Syndication

lunedì 28 dicembre 2015

Altra nota sulla posizione delle Assicurazioni sui danni da parte delle CEM

Pubblicata in una rivista periodica giuridica del New England (USA) viene riproposto uno studio (aggiornato)

http://www.mainecoalitiontostopsmartmeters.org/wp-content/uploads/2013/04/EV9-Insurability-Liability-Corrected-4-8-13-PUC-464.pdf

sulla posizione espressa da diverse fonti sulla assicurazione pdella responsabilità di società di comunicazione che utilizzano sistemi wireless.

Fonti:

Lloyds of London Risk assessment del 2011 in cui EMF compaiono tra i 50 maggiori fonti di rischi (per le casse delle società, ovviamente) e compare tra i 38 rischi negli USA

Swiss Re (che una società importante di riassicurazione - sono quelle che assicurano i maggiori rischi delle società assicurative, loro clienti - ) riporta conclusioni molto critiche in quanto la ricerca non dà risposte certe e le correlazioni con gravi malattie sono molto complesse al punto che la ricerca ha difficoltà a dare risposte. Nel 2011 esprime una decisione decisa. di NON riassicurazione contratti assicurativi legati a RF,

Zurich Insurance non paga per assicurazione per la responsabilità su EMF

Società TV canadesi nel 2010: 2/3 delle società non sono assicurate per eventuali danni da RF

Corte del Lavoro spagnola (2011) riconosciuta la elettrosensibilità di un professore con compensazione monetaria pari al 100% dello stipendio

DRI è una associazione di legali americana con molti soci ; nel 2009 nella Conference annuale ha affrontato il caso della responsabilità dei cellulari ed accessori. Il tema era su chi deve pagare i danni ? 

Suprema corte dell'Alaska nel 2007 ha deciso per la compensazione al 100% per un installatore della AT&T

domenica 6 dicembre 2015

Visualizziamo lelettrosmog che abbiamo intorno

C'è un App per Ipad per visualizzare l'inquinamento che abbiamo intorno http://www.architectureofradio.com/

anche se inquiniamo per vedere quanto siamo inquinati ...

martedì 1 dicembre 2015

Comunicato stampa per la 15enne suicida

o stampa della Rete NoElettrosmog Italia
  
Oggetto: una ragazza 15enne inglese si suicida perché non riesce a vivere nella scuola immersa nei Wifi

vedere articolo su stampa UK  http://is.gd/jTVOLP
15enne già dal 2012 aveva accusato forti distrurbi in presenza di radiazioni, in particolare nella sua scuola in cui erano state installate le antenne per il wifi .
La famiglia non è riuscita a dialogare con la scuola dove veniva 'castigata' fisicamente ma anche moralmente per i suoi comportamenti 'anomali'.
Fino al suicidio: si è impiccata !
Alla faccia della scuola inglese !

E quella italiana ?  dove l'unico slancio per dare credibilità ad una scuola che  i test dell'OCSE  ha marchiato come scuola di basso livello, rispetto a quelle del mondo più avanzato , è quello di installare wifi a più non posso ...
Pur sapendo - notizie provenienti da BBC su studi dell'OECD (http://is.gd/y4laeu) - che l'informatica in classe ... non aiuta , anzi riduce la capacità di apprendimento.

I disturbi sofferti da questa povera ragazza inglese non sono legati ad una malattia rara, ma alla elettrosensibilità ad i campi elettrognetici.  Malattia non malattia che OMS nicchia a riconoscere ufficialmente e separamente da altre malattie 'ambientali'.
La Associazione Elettrosensibili Italiana è attiva da anni per fare informazione innazitutto a chi cade in questo incubo.       www.elettrosensibili.it

Distinti saluti

Linee guida tedesche sui CEM


EUROPEAM è Accademia Europea per la Medicina Ambientale con sede in Germania.

Il contributo a questo articolo è dato da molti massimi ricercatori 'indipendenti', quali Olle Johansson, Kundi, Eger, etc.

Interessante quanto viene riportato per le terapia:  oltre al primario, essenziale "evitamento" da fonti CEM, viene indicata la strategia di minimizzare gli effetti nocivi del perozynitrite prodotti dai CEM insieme ad altri fattori ambientali.
Infatti  loro propongono di inserire la EHS allo interno del gruppo delle malattie croniche multisistema.



EUROPAEM EMF Guideline 2015 for the prevention, diagnosis and treatment of EMF-related health problems and illnesses
Belyaev I, Dean A, Eger H, Hubmann G, Jandrisovits R, Johansson O, Kern M, Kundi M, Lercher P, Mosgöller W, Moshammer H, Müller K, Oberfeld G, Ohnsorge P, Pelzmann P, Scheingraber C, Thill R. EUROPAEM EMF Guideline 2015 for the prevention, diagnosis and treatment of EMF-related health problems and illnesses.Rev Environ Health. 2015 Dec 1;30(4):337-71. doi: 10.1515/reveh-2015-0033.

Abstract


Chronic diseases and illnesses associated with unspecific symptoms are on the rise. In addition to chronic stress in social and work environments, physical and chemical exposures at home, at work, and during leisure activities are causal or contributing environmental stressors that deserve attention by the general practitioner as well as by all other members of the health care community. It seems certainly necessary now to take "new exposures" like electromagnetic field (EMF) into account. Physicians are increasingly confronted with health problems from unidentified causes.

