Syndication

giovedì 22 dicembre 2016

WHO deve essere al di sopra delle parti !

Giusta iniziativa del gruppo di scienziati indipendenti Bioinitiative Working Group che si è rivolto al Direttore del WHO per chiedere una diversa composizione della nuova commissione di esperti denominata RF Environmental Health Criteria Core Group  che è praticamente una dependence del ICNIRP, le cui posizioni 'negazioniste' sono ben note.



BioInitiative Working Group Issues a "No Confidence" Letter to the WHO EMF Program Manager

The BioInitiative Working Group has advised the World Health Organization's Dr. Emilie van Deventer that the membership composition of the RF Environmental Health Criteria Core Group is unacceptable.  WHO is urged to make changes to the WHO RF EHC Core Group membership to more fairly reflect membership and expertise of the 2011 IARC RF Working Group.  At present the WHO RF EHC Core Group is indistinguishable from ICNIRP (1, 2) undermining credibility of the process and ensuring doubt about conclusions. Even if schedule delays occur as a result...



Articolo sul Manifesto del 20.12.16


martedì 6 dicembre 2016

Video su intervento di L. Hardell alla Royal Society of Medicine in London.

qui il link 

OSHA lancia grido d'allarme per i lavoratori addetti alle antenne

Il ministero federale americano per la sicurezza dei lavoratori lanciano un grido d'allarme per le morti professionali da loro riportati per gli operatori addetti alla installazione e manutenzione delle antenne dei cellulari  Preoccupazione è per i lavori programmati per la 5G.

vedere qui 

venerdì 2 dicembre 2016

Perché i governi non ci proteggono ?

Importante articolo di Magda Havas sulla qualificata rivista americana, Environmental Pollution, in cui affronta in modo logico e consequenziale perché il governo (USA, ma anche tutti gli altri) non ci protegge dalle radiofrequenze anche se la ricerca mostra la relazione con il cancro.


L'articolo (ri)propone un molto probabile meccanismo d'azione legato alla creazione di radical liberi a causa di microonde, a valori ben inferiori dei limiti oggi fissati dai governi.
C'è nutrita evidenzia scientifica che avvalora questa ipotesi che vede centrale il ruolo dei radicali liberi.

I governi purtroppo basano le loro linee guida su un ragionamento sbagliato: è acquisito che le radiazioni ionizzanti (es. raggi X) provocano la uscita dell'elettrone a livello atomico portando a modifiche della struttura cellulare, e quindi al cancro. Le radiazioni non-ionizzanti come la radiofrequenze non estraggono l'elettrone, per cui ... non sono cancerogene!
In altre parole le radiazioni ionizzanti provocano la formazione di radicali liberi direttamente, mentre le non-ionizzanti lo fanno ma indirettamente, perché intervengono riducendo o bloccando  i meccanismi di autoriparazione interni alla struttura cellulare, portando quindi ad un potenziamento dello effetto dei radicali liberi.







WHEN THEORY AND OBSERVATION COLLIDE: CAN NON-IONIZING RADIATION CAUSE CANCER?

November 29, 2016:  The Missing Link:  Why your government isn’t protecting you from mobile phones and Wi-Fi when research shows this radiation causes cancer.
The American scientific journal, Environmental Pollution, reports in its next issue that government safety guidelines for microwave radiation emitted by mobile phones, Wi-Fi, smart meters, and other common wireless devices, are fundamentally flawed and fail to protect the public from this possible carcinogen.


Highlights
This paper presents a highly probable mechanism that involves an increase in free-radicals, which–in turn–explains the increased risk of cancers documented in epidemiological studies that are associated with environmental exposure to RFR and ELF EMFs at levels well below international guidelines.
•  There is sufficient scientific evidence of cellular damage caused by non-ionizing radiation (NIR) well below thermal guidelines.
•  Applying the ionization model to NIR is inappropriate as mechanisms of biological interactions differ.
•  Free radicals can and do cause cancer and NIR can and does increase free-radicals.

