Syndication

mercoledì 27 maggio 2015

Agenzia Governativa US per i Disabili richiedE DEGLI standard più stringenti per MCS e elettrosensibilità


Maggio 2015 il National Council on Disability , Agenzia Governativa Americana per le disabilità nel suo Transportation Update  :  “Where We’ve Gone and What We’ve Learned”   ha verificato cosa è stato fatto nell’ultimo decennio per eliminare le barriere alle persone disabili.   Esprimono le loro raccomandazioni al Dipertimento per la Giustizia di definire degli standard che tengano conto delle disabilità quali MCS (sensibilità chimico multipla) ed elettrosensibilità  .  Vedere: report at: http://www.ncd.gov/newsroom/05042015a

sabato 23 maggio 2015

Richmond, California contro le armi che usano radiazioni

E' preoccupante scoprire  che - in questi giorni -  il consiglio comunale di questo comune (107.000 abitanti!) ha approvato una risoluzione di bando di tutte quelle armi che sfruttano, tra l'altro, vari tipi di campi elettromagnetici, ed altro) per ottenere un controllo mentale di persone.

Mi colpisce come già nel 2001 c'è stata una proposta di legge al Congresso USA (che però non credo sia andata a buon file - ho chiesto dettagli -  ) in cui si chiede il bando di armi tra cui sistemi che direzioni flussi di energia , atomica, radiazioni elettromagnetiche (RF, ELF, ULF) ... inoltre si specifica tra l'altro tra gli 'exotic weapons' ci sono :  chemtrails  (NB!)  , armi elettroniche, psicotroniche, sistemi spaziali basati su radiazioni con frequenze ultrabasse, etc. ....

.



CITY COUNCIL VOTES TO BAN MIND CONTROL WEAPON USE AGAINST RESIDENTS

By Melissa Dykes [1]Global Research, May 21, 2015Truthstream Media
[2] 20 May 2015

The numbers are at least in the hundreds of thousands at this point.

Every once in a while, a little piece of this trend rises to the
surface and makes its way into mainstream headlines, if even at a
local level as is the case with the recent news that the Richmond,
California City Council
which just passed a resolution “in support
of the Space Preservation Act and the Space Preservation Treaty to
permanently ban spaced-based weapons”.

Via San Jose Mercury News [3]:

Few societal threats escape the watchful eye of the Richmond City
Council, so it was no surprise Tuesday night that it voted its
opposition to airborne weapons systems that have allegedly targeted
residents with mind-control technology. You read that correctly.

After a dozen professed victims told of pain suffered from
chemtrails, particle beams and electromagnetic radiation, the council
voted 5-2 in favor of Councilwoman Jovanka Beckles’ resolution “in
support of the Space Preservation Act and the Space Preservation
Treaty to permanently ban spaced-based weapons,” with Mayor Tom
Butt [4] and Councilman Vinay Pimple [5] dissenting. [What
unfortunate names…]

“I’m just a dumb city council person,” Butt said, “and this
is way, way over my head. I frankly think it’s way out of the
purview of what this city council should be taking up.”

Colleague Nat Bates was more understanding: “I’m going to support
the resolution for the simple reason that we have voted on a lot of
dumb ideas.”

With a population of nearly 108,000 people in 2013, Richmond is no
small town… and this is just one example of one town in one state in
our country where at least a dozen people felt the need to speak out
about what they believe is happening to them.

While these council members can poke fun and make light of this,
guaranteed the people suffering what they believe is never ending
electronic harassment by the government don’t think it’s very
humorous at all.

And the numbers of those people who do believe that appear to be
growing exponentially.

The purpose of the Space Preservation Act of 2001 [6], introduced by
former U.S. Representative Dennis Kucinich, was to reaffirm it “is
the policy of the United States that activities in space should be
devoted to peaceful purposes for the benefit of all mankind.”

The bill would have permanently banned all space-based weapons and
the termination of testing and developing them. It further
specifically defined “weapon” in part as a device capable of
“Inflicting death or injury on, or damaging or destroying, a
person” via “the use of land-based, sea-based, or space-based
systems using radiation, electromagnetic, psychotronic, sonic, laser,
or other energies directed at individual persons or targeted
populations for the purpose of information war, mood management, or
mind control of such persons or populations.”

It further noted that this would include “exotic weapons systems”
such as electronic, psychotronic, or information weapons; chemtrails;
high altitude ultra low frequency weapons systems; plasma,
electromagnetic, sonic, or ultrasonic weapons; laser weapons systems;
strategic, theater, tactical, or extraterrestrial weapons; and
chemical, biological, environmental, climate, or tectonic weapons.

The bill, of course, got lost in committees and never passed. Not
that our government would even bother to pass such a bill in the first
place as a token gesture, but even if they had, considering most of
the projects listed above are all like top secret or even above top
secret military projects, it wouldn’t have been enforced anyway.

We only hear about some of the space weapons coming out now and then
in the news or via the patent office, and guaranteed whatever we hear
about, you know they likely have something years more advanced we have
no idea about because the American public is on a need-to-know basis
and long ago at least back to the late-1800s when they were developing
and secretly testing electric airships, the government decided we
don’t need to know.

We are currently being told microwave energy weapons are still a
“conspiracy theory,” even as Boeing recently patented a Star
Wars-style force field capable of “producing a plasma field between
the target and the explosion using lasers, electricity and
microwaves.”

However, the bottom line here is that so many American citizens are
now publicly complaining of electronic harassment of various types at
the hands of our government that city councils are being forced by
their constituency to take up resolutions about it.