Studies, empirical observations, and patient reports clearly indicate interactions between EMF exposure and health problems. Individual susceptibility and environmental factors are frequently neglected. New wireless technologies and applications have been introduced without any certainty about their health effects, raising new challenges for medicine and society. For instance, the issue of so-called non-thermal effects and potential long-term effects of low-dose exposure were scarcely investigated prior to the introduction of these technologies. Common EMF sources include Wi-Fi access points, routers and clients, cordless and mobile phones including their base stations, Bluetooth devices, ELF magnetic fields from net currents, ELF electric fields from electric lamps and wiring close to the bed and office desk. On the one hand, there is strong evidence that long-term-exposure to certain EMF exposures is a risk factor for diseases such as certain cancers, Alzheimer's disease and male infertility. On the other hand, the emerging electromagnetic hypersensitivity (EHS) is more and more recognized by health authorities, disability administrators and case workers, politicians, as well as courts of law.

We recommend treating EHS clinically as part of the group of chronic multisystem illnesses (CMI) leading to a functional impairment (EHS), but still recognizing that the underlying cause remains the environment. In the beginning, EHS symptoms often occur only occasionally, but over time they may increase in frequency and severity. Common EHS symptoms include headaches, concentration difficulties, sleeping problems, depression, lack of energy, fatigue and flu-like symptoms.

A comprehensive medical history, which should include all symptoms and their occurrences in spatial and temporal terms and in the context of EMF exposures, is the key to the diagnosis. The EMF exposure can be assessed by asking for typical sources like Wi-Fi access points, routers and clients, cordless and mobile phones and measurements at home and at work. It is very important to take the individual susceptibility into account.

The primary method of treatment should mainly focus on the prevention or reduction of EMF exposure, that is, reducing or eliminating all sources of EMF at home and in the workplace. The reduction of EMF exposure should also be extended to public spaces such as schools, hospitals, public transport, and libraries to enable persons with EHS an unhindered use (accessibility measure). If a detrimental EMF exposure is reduced sufficiently, the body has a chance to recover and EHS symptoms will be reduced or even disappear. Many examples have shown that such measures can prove effective. Also the survival rate of children with leukemia depends on ELF magnetic field exposure at home.

To increase the effectiveness of the treatment, the broad range of other environmental factors that contribute to the total body burden should also be addressed. Anything that supports a balanced homeostasis will increase a person's resilience against disease and thus against the adverse effects of EMF exposure. There is increasing evidence that EMF exposure has a major impact on the oxidative and nitrosative regulation capacity in affected individuals. This concept also may explain why the level of susceptibility to EMF can change and why the number of symptoms reported in the context of EMF exposures is so large. Based on our current understanding, a treatment approach that minimizes the adverse effects of peroxynitrite - as has been increasingly used in the treatment of multisystem disorders - works best.

This EMF Guideline gives an overview of the current knowledge regarding EMF-related health risks and provides concepts for the diagnosis and treatment and accessibility measures of EHS to improve and restore individual health outcomes as well as for the development of strategies for prevention.

http://1.usa.gov/1XCT1YV

elettrosensibile 15enne inglese si suicida!

vedere vari articoli:
http://www.dailymail.co.uk/news/article-3339511/Schoolgirl-15-hanged-developing-allergic-reaction-WiFi-school.html

http://www.vnews24.it/2015/12/01/suicida-allergia-wi-fi/


UK – Jenny Fry aveva 15 anni, ma una rara malattia l’ha portata a commettere suicidio. La ragazza era infatti allergica al Wi-Fi presente nella sua scuola, la Chipping Norton School di Oxon. Nel 2012, Jenny ha mostrato i primi segni di elettrosensibilità: soffriva di celafea, di stanchezza paralizzante e aveva problemi di vescica. La madre ha allora deciso di eliminare la connessione wireless dalla propria abitazione, ma la ragazza ha continuato a stare male.

Jenny ha anche cominciato ad avere problemi a scuola in quanto usciva spesso dalla classe per cercare un posto dove potersi sentire meglio. A causa di questo, veniva spesso mandata in punizione. La madre della ragazza ha raccontato: “Ho raccolto molte informazioni sulla scuola e le ho mostrate al preside, Simon Duffy, ma lui ha detto che aveva le stesse informazioni che dimostravano che la connessione Wi-Fi era sicura. Ho parlato anche con gli insegnanti per spiegare loro il problema di Jenny e che non aveva senso mandarla in detenzione in stanze dove avrebbe potuto star male”. A livello scolastico, però, non è stato apportato nessun cambiamento.


La polizia ha dichiarato che la mattina del suicidio Jenny ha scritto un messaggio ad un’amica dove spiegava che quel giorno non sarebbe andata a scuola. Purtroppo, la ragazza non aveva con sé il cellulare. Le forze dell’ordine sostengono comunque che non fosse possibile comprendere le intenzioni di Jenny, che è stata trovata impiccata nell’albero di fronte casa. “Non penso che volesse togliersi la vita – ha raccontato la madre – si sentiva frustrata ed esasperata e ha commesso un drammatico errore”. I genitori stanno ora portando avanti una campagna per sensibilizzare le persone sui pericoli del Wi-Fi.


Commenti :

sicuramente verrà diagnosticata una forma di psicopatia !  
il preside e la scuola si laveranno le mani visto che i limiti di esposizione non erano stati sicuramente (immagino) superati ... ma quali limiti ?    quelli per escludere gli effetti termici ?