Scientific evidence increasingly shows wireless radiation causes cancer and infertility and other health effects, but due to a flawed assumption in safety guidelines, governments in the United States, Canada, and the UK (and many other countries) are allowing their citizens to be overexposed to microwave radiation from wireless technology.
Why?
Because governments relied on the wrong model when declaring these devices to be safe.
Ionizing radiation such as x-rays and gamma rays are known to cause cancer by detaching the negative ion – the electron – at the heart of human cell structure.  Non-ionizing radiation, such as microwaves, do not detach electrons. Therefore when determining whether microwave-emitting devices were safe to be sold to the public, governments formulated their consumer safety guidelines with the understanding that microwave radiation does not directly or immediately discharge electrons. Despite the growing number of scientific studies documenting that microwave radiation causes cancer, governments have refused to update their guidelines.
One critical aspect of non-ionizing radiation has been overlooked.
Ionizing radiation increases free radicals in the body directly.  Non-ionizing radiation increases free radicals in the body indirectly, by interfering with repair mechanisms that neutralize free radicals.  Free radicals are carcinogenic.  Therefore by interfering with the body’s ability to repair free radical damage, microwave radiation is also carcinogenic.
Microwave radiation was used in the 1940s for military radar, and was widely adopted for civilian residential use in the 1970s to cook food. Microwave ovens (originally called radar ranges) are shielded because microwaves are known to cause heating. At that time, it was assumed that the only danger from microwave exposure was tissue heating, known as the “thermal effect”. This led to thermal guidelines for microwave radiation.
This paper shines a spotlight on the misguided genesis of government regulations that are based on the thermal effect and documents free-radical damage induced by non-ionizing radiation.
As usage of microwave–emitting devices increases and is marketed to younger consumers without caution, we can expect a societal increase of certain types of cancers including gliomas as well as infertility and other health effects associated with free-radical damage.  Indeed this is already happening.

Havas, M.  2016.  When theory and observation collide:  Can non-ionizing radiation cause cancer?  Environmental Pollution (in press).
Abstract
This paper attempts to resolve the debate about whether non-ionizing radiation (NIR) can cause cancer–a debate that has been ongoing for decades. The rationale, put forward mostly by physicists and accepted by many health agencies, is that, “since NIR does not have enough energy to dislodge electrons, it is unable to cause cancer.” This argument is based on a flawed assumption and uses the model of ionizing radiation (IR) to explain NIR, which is inappropriate. Evidence of free-radical damage has been repeatedly documented among humans, animals, plants and microorganisms for both extremely low frequency (ELF) electromagnetic fields (EMF) and for radio frequency (RF) radiation, neither of which is ionizing. While IR directly damages DNA, NIR interferes with the oxidative repair mechanisms resulting in oxidative stress, damage to cellular components including DNA, and damage to cellular processes leading to cancer. Furthermore, free-radical damage explains the increased cancer risks associated with mobile phone use, occupational exposure to NIR (ELF EMF and RFR), and residential exposure to power lines and RF transmitters including mobile phones, cell phone base stations, broadcast antennas, and radar installations.

martedì 29 novembre 2016

conferenza su elettrosmog il 15.12 a Monte Porzio Catone (RM)


 
 
 
 
Vi invito alla conferenza su “Elettrosmog: i rischi per l'Uomo e per l'ambiente”, che si terrà all'Osservatorio di Roma, Frascati, giovedì 15 dicembre 2016 ore 17.00.
Ci saranno, oltre a me, il Dott. Fiorenzo Marinelli e il Dott. Antonio Maria Pasciuto a parlare di rischi per la salute correlati a cellulari, Wi-Fi, elettrosmog in genere.
La locandina è allegata.
Cordiali saluti,
Francesca
 
Francesca Romana Orlando
Vice Presidente di AMICA
www.infoamica.it
amica@infoamica.it

venerdì 25 novembre 2016

Il Regista del nuovo film SENSIBILE a Radio24

Carissimi domani mattina,  26.11.16,  alle 9:30 intervento del nostro regista Alessandro Quadretti sul documentario "Sensibile".

E' una grande opportunità vista la diffusione del network a livello nazionale.

mercoledì 23 novembre 2016

Petizione ad Obama per pubblicizzazione di dati del governo

Vi invitiamo a firmare questa petizione che chiede al Presidente Obama di rendere pubblici i dati dello importante studio condotto dalla agenzia federale U.S. National Toxicology Program 


Sono stati pubblicati alcune sintesi ... molto tranquillizzanti ...

rinviano continuamente la pubblicazione di tutti i dati:  come mai ?

link da clickare

giovedì 17 novembre 2016

In arrivo la 5G in USA: prevista un antenna ogni 12 case !!!