The truth cannot be buried forever

City Council Votes to Ban Mind Control Weapon Use Against Residents
[7]

[8]

City Council Votes to Ban Mind Control Weapon Use... [9]
It’s hard to even guesstimate the number of people, not just in
America but around the world, who feel they are being targeted by
space age directed energy mind con...

View on www.globalresearch.ca [10]
Preview by Yahoo

Links:
------
[1] http://www.globalresearch.ca/author/melton
[2]
http://truthstreammedia.com/2015/05/20/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/
[3]
http://www.mercurynews.com/bay-area-news/ci_28154576/barnidge-no-more-mind-control-weapons-targeting-richmond?source=infinite
[4] http://www.tombutt.com/
[5]
http://richmondconfidential.org/2015/03/12/meet-vinay-pimple-richmonds-newest-city-councilmember/
[6] https://www.fasorg/sgp/congress/2001/hr2977.html
[7]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[8]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[9]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[10]
http://www.globalresearch.ca/city-council-votes-to-ban-mind-control-weapon-use-against-residents/5450998
[11]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/conversations/messages/34728;_ylc=X3oDMTJydWV1OGs5BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARtc2dJZAMzNDcyOARzZWMDZnRyBHNsawNycGx5BHN0aW1lAzE0MzIzMDY0Njc-?act=reply&messageNum=34728
[12]
mailto:sanysidrosd@yahoo.com?subject=Re%3A%20City%20Council%20Votes%20to%20Ban%20Mind%20Control%20Weapon%20Use%20Against%20Residents
[13]
mailto:emfrefugee@yahoogroups.com?subject=Re%3A%20City%20Council%20Votes%20to%20Ban%20Mind%20Control%20Weapon%20Use%20Against%20Residents
[14]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/conversations/newtopic;_ylc=X3oDMTJmNW1wYmZuBF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDZnRyBHNsawNudHBjBHN0aW1lAzE0MzIzMDY0Njc-
[15]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/conversations/topics/34728;_ylc=X3oDMTM3dTUzY2Q4BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARtc2dJZAMzNDcyOARzZWMDZnRyBHNsawN2dHBjBHN0aW1lAzE0MzIzMDY0NjcEdHBjSWQDMzQ3Mjg-
[16]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/info;_ylc=X3oDMTJmOGE5YTQ2BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDdnRsBHNsawN2Z2hwBHN0aW1lAzE0MzIzMDY0Njc-
[17]
https://groups.yahoo.com/neo/groups/emfrefugee/members/all;_ylc=X3oDMTJnamh2cmE0BF9TAzk3MzU5NzE0BGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDdnRsBHNsawN2bWJycwRzdGltZQMxNDMyMzA2NDY3
[18]
https://groups.yahoo.com/neo;_ylc=X3oDMTJlOHUzZHQzBF9TAzk3NDc2NTkwBGdycElkAzE3MDg1NDIwBGdycHNwSWQDMTcwNTA2MTQ5OARzZWMDZnRyBHNsawNnZnAEc3RpbWUDMTQzMjMwNjQ2Nw--
[19] https://info.yahoo.com/privacy/us/yahoo/groups/details.html
[20] mailto:emfrefugee-unsubscribe@yahoogroups.com?subject=Unsubscribe
[21] https://info.yahoo.com/legal/us/yahoo/utos/terms/

giovedì 21 maggio 2015

Prosegue la lotta legale contro le decisione del EESC


Link per recuperare le puntate precedenti:  Link

Varie associazione europee si sono appellate al Ombudsman (ovvero Difensore Civico Europeo) per chiedere di rivedere le conclusioni della riunione di quella  commissione che ha deliberato una pronuncia 'quasi-negazionista' sulla elettrosensibilità, a causa del comportamento molto 'dubbio'  di un membro inglese.

Il Difensore Civico il 12.5 ha risposto informando che ha unificato le varie contestazioni, inserite da più associazioni,  confermando la volontà di avviare una investigazione formale.

Ha già inviato al Direttore dell'EESC di dare risposte ai quesiti posti dalle associazioni reclamanti, entro il 31.7.15.
Quindi tale risposta sarà da 'noi' rivista e commentata.


Seguiamo i prossimi passi.





English
 
COMPLAINTS AGAINST THE EESC (COUNTER) OPINION ON ELECTROMAGNETIC HYPERSENSITIVITY
 
1. The European Ombudsman has already responded to us on May 12: it has unified the seven complaints received and she agreed to open an investigation. Now there are three phases:
 
- The Ombudsman has already requested information from the Director of the EESC (not later than 31 July 2015)

- The Ombudsman will send us such EESC information received.
- We must send our observations to the Ombudsman within one month after receipt the Ombudsman information
.
 
2. The Registry of the EESC sent us on 18 May the audiovisual archive of the plenary session on 21 January on electromagnetic hypersensitivity (21/01/2015-ten559-multi.mp4 - 632 MB). You can download at http://we.tl/2VE0fFWJGI (only for 7 days).
 
The audiovisual archive includes four languages: ORIGINAL, DE, EN and FR. You can choose the language audio tracks using a free program like VLC (can be downloaded at https://www.videolan.org/)
 
We will send you shortly a proposed strategy to continue this process with legal basis.
 

Appello di Parigi

Qui il documento emesso dai partecipanti ad un Convegno organizzato da

- il ECERI  European Cancer and Environmental Research Institute fondato da ricercatori e membri del Parlamento Europeo nel 2011 coordina 15 centri di ricerca nell'oncologia , genetica, epigenetica, sulle interazione tra stress ambientale e l'uomo.
- ISDE è una organizzazione italiana di medici per l'ambiente fondata nel 1990.

