno può sottrarsi, senza interessarci dei danni biologici che si paventano e che sono stati già conosciuti?

Le donne conoscono l’importanza dei corpi e la forza della salute, mentre le scelte politiche privilegiano profitti e commerci invece della prevenzione delle malattie.

Ne discuteremo con: Antonella Nappi, ricercatrice universitaria di sociologia, per Difendiamo la salute  e Laura Masiero, presidente della  Associazione per  la Prevenzione e la Lotta all’Elettromagnetismo ( www.applelettrosmog ) dopo avere ascoltato Eva Tibaldi, ricercatrice dell’Istituto Cesare Maltoni Cancer Research Centre Ramazzini Institute di Bologna che presenterà una relazione dal titolo:

           

         “ I campi elettromagnetici non ionizzanti e i pericoli per la salute “

 

Convegno organizzato dal gruppo “Difendiamo la salute” del Tavolo Salute e Ambiente della Commissione pari opportunità del Comune di Milano con il sostegno del gruppo Città Bene Comune della casa delle donne.

La salute dipende dalla salubrità ambientale ed oggi ci si ammala dieci anni prima di dieci anni fa (Gennaro, Epidemiologia Genova); una persona su due nell’arco della vita potrebbe ammalarsi di cancro (Associazione di Oncologia Medica, 2011) e la percentuale dei tumori infantili ha continuato a crescere in questi anni in Italia e in Europa (Rabbone, Pediatri per un mondo possibile). Un gruppo di esperti di Salute Pubblica di tutto il mondo ha studiato tutte le ricerche che sono state fatte sugli effetti biologici e gli effetti negativi sulla salute delle radiazioni non ionizzanti: campi elettromagnetici compresi quelli di bassa frequenza e quelli a radiofrequenza/microonde (BioInitiative Working Group, Cindy Sage and David O. Carpenter, Editors. BioInitiative Report: A Rationale for Biologically-based Public Exposure Standards for Electromagnetic Radiation www.bioinitiative.org, (December 31, 2012). Raccogliamo alcune cose che vengono dette nella loro “Sintesi destinata al pubblico” (C.Sage pp.3-7).  

Le radiazioni elettromagnetiche “non si possono vedere, non hanno gusto ne odore ma sono una delle esposizioni ambientali più pervasive oggi a cui sono esposti” miliardi di soggetti “ tuttavia queste tecnologie non sono state pensate con in mente quali effetti biologici hanno sulle persone.” (…) “Gli esseri umani sono sistemi bioelettrici. I nostri cuori e cervelli sono regolati al loro interno da segnali bioelettrici. Esposizioni ambientali a campi elettromagnetici artificiali possono interagire con i fondamentali processi biologici nel corpo umano e questo può causare disagio e malattia” (…) “ e anche la morte”.
Negli ultimi decenni “ il livello dei campi elettromagnetici da sorgenti elettriche di fondo è aumentato in modo esponenziale e con la crescente popolarità delle tecnologie wireless come telefoni cellulari, telefoni cordless , reti WI - MAX WI-FI si sono raggiunti livelli senza precedenti. Diversi decenni di ricerca scientifica internazionale confermano che i campi elettromagnetici sono biologicamente attivi  negli animali come negli esseri umani, e potrebbero avere gravi conseguenze per la salute pubblica. Non tutto si sa ancora su questo argomento ma ciò che è chiaro  è che gli standard pubblici esistenti e i limiti di sicurezza pubblica di queste radiazioni, in quasi tutti i paesi del mondo sono migliaia di volte troppo indulgenti” (…): “gli effetti si verificano a livelli migliaia di volte più bassi”. (…) “ Dobbiamo correggere le abitudini che sono deflagrate grazie al totale silenzio sui pericoli già conosciuti e stimabili e grazie soprattutto ad una formazione culturale che è stata spinta sempre più a rinunciare alla previdenza, alla previsione, all’interessamento sanitario preventivo verso la popolazione e all’accoglimento della cura invece come salvaguardia a posteriori rispetto ai prodotti messi in circolo dai mercati.” (…) “ Si devono trovare  alternative che non presentino lo stesso livello di potenziali rischi  per la salute per prevenire una estensione dei danni alla salute, in particolare per chi in questo contesto ha iniziato a vivere da poco tempo.”(…)
“Fino a quando non sappiamo se c’è un limite sotto il quale non si verificano effetti biologici sulla salute umana non è saggio, dal punto di vista della salute pubblica, continuare (business as usual) ad andare avanti con nuove tecnologie che aumentano le esposizioni e in particolare quelle involontarie”.