5G in the US:  a cell  antenna for every 12 homes 
From David Morrison:
See letter below from:   Joel M. Moskowitz, Ph.D., Director
Center for Family and Community Health School of Public Health
University of California, Berkeley Electromagnetic Radiation Safety

Urgent Action: Please call or write your city, county &/or State politicians and OCT offices advising them to refuse revision to cell tower siting rules. Industry will be introducing 5G next year and requesting cities allow them to install A CELL ANTENNA FOR EVERY 12 HOMES. 5G frequency has many potential agendas. This is the same frequency used with airport scanners and has vast surveillance potential as well as other military applications in civilian populations. 5G is unnecessary and even the F.B.I. Warns Against It !! !! It will lead to more sickness and death while industry makes trillions and trillions of dollars. World Health Organization Dr. Anthony Miller, M.D. warns against it. !!
Fwd: Take Action: States and municipalities - Wireless radiation carcinogenic
Everyone,

Telecom has begun their PR on 5G, asking the public to contact their city council to streamline their regulations to allow swift deployment of small cell sites in their cities. Please see email at bottom from Dr. Joel Moskowitz which shows a letter written by the wireless industry appearing in the San Francisco Chronicle.
NOW is the time for action - there has never been a greater need for everyone to write letters, inform, and meet with their political representatives. If we don't inform our local governments and our neighbors about the truth regarding what is coming with 5G in the imminent future, who will? Telecom is selling the public on 5G with its speed and cool tech, but the public does not know that 5G was never tested (along with, 4G, 3G, 2G) for long-term health effects and that this would mean one tower per 12 homes.
Only through public awareness of the risks and unknowns around wireless technology and knowledge of people who have been harmed will there be change.
Please see email below from Catherine of electricalpollution.com. She gives excellent instructions on how/what to do, including letter templates.
Dr. Joel Moskowitz is asking people to write letters to the editors at San Francisco Chronicle - see his email for instructions.

Please make time to contact your elected officials and do som

Proposta di legge in Oregon, USA per eliminazione del wifi nelle scuole







Oregon: a new WiFi bill

David Morrison

This is the request form.  The bill will be written and introduced.
This is this bill and - 2 resolutions will be introduced at the same time.


Emails of support to our enlightened Rep. Alissa Keny-Guyer:

rep.alissakenyguyer@state.or.us



_____ 2016 Session (max. of 2 requests by Nov. 24, 2015)

___x__ 2017 Session
Request Date:



Legislator:
Rep. Alissa Keny-Guyer

Phone:
503-986-1446

Legislator’s Staff:
Jen Corbridge

Phone:
626-375-4300


PLEASE PROVIDE THE FOLLOWING INFORMATION FOR THIS REQUEST:
PROBLEM:
Schools in Oregon are outfitted with powerful microwave emitting wi-fi routers, laptop, ipads and “smart” boards.  These routers are capable of connecting a hundred computers at one time and radiation from the cell tower connecting to the router exposing children and school staff to high amounts of pulsed radio frequency microwave radiation.  This is not a problem when safe, cabled internet connections are used.

In 2011 The World Health Organization classified radiation from all wireless devices a Class 2B Carcinogen in the same group as auto exhaust, lead, chloroform and DDT. 

Thousands of studies, about half from all branches of the U.S. military and N.A.S.A., have accumulated over many years confirming the harmful biological effects of microwave radiation, emitted from cell towers and wireless devices. Biological effects occur and may be harmful to children and teachers whether they feel it or not. Results from a recently completed National Institute of Health, National Toxicology Program study, confirmed radiation from cell phones, the same frequency as wi-fi routers, cause brain and heart cancer.  Children are the most vulnerable population, being twice as vulnerable as adults, and the heaviest users of wireless devices.

In June, 2016, Dr. Otis Brawley, chief medical officer of the American Cancer Society said, “the results of this study represents a paradigm shift in our understanding the effects of radiation and cancer.”

Dr. Robert Block, President of the American Academy of Pediatrics, 2012 said: --
Children are not little adults and are disproportionately impacted by all environmental exposures, including cell phone radiation. In fact, according to the International Agency for the Research on Cancer, when used by children, the average RF (radiofrequency) energy deposition is two times higher in the brain and 10 times higher in the bone marrow of the skull, compared with mobile phone use by adults...it is essential that any new standard for cell phones or other wireless devices be based on protecting the youngest and most vulnerable populations to ensure they are safeguarded throughout their lifetimes.”