Titolo del congresso è: intolleranza idiopatica ambientale (vedesi elettrosensibilità, MCS) quale ruolo hanno i campi elettromagnetici ed le sostanza chimiche ?



qui il link alle registrazioni del convegno

http://www.mast-victims.org/resources/audio/5th-paris-appeal/index.html

mercoledì 20 maggio 2015

Il Consiglio Comunale approva definitivamente la obbligatorietà della etichettatura


questa è l'etichetta tipo che i commercianti debbono esporre sulle scatole che racchiudono i telefoni cellulari.   Esso specifica  che essi trasmettono  radiofrequenze, e che se si porta nelle tasche dei pantaloni oppure nel reggiseno  il telefono acceso e/o connesso ad una rete wireless, si eccedono i limiti di sicurezza stabiliti dal FCC. Questo potenziale rischio è più alto per i bambini .


lunedì 18 maggio 2015

Interpellanza parlamentare sui CEM

Tutta quella attività di molti di noi ha svolto per raccogliere firme da inviare alle massime cariche della Repubblica. qualche piccolo risultato l'ha prodotto.

Qui c'è un'interrogazione parlamentare dell'On Melilla rivolta al Ministro dell'Ambiente

Monitoriamo cosa risponderà ...




Atti Parlamentari — 25129 — Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA — ALLEGATO B AI RESOCONTI — SEDUTA DEL 13 MAGGIO 2015

 

Interpellanza: Il sottoscritto chiede di interpellare il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministro della salute, per sapere – premesso che:

da alcuni anni si parla molto, soprattutto in seguito allo sviluppo delle radiofrequenze e onde libere per connessioni Wi-Fi, nella comunità internazionale dei danni derivanti dal meglio conosciuto inquinamento elettromagnetico. Problema sorto con lo svilupparsi delle apparecchiature Wi-Fi, computer, tablet, cellulari (telefonia mobile), microonde; questo abnorme e veloce sviluppo elettronico ha portato alla osservazione, alla conoscenza e alla presa di atto del fatto che detto sviluppo tecnologico è tutt’altro che innocuo e inoffensivo per il genere umano; studi e ricerche (ancora da approfondire) lamentano i gravi danni per la salute umana, soprattutto per bambini, adolescenti e donne in stato di gravidanza. Danni che hanno rilevanza importante e a volte mortale, come l’esponenziale aumento del tumori (+400 per cento), dei danni alle cellule celebrali, l’abbassamento del tasso di fertilità. Aumento notevole delle proteine da stress, danni all’apparato visivo, sfaldamento delle cellule dell’occhio, diminuzione del sonno, eccitabilità ed afasia dati dall’eccessivo uso del computer o del tablet; con ogni evidenza questi sono danni importanti dovuti non solo alle alte frequenze con lo sviluppo del calore (anche corporeo), ma portati anche dalle basse frequenze, che si scopre essere – anch’esse – tutt’altro che innocue. La comunità scientifica è fortemente preoccupata ed ha, recentemente, lanciato un appello/petizione, per correre ai ripari al più presto; l’evidenza della difficoltà che il problema rappresenta è evidenziata dal fatto che la nostra società è oramai tutta, e a tutti i livelli, fortemente improntata dall’uso dei supporti elettronici senza fili, come quelli in questione; la nostra legislazione, sebbene allarmata e articolata da tempo, risulta insufficiente alla sicurezza e alla salvaguardia delle specie umana in prima persona e anche alla salvaguardia delle risorse naturali stesse. Tutto ciò sebbene alcuni accorgimenti potrebbero, ad oggi, essere utilizzati. Come l’uso del legno più che dei metalli, il legno non è conduttore di onde elettromagnetiche, ed anche l’utilizzo di alcune piante che pare abbiano la capacità di assorbire le radiazioni così come, anche, alcuni minerali come la tormalina, il quarzo ed altri; la disinformazione generalizzata è il pericolo più importante ed imminente, l’uso indiscriminato delle tecnologie senza fili, utilizzate anche nelle scuole (asili nido, materne elementari, medie) e negli ospedali, è un dato di forte apprensione, essendo questi luoghi a forte rischio e con minore salvaguardia proprio perché legati alla minore possibilità di difesa del corpo stesso, sia per l’età dei soggetti che per i disagi fisici dei soggetti malati.

 come intendano adoperarsi in merito e se non ritengano opportuno aumentare il livello di guardia, sensibilizzando la popolazione sugli evidenti danni provocati dalle apparecchiature elettroniche, radio e comunicazione eccessivamente usate al giorno di oggi, ponendo, per esempio, un limite di età all’uso delle apparecchiature computer e cellulari, vietando l’uso degli stessi (se non per quelli a fibra ottica e via cavo) negli ambienti più a rischio; se non ritengano di assumere iniziative per vietare l’uso di tali apparecchiature nelle scuole e negli ospedali, privilegiando l’uso di quelle a collegamento via cavo; se non sia opportuno riportare, assumendo iniziative per abrogare l’articolo 14 comma 8 del decreto-legge 179 del 2012, la misurazione dei campi elettromagnetici a 6 ore e non 24 come la suddetta legge prevede, accogliendo in toto l’appello per la difesa della salute dalle radiazioni a radiofrequenza e microonde come da lettera della task force sui campi elettromagnetici del 26 febbraio 2015.