Per Difendiamo la salute, Antonella Nappi

lunedì 6 aprile 2015

Diritto di replica


Richiesta  il diritto di replica a RAI3 per la trasmissione Geo e Geo  sugli effetti dei campi elettromagnetici sulla salute umana

  
Alla Direzione di RAI3 
e p.c. all'Ordine dei Giornalisti - Roma    
e p.c. alla Stampa

  
  Ci riferiamo alla trasmissione Geo e Geo del 31.3.2015 ed in particolare al servizio sull'elettrosmog.   Troviamo scandaloso come l'Ente Pubblico della Informazione, ovvero la RAI,   in un  momento di forti perplessità evidenziati da molti cittadini sul programmato ulteriore aumento del livello di inquinamento da elettrosmog, sia intervenuto su questa tematica con una chiara volontà di tranquillizzare l'opinione pubblica, ma disinformandola.   Sono fatte delle affermazioni che colpiscono per la ignoranza o per la volontà di disinformazione. Come :   - lo IARC non è vero che dice che non ci sono evidenti effetti sulla salute per una esposizione alle radiofrequenze sotto i livelli di riferimenti europei !   Lo IARC (2011) ha classificato come 'possibili cancerogeni' le radiofrequenze dopo una analisi estremamente attenta da parte di una trentina di massimi ricercatori ; in questa classe ci sono sostanze chimiche , oltre a quella riportata dalla giornalista (acido caffeico – che dà tranquillità - ), altre come : aflatossine, benzofurano, ossido di propilene, gasolio, fumi della saldatura,  etc etc .... che non sono stati citati perché … non tranquillizzano [immagino che Lei Direttore non apprezzerebbe di passare ore sottoposto ai fumi di un , ad es., della saldatura, mentre invece è normale vivere in un ambiente pieno di radiofrequenze e con un cellualre all'orecchio per quale ora ?!! !  Ricordiamo che la classificazione 2B è attentamente assegnata ad agenti che hanno dimostrata una evidenza limitata di cancerogenicità   su uomo ed animali .    Aggiungiamo che gli studi pubblicati dal 2011 and 2015 hanno portato ad una richiesta fortemente  supportata da diversi ricercatori  di passaggio della classificazione a 2A ovvero probabile cancerogeno
 - l'affermazione della giornalista della uniformità di giudizio del mondo scientifico è lontanissimo dalla realtà!    Esiste una forte demarcazione innanzitutto tra ricercatori indipendenti (quindi non sovvenzionati dalla industria) e gli altri !   Al riguardo vi suggeriamo di dare un'occhiata al gruppo di ricercatori indipendenti di altissimo livello che hanno riorganizzato tutta la enorme documentazione scientifica:  www.bioinitiative.org
 
- è falso dire che gli studi di lungo periodo escludono qualsiasi danno:   sono propri questi studi epidemiologici che hanno seguito  gli effetti dei telefoni cellulari in un periodo di 10 - 20 anni  che sono stati valutati dai 30 ricercatori dello IARC nel maggio 2011, e che hanno portato alla conclusione di ritenere le radiofrequenze come possibili cancerogeni
 
- la giornalista ha minimizzato l’impatto, certo, sulla insorgenza di tumori al cervello con un uso massivo del telefono cellulare:   negli studi epidemiologici considerati (il più importante è INTERPHONE)  si è considerato uso massino  quello di 30minuti al giorno !    quanti sono quelli che oggiAggiungi un appuntamento per oggi  usano  il cellulare  per più di mezz'ora al giorno ?!   - altra affermazione capziosa della giornalista è stata quella che aumentare 'un pochino' le esposizioni  non comporti alcun pericolo ! da anni il mondo ambientalistico (ed i ricercatori indipendenti) sta richiedendo di passare dagli attuali 6 V/m a 0,6 V/m:  ora il governo vuole passare da 6 a 60 V/m quindi cento volte quanto sarebbe prudenziale avere !!!  Sugli effetti neurologici si è glissato ... mentre ci sono insegnanti che vengono licenziati dalla Scuola Pubblica a causa della elettrosensibilità! [alla faccia del non riconoscimento da parte dei medici !]     Detto tutto ciò, le associazioni qui sotto elencate - che sono solo una parte del mondo di chi sta cercando di tutare la salute dei cittadini - chiede di avere analogo spazio nella stessa trasmissione per informare in modo corretto il pubblico.   Confidiamo nel nostro Servizio Pubblico che è la RAI che ha la sua ragion d'essere di ... essere al servizio dei cittadini  e della loro informazione e non a  ‘certi’  (importantissimi) investitori pubblicitari !
  In attesa di un Vs riscontro inviamo distinti saluti  

 

Dr Giorgio Cinciripini   
3355932686
Membro
fondatore della Rete NoElettrosmog Italia
www.retenoelettrosmogitalia.it
della Associazione AMICA Associazione
per le Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale 
e della Associazione Italiana Elettrosensibili