(2-00972) « Melilla ».

venerdì 15 maggio 2015

non solo tecnostress ... elettrosensibilità



Articolo su Focus interessante che riporta un'indagine svolta due associazioni italiane su 'tecnostress'

Elettrosmog ulteriore minaccia Connessi anche per 16 ore al giorno, anche a letto o in ferie

L'indagine su 1.000 persone, mal di testa, nervosismo, stanchezza e dolori

stress_donna_computer_web-kl3h-u301733446336xid-150x100produzione
|ADN Kronos



Roma, 14 mag. (AdnKronos Salute) - Mal di testa, nervosismo, calo della concentrazione, stanchezza, umore nero, gastrite e perfino ansia e attacchi di panico. Sono i sintomi del tecnostress che insidia i lavoratori italiani, soprattutto quelli digitali. Mettendoli Ko dopo maratone online. Ben il 45%, infatti, confessa che l'uso intenso di tablet, smartphone e pc gli ha già creato problemi di salute, spesso o a volte. E' quanto emerge dalla nuova ricerca di Netdipendenza Onlus anticipata dall'Adnkronos Salute, e realizzata in collaborazione con l'Associazione italiana formatori salute e sicurezza sul lavoro (Aifos). Un'indagine condotta su un campione di 1.009 mobile workers.

Smartphone, tablet e computer portatili sono diventati strumenti di lavoro abituali, ma l'uso eccessivo di questi dispositivi può "favorire rischi per la salute: da un lato - spiega Enzo Di Frenna, presidente di Netdipendenza Onlus - i sintomi del tecnostress tra cui mal di testa, ansia, ipertensione, insonnia, depressione, disturbi alla memoria, attacchi di panico, e dall'altro l'elettrosmog, cioè l'esposizione prolungata ai campi elettromagnetici emessi da smartphone e tablet". Se ne parlerà al convegno nazionale 'TecnoStress lavoro correlato, la nuova frontiera della malattia professionale', in programma domani 15 maggio ad Anagni /Frosinone), presso la sede dell'Inps.

Nel 2007 il tecnostress è stato riconosciuto come nuova malattia professionale, in seguito a una sentenza della Procura di Torino. Nel 2008, con il Decreto legislativo 81, è entrato in vigore l'obbligo di valutare il rischio stress negli ambienti di lavoro e nel 2010 il ministero del Lavoro ha preso una posizione precisa sul rischio tecnostress, considerandolo un problema per la salute dei lavoratori digitali. La nuova indagine ha coinvolto 1.005 lavoratori digitali. L'87,5% dichiara di usare frequentemente dispositivi mobili connessi a Internet per motivi di lavoro. Il 59,5% ritiene che la quantità di informazioni da gestire sia molto aumentata nell'era degli smartphone.

La maggior parte degli interpellati usa un computer connesso alla Rete per 8 ore al giorno (18,4%), ma c'è anche chi arriva a 10 ore (9,8%) e chi addirittura oscilla tra le 12 e 16 ore (complessivamente il 6% circa). Il 64,1%, inoltre, usa lo smartphone un'ora al giorno per conversazioni di lavoro (circa 30 ore al mese), anche nel week'end. Alcuni lavoratori arrivano a usare lo smartphone anche "6 ore al giorno, con pause di 30 minuti". L'uso del tablet per motivi di lavoro invece non è ancora così diffuso. Infatti solo il 36,9% lo usa abitualmente almeno un'ora al giorno, con punte massime di 4 ore.

Ormai molti lavoratori sono iperconnessi: non staccano mai la spina e dichiarano di usare computer, smartphone e tablet anche la sera a letto per motivi professionali (complessivamente il 66,5% circa), o il sabato e la domenica (circa il 90%). Il 65,5% è consapevole dei rischi dei campi elettromagnetici correlati all'uso dei dispositivi mobili, ma non può farne a meno. Anche con il mal di testa. L'87% confessa che l'overdose di tecnologia gli provoca affaticamento mentale. Tra questi, l'8,7% lamenta seri problemi alla salute e il 39,6% problemi occasionali: in tutto, dunque, il 45% dei lavoratori fa i conti con acciacchi e disturbi da tecnostress.

Ma quali sono i sintomi più frequenti lamentati dai lavoratori digitali? Al primo posto il mal di testa (44,5%), poi il calo della concentrazione (35,4%), il nervosismo e l'alterazione dell'umore (33,8%), tensioni neuromuscolari (28,5%), stanchezza cronica (23,3%), insonnia (22,9%), ansia (20,4%), disturbi gastro-intestinali (15,8%), dermatite da stress (6,9%). Tra i sintomi più gravi alterazioni comportamentali (7,1%), attacchi di panico (2,6%) e depressione (2,1%).

A questi rischi per la salute bisogna aggiungere quelli derivati dall'esposizione eccessiva ai campi elettromagnetici emessi dai smartphone, tablet e stazioni Wi-Fi. Ancora sottovalutati e su cui sono poche le certezze. "Molti sintomi dell'elettrosmog sono simili a quelli del tecnostress, come ad esempio il mal di testa, il calo della concentrazione, l'insonnia. Bisogna approfondire l'impatto di questi due rischi e valutare correttamente il sovraccarico informativo cognitivo e i livelli di emissioni di campi elettromagnetici. E' questa la nuova sfida da affrontare per difendere la salute dei lavoratori digitali", dice Di Frenna.

Un altro dato allarmante è quello della dipendenza dalla tecnologia digitale. Spegnere computer, smartphone e tablet anche solo per brevi periodi crea un forte disagio. Infatti, alla domanda 'potresti fare a meno della tecnologia digitale?' il 26% dice di non considerare affatto l'ipotesi e il 17,5% risponde 'mai'. Qualcuno può farne a meno per pochi minuti (3,5%) oppure per mezza giornata (16,8%), mentre altri sostengono di poter evitare l'uso dei dispositivi digitali per un periodo compreso tra un giorno (11,3%) e una settimana (12,7%).

Ma cosa fare per riuscire a pigiare il tasto 'off'? Gli stessi lavoratori intervistati suggeriscono di dedicarsi ad attività rilassanti, passeggiare a contatto con la natura o fare meditazione, oppure ancora fare sport per recuperare la concentrazione e la vitalità. Poi c'è il rispetto delle pause per i videoterminalisti previste per legge negli uffici, e la richiesta di una maggiore formazione dei lavoratori sui rischi del tecnostress e dei campi elettromagnetici, insieme alla riorganizzazione del lavoro e una distribuzione più adeguata del carico informativo. Proprio per rispondere alle esigenze di prevenzione avanzate dai lavoratori digitali, Netdipendenza Onlus pubblicherà nei prossimi mesi la guida gratuita 'No TecnoStress, sì Aloe'. All'interno una selezione di indirizzi dei centri benessere e olistici antistress presenti nella regioni italiane, e da frequentare rigorosamente con lo smartphone spento.
 

Cautele per le donne in attesa ...

Articolo pubblicato su Repubblica
http://www.repubblica.it/salute/benessere-donna/gravidanza-e-parto/2015/05/11/news/ricerca_squillo_cellulare_puo_spaventare_feto_in_gravidanza-114106769/?ref=HRLV-23


ROMA -  Se le future mamme hanno il cellulare accanto, ad ogni squillo il bebè agita la testa, spalanca la bocca e le sue labbra tremano. Il feto insomma sembrerebbe spaventarsi e più si allarma più rischia di perdere i ritmi naturali sonno/veglia. Stessa reazione avviene con i bip-bip dei cercapersone.

Lo suggerisce una curiosa, seppure limitata, ricerca condotta su 28 donne medico incinta dai ginecologi del Wyckoff Heights Medical Center di New York City. I risultati dell'osservazione verranno presentati al congresso nazionale dell'American College of Obstetricians and Gynecologists in corso a San Francisco in questi giorni.

"Si tratta di una indagine preliminare e che andrebbe approfondita su larga scala, con la quale abbiamo voluto osservare gli effetti dei cellulari sui bambini in via di sviluppo laddove le madri indossavano i telefonini a  lungo per motivi di lavoro -  spiega Boris Petrikovsky, a capo dello studio, in una nota che è stata ripresa dai media statunitensi - . Quando i cellulari sono tenuti in prossimità della testa dei feti i suoni, e probabilmente anche le vibrazioni, causano un vero e proprio riflesso di spavento sul volto del bebè che interrompe e disturba il normale ciclo di riposo. Del resto, chi vorrebbe essere svegliato dai continui trilli di un telefonino?".

Tutti i feti, monitorati fra le 27 e le 41 settimane di gestazione, hanno mostrato risposte di allarme quando esposti a un singolo squillo, agitando la testa, tremando e spalancando la bocca. Quando i dispositivi hanno continuato a suonare ripetutamente ogni 10 minuti, si è agitato invece il 90% dei feti. Continuando con l'operazione la percentuale di bimbi agitati è scesa all'80%. "Molti feti sembravano abituarsi se i suoni diventavano continui e quando telefoni e cicalini hanno iniziato a suonare spesso i sobbalzi dei feti sono diminuiti del 60 per cento fino alla 36esima settimana di gestazione e nel 90% dei casi per i feti a termine".

I ricercatori non traggono conclusioni circa gli effetti dell'agitazione dei piccoli relativamente alle conseguenze sulla loro salute, ma a scopo precauzionale danno dei consigli alle dirette interessate: "E' consigliabile non portare i telefoni cellulari e i cercapersone in prossimità dell'addome - ha detto Petrikovsky - . Meglio metterli in borsa o nelle tasche a livello del petto. A scopo precauzionale possiamo dire che più tali dispositivi sono tenuti lontani dal feto e meno è possibile che il suo riposo venga disturbato".

"Naturalmente ci sono altri fattori che potrebbero contribuire a spaventare i bambini in via di sviluppo - precisa Petrikovsky - . Studi precedenti hanno indagato già gli effetti sulle donne incinte che risiedono in prossimità degli aeroporti principali,
con gli aerei costantemente in fase di atterraggio e decollo. Sappiamo che il rumore può influenzare lo sviluppo del bambino".

Commenta nella stessa nota stampa Tomer Singer, ginecologo del North Shore - LIJ Center for Human Reproduction di New York : "I dati sono molto interessanti, ma lo studio è molto piccolo e va interpretato con prudenza. Però fa luce sul problema, in attesa che una indagine più grande indaghi a fondo gli effetti".

>Intervista a Paolo Orio

 
 
Carissimi vi inoltro una mia breve intervista televisiva ( con Davide ) a latere di un convegno tenuto recentemente a Muggiò sull'elettrosmog.

Ciao,Paolo Orio

giovedì 14 maggio 2015

Il Comune di Berkeley richiede le etichette !




"right to know ordinance"

News dalla stampa locale  che riportano che il consiglio comunale di Berkeley (California, oltre 110.000 abitanti) ha votato all'unanimità (primo passaggio)  la obbligatorietà di esposizione da parte dei venditori di telefoni cellulari del loro  grado di pericolosità, esponendo il valore di SAR

qui l'ordinanza


Ovviamente è immediatamente arrivata l'ingiunzione della CTIA (la Associazione imprenditoriale delle aziende ICT) a non procedere, pronti - come hanno sempre fatto con tutti i modi da quelli legali a quelli non-legali ... - a  bloccare questo editto, che possa far entrare nella mente dei cittadini statunitensi che il Comune possa decidere il grado di inquinamento della propria realtà!

lunedì 11 maggio 2015

Comunicato stampa su appello di 190 scienziati a ONU

Appello di 190 scienziati di tutto il Mondo all'ONU per una reale attuazione di principi di precauzione contro i campi elettromagnetici

  
A: Onorevole Mr, Ban Ki-moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite;
Onorevole Dr. Margaret Chan, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità;
Stati membri delle Nazioni Unite.
Appello Internazionale:
Gli scienziati chiedono

protezione dall’esposizione ai Campi Elettromagnetici non ionizzanti
Siamo scienziati impegnati nello studio degli effetti biologici e sanitari dei campi elettromagnetici non ionizzanti (EMF). Basandoci sulle ricerche pubblicate da riviste peer-reviwed, siamo seriamente preoccupati riguardo all’esposizione ubiquitaria e sempre più in aumento agli EMF generati da apparecchiature elettriche e wireless.
Queste includono ma non si limitano le apparecchiature che emettono radiazione a radiofrequenza (RFR), quali i cellulari, i telefoni cordless e le loro stazioni base, il Wi-Fi, le antenne di trasmissione, gli smart-meter e i monitor per neonati oltre alle apparecchiature elettriche e alle infrastrutture utilizzate nel trasporto e consegna di elettricità che generano un campo elettromagnetico a frequenza estremamente bassa (ELF EMF).
Basi scientifiche per la nostra comune preoccupazione
Numerose pubblicazioni scientifiche recenti hanno mostrato che i EMF influiscono gli organismi viventi a livelli ben inferiori a molte linee guida sia nazionali che internazionali. Gli effetti includono l’aumentato rischio di tumori, lo stress cellulare, l’aumento di radicali liberi dannosi, danno genetico, modifiche strutturali e funzionali del sistema riproduttivo, deficit di apprendimento e di memoria, disturbi neurologici, e impatti negativi sul generale benessere degli esseri umani. Il danno va molto oltre la razza umana, visto che ci sono sempre più in aumento le prove degli effetti dannosi sia sulla vita delle piante che su quella degli animali.
Queste scoperte giustificano il nostro appello alle Nazioni Unite (UN) e, a tutti gli Stati Membri nel mondo, per incoraggiare l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ad esercitare una forte leadership nella promozione dello sviluppo di linee guida più protettive nei confronti dei EMF, incoraggiando misure precauzionali, ed educando il pubblico riguardo ai rischi per la salute, particolarmente al rischio per lo sviluppo dei bambini e del feto. Con un mancato intervento.
L’OMS viene a mancare all’adempimento del suo ruolo quale preminente ente internazionale di salute pubblica.
Linee guida per gli EMF non ionizzanti inadeguate
I vari enti che fissano norme di sicurezza hanno fallito nell’imporre linee guida sufficienti a proteggere il pubblico in generale, e i bambini in modo particolare che sono più vulnerabili agli effetti degli EMF.
La Commissione Internazionale sulla Protezione dalle Radiazioni Non-Ionizzanti (ICNIRP) ha stabilito nel 1998 le “Linee guida per limitare l’esposizione ai campi elettromagnetici, magnetici, elettrici variabili nel tempo (fino a 300 GHZ)”.
1 Queste linee guida sono state accettate dall’OMS e da molti paesi in tutto il mondo. L’OMS sta chiedendo a tutte le nazioni di adottare le linee guida dell’ICNIRP per incoraggiare l’armonizzazione internazionale degli standard. Nel 2009, l’ICNIRP ha rilasciato una dichiarazione dicendo che stava riaffermando le proprie linee guida del 1998, perché secondo la loro opinione, la letteratura scientifica pubblicata fino ad allora “non aveva fornito prova di alcun effetto negativo al di sotto dei limiti stabiliti e non si rendeva necessaria una revisione immediata della sua guida per la limitazione dell'esposizione ai campi elettromagnetici ad alta frequenza.
2 La nostra opinione è che, poiché le linee guida ICNIRP non considerano l’esposizione a lungo termine e gli effetti a bassa intensità, esse sono insufficienti a proteggere la salute pubblica.
L’OMS ha adottato la classificazione dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) del campo elettromagnetico a frequenza estremamente bassa (ELF EMF) nel 2002 e della radiazione a radiofrequenza (RFR) nel 2011. Questa classificazione dichiara che l’EMF è un possibile cancerogeno umano (Gruppo 2B).

Nonostante entrambe le scoperte IARC, l’OMS continua a sostenere che non vi sono prove sufficienti per giustificare l'abbassamento di tali limiti quantitativi di esposizione.
Poiché vi è polemica circa un fondamento logico per fissare norme per evitare gli effetti negativi per la salute, si raccomanda che il Programma Ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) convochi e finanzi un comitato multidisciplinare indipendente che esplori i pro e i contro di pratiche alternative a quelle correnti che possano abbassare sostanzialmente l’esposizione umana alle RF e ai campi ELF. Le decisioni di questo gruppo dovrebbero essere prese in modo trasparente e imparziale
. Nonostante sia essenziale che l’industria venga coinvolta e cooperi in questo processo, non dovrebbe essere permesso all’industria di influenzare il processo decisionale del  ruppo o le conclusioni raggiunte. Questo gruppo dovrebbe fornire le proprie analisi alle Nazioni Unite eall’OMS per guidare l’azione precauzionale
Collettivamente chiediamo anche che:
1. Vengano protetti i bambini e le donne incinta;
2. Si rinforzino le linee guida e gli standard regolamentari;
3. I produttori vengano incoraggiati a sviluppare tecnologia più sicura;
4. I servizi di utilità pubblica (società dell’energia elettrica, telefonia, etc.) responsabili della produzione, trasmissione, distribuzione, e monitoraggio del mantenimento dell’elettricità, mantengano di un’adeguata qualità della corrente elettrica e assicurino cavi elettrici appropriati per minimizzare i danni prodotti dalla corrente a terra;
5. Il pubblico venga pienamente informato riguardo ai rischi potenziali per la salute derivanti dall’energia elettromagnetica e vengano loro insegnate le strategie per la riduzione del danno;
6. Ai professionisti del campo medico si provveda un’educazione adeguata riguardo agli effetti biologici dell’energia elettromagnetica e sia provvista una formazione al trattamento di pazienti che soffrono di elettrosensibilità;
7. I governi finanzino formazione e ricerca sui campi elettromagnetici e la salute che sia indipendente dall’industria e impongano la cooperazione tra industria e ricercatori;
8. I mass media rivelino i rapporti tra gli esperti della finanza con l’industria quando citano le loro opinioni riguardo gli aspetti sulla salute e la sicurezza delle tecnologie di emissione di EMF; e
9. Vengano stabilite delle zone-bianche (aree libere da radiazioni).

Data proposta di sottomissione: 23 Ottobre 2014
Domande possono essere poste a Elizabeth Kelley, M.A., Directore, EMFscientist.org, a:
info@EMFscientist.org
Le firme seguono secondo la nazione….
Nota: i firmatari hanno firmato come individui, dando la loro affiliazione professionale, ma questo non necessariamente significa che questo rappresenti la visione dei loro datori di lavoro o delle organizzazioni professionali alle quali sono affiliati.
Magda Havas, Ph.D, Trent University, Peterborough, Ontario Canada
Martin Blank, Ph.D, Columbia University, USA
Elizabeth Kelley, MA, Electromagnetic Safety Alliance, Arizona, USA
Henry Lai, Ph.D, University of Washington, USA
Joel M. Moskovitz, Ph.D, University of California at Berkeley, USA
per l'Italia:

Italy
Prof. Sergio Adamo, Ph.D., La Sapienza University, Rome, Italy
Prof. Fernanda Amicarelli, Ph.D., Applied Biology, Dept. of Health, Life and Environmental Sciences, University of L'Aquila, Italy
Dr. Pasquale Avino, Ph.D., INAIL Research Section, Rome, Italy
Dr. Fiorella Belpoggi, Ph.D., FIATP, Director, Cesare Maltoni Cancer Research Center, Ramazzini Institute, Italy
Prof. Emanuele Calabro, Department of Physics and Earth Sciences, University of Messina, Italy
Prof. Franco Cervellati, Ph.D., Department of Life Science and Biotechnology, Section of General Physiology, University of Ferrara, Italy
Prof. Stefano Falone, Ph.D., Researcher in Applied Biology, Dept. of Health, Life and Environmental Sciences, University of L'Aquila, Italy
Prof. Dr. Speridione Garbisa, ret. Senior Scholar, Dept. Biomedical Sciences, University of Padova, Italy
Dr. Settimio Grimaldi, Ph.D., Associate Scientist, National Research Council, Italy
Prof. Livio Giuliani, Ph.D., Director of Research, Italian Health National Service, Rome-Florence-Bozen; Spokesman, ICEMS - International Commission for Electromagnetic Safety, Italy
Prof. Dr. Angelo Levis, MD, Dept. Medical Sciences, Padua University, Italy
Prof. Salvatore Magazù, Ph.D., Department of Physics and Science, Messina University, Italy
Dr. Fiorenzo Marinelli, Ph.D., Researcher, Molecular Genetic Institute of the National Research Council, Italy
Claudio Poggi, Electronics Engineer, Research Director, Sistemi s.r.l., (TN), Genoa, Italy
Prof. Raoul Saggini, University G. D'Annunzio, Chieti, Italy
Dr. Morando Soffritti, MD, Honorary President, National Institute for the Study and Control of Cancer and Environmental Diseases B. Ramazzini, Bologna, Italy
Prof. Massimo Sperini, Ph.D., Center for Inter-University Research on Sustainable Development, Rome, Italy
 

Appello di 190 scienziati all'ONU


190 scienziati di tutto il Mondo (gli italiani sono indicati qui) hanno prodotto un appello rivolto a ONU e in copia a WHO ai fini di proteggere l'essere umano e la natura dai campi elettromagnetici e dalla tecnologia wireless.

Qui c'è l'appello in italiano .

Inoltre si enfatizza la posizione conflittuale dell'OMS (WHO) che pur avendo classificato gli EMF come possibili cancerogeni continua a perorare la difesa dei livelli massimi di esposizione dell'ICNIRP datati fine anni '90.


vedere sito apposito http://emfscientist.org/


PRESS RELEASE
International Scientists Appeal to U.N. to Protect Humans and Wildlife from Electromagnetic Fields and Wireless Technology


WHO’s conflicting stance on risk needs strengthening, says 190 scientists

New York, NY, May 11, 2015 (Business Wire) -- Today 190 scientists from 39 nations submitted an appeal to the United Nations, UN member states and the World Health Organization (WHO) requesting they adopt more protective exposure guidelines for electromagnetic fields (EMF) and wireless technology in the face of increasing evidence of risk. These exposures are a rapidly growing form of environmental pollution worldwide.


The “International EMF Scientist Appeal” asks the Secretary General and UN affiliated bodies to encourage precautionary measures, to limit EMF exposures, and to educate the public about health risks, particularly to children and pregnant women.

The Appeal highlights WHO’s conflicting positions about EMF risk. WHO’s International Agency for Research on Cancer classified Radiofrequency radiation as a Group 2B “Possible Carcinogen” in 2011, and Extremely Low Frequency fields in 2001.  Nonetheless, WHO continues to ignore its own agency’s recommendations and favors guidelines recommended by the International Commission on Non-Ionizing Radiation Protection (ICNIRP). These guidelines, developed by a self-selected group of industry insiders, have long been criticized as non-protective.

The Appeal calls on the UN to strengthen its advisories on EMF risk for humans and to assess the potential impact on wildlife and other living organisms under the auspices of the UN Environmental Programme, in line with the science demonstrating risk, thereby resolving this inconsistency.

Martin Blank, PhD, of Columbia University, says, “International exposure guidelines for electromagnetic fields must be strengthened to reflect the reality of their impact on our bodies, especially on our DNA. The time to deal with the harmful biological and health effects is long overdue. We must reduce exposure by establishing more protective guidelines.”

Joel Moskowitz, PhD, of University of California, Berkeley, says, “ICNIRP guidelines set exposure standards for high-intensity, short-term, tissue-heating thresholds. These do not protect us from the low-intensity, chronic exposures common today. Scientists signing the Appeal request that the UN and member nations protect the global human population and wildlife from EMF exposures.”

International EMF Scientist Appeal:  EMFscientist.org

Video Statement (3 min.) by Spokesperson Martin Blank, PhD:
EMFscientist.org

Contacts:

Elizabeth Kelley, MA, Director                 Joel Moskowitz, PhD               
EMFscientist.org                                   School of Public Health, University of California, Berkeley
info@EMFscientist.org                           jmm@berkeley.edu
                                                                         1-510-643-7314          

sabato 9 maggio 2015

Expo 2015, occasione per promuovere corretti stili di vita tra giovani.



Associazione   ElettrosmogVolturino”    anno XXIX                                           
Via S. Martino, 2  71030  Volturino (FG)
Tel. 0881 550498 / 347 7215642                             
 http://elettrosmogvolturino.interfree.it

A Ministero della Salute    p.c. Ministero Istruzione
                                                              Volturino 08/5/2015 


Oggetto: Expo, occasione per promuovere corretti stili di vita tra giovani.
Caro Ministro, certamente salutare per i giovani la promozione di stile di vita corretta improntata alla dieta mediterranea lanciata a Expo 2015.                                                         
Per costruire " più salute", come Lei sostiene.
Se Le è sfuggito di menzionare un altro comportamento insalubre diffuso tra i giovani, come Le scrissi il 30 dicembre scorso in documento inviato, oltre che a Lei, anche al Presidente Renzi e all' OMS, mi permetto di ricordarLe ancora:
L'uso serale di telefonino e smartphone pregiudica la qualità del sonno con tutte le conseguenze deleterie: ridotta produzione di melatonina, ormone scudo ai radicali liberi, promotori di cancro;                             l'insulina non bruciando i grassi favorisce il diabete;                                                        
meno si dorme più si ingrassa: obesità;
riduzione delle difese immunitarie: più malattie;                                              
dormire male innalza la pressione arteriosa, cardiopatie e ictus
una scarsa qualità del sonno determina scarsa ossigenazione del sangue che ristagnando nei corpi cavernosi porta ad impotenza e  infertilità;                                              
aggressività che trova sfogo sempre più frequentemente in delitti e suicidi anche per futili motivi. La campagna d'informazione auspicata nel documento del 30 dicembre scorso e ancor prima nel 2003, al Suo collega Sirchia, continua a non decollare.
Auspicabile l'inizio proprio in occasione dell' Expo di Milano, scenario di tanta tecnologia coniugandola ad un uso più smart di essa. 
                                                                             Antonio Gagliardi                                                                          Associazione "Elettrosmog Volturino"                                                                              Rete NoElettrosmog Italia
 

venerdì 8 maggio 2015

incontro a Cason di Mezzomerico il 22.5


ELETTROSMOG

 CELLULARE, WI-FI, ANTENNE DI TELEFONIA MOBILE, ELETTRODOTTI…

 UNA REALE EMERGENZA SANITARIA.

 22 maggio 2015 , ore 20:45  presso il Cason di  Mezzomerico (No)

INTRODUZIONE AI LAVORI E MODERAZIONE : Carlo Magnaghi

LAVORARE IN RETE TRA ASSOCIAZIONI OPERANTI SUL TERRITORIO

Davide Petruzzelli     presidente  La Lampada di Aladino

EFFETTI BIOLOGICO/SANITARI A BREVE E LUNGO TERMINE

Dott.Paolo Orio  vice–presidente Associazione Italiana Elettrosensibili

LA POSIZIONE INNOVATIVA DELLA MAGISTRATURA ITALIANA

Avv. Valeria  Rossitto

 

DISCUSSIONE APERTA AL PUBBLICO CON LA PRESENZA DI:

 

Riccardo Perrone   Associazione Lorenzo Perrone

Massimiliano Corraini    Associazione Sottocorno

Sergio Crippa coordinatore nazionale della Associazione italiana Elettrosensibili

Davide Toniolo  Oncologia ospedale Rho

 

                                                                                                           

             Comune  Mezzomerico                 Comune Oleggio                  Comune Marano Ticino                     Coordinamento Difesa Territorio