Wireless devices, including wireless routers, were never pre-market safety tested on adults or children. The FCC does not acknowledge studies on the biological effects of chronic exposure to non-ionizing radiation as other nations do including the Russian National Committee on Non-Ionizing Radiation Protection. (Russian exposure standards are 100x’s lower than U.S. standards). Because our government does not protect us cities and states have begun their own reviews of science as well as actions to protect their citizens.

Despite media attention, parent advocacy and scientific studies, there has been no effort by the Department of Education or School Boards to determine whether wi-fi is safe, or to inform students, parents and school staff of themanufacturers safety information that warns to keep tablets and smart phones away from the body.  Apple warns: “Read all safety information below and operating instructions before using an iPad to avoid injury.”

PROPOSED SOLUTION TO THE PROBLEM
Whenever there is a question of safety especially when children are concerned, educators and legislators are obligated, by their mission statements, to do everything within their power to provide a safe environment and to investigate science until safety can be assured.  We must review the science.

The Dept. of Education Website says: ”The Board will involve staff, parents, students, public health professionals, school administrators and the public in the development, implementation and periodic review and yearly update of this <wellness> policy.”

The Dept. of Education is obliged to assemble a team including educators, scientists, parents, legislators, medical professionals and students to review independently funded peer reviewed scientific studies on the biological and cognitive effects of chronic microwave exposure. The results of this review will be shared with the Senate and House Health Care Committees, Oregon Health Authority, Oregon Dept. of Education, Oregon School Board Association, Oregon School Superintendents Association, Oregon PTA, and other relevant agencies.

If the results of the study find that students and teachers may be at risk, the Dept. of Education will make recommendations to the School Boards and their IT Departments regarding the need for notification to partners, education for parents and students, and possible solutions, such as replacing wireless routers with cabled internet connections like many schools have done internationally and in the U.S. 

Schools should be directed to teach children about safer ways to use wireless devices, due to children’s vulnerability and high use, as they do regarding alcohol, tobacco and drugs.  Curriculum needs to be created to inform students of the dangers of microwave devices.


HAS THIS BEEN INTRODUCED IN A PRIOR SESSION?

Year
2015

Bill  #
3350



DO YOU KNOW WHETHER THIS AMENDS A CURRENT LAW OR PROGRAM?

Yes

(specify)

No
x


NOTES
Ø Completing the Problem and the Solution statements (Parts 1 & 2, above) is the best way to ensure that the draft accomplishes your objective.  Attaching mock statutory language, without explaining the Problem and the Solution, lessens the likelihood of drafting the language correctly.
Ø Persons other than the legislator, legislator’s staff or committee staff must present a written note from the legislator, legislator’s staff or committee staff authorizing this request at the time the request is presented.
Ø This request is considered confidential unless otherwise authorized by the legislator making the request.

Causa Murray vs Motorola: prosegue ...

La causa Murray contro Motorola per danni da tumore per uso del cellulare iniziata nel 2001 ha fatto un altro passo: la Corte d'appello in Washington ha deciso di utilizzare un altra metodologia di disputa su come debbono essere utilizzate dal giudice le evidenze  e testimonianze tecniche.

A questa causa si sono aggiunti altri casi simili per cui le richieste di risarcimento arrivano a 1,9 miliardi di dollari, contro Apple, AT&T, Samsung, Verizon.   Nel frattempo 8 denuncianti sono mori.

Questa è forse la 'causa madre' per le richieste di risarcimento alla industria del wireless.
Vediamo come andrà a finire.

domenica 13 novembre 2016

ICNIRP cerca soldi

Andando nel sito di questa istituzione privata nazionale (è tedesca) che di fatto impera in tutto il mondo


In questa pagina afferma che non riceve alcun contributo dalla industria per mantenere il suo carattere scientifico indipendente ... chiede di fare delle donazioni e dei versamenti.

Fa riferimento alla disponibilità pubblica di Annual report, ovvero 'bilanci' , ... ma ciò che viene proposto non è nulla di quanto promesso ( e lo dicono)!  Ad es. per il 2015 viene riportato come fatturato olre 201 K€ (mentre le uscite sono state di 150 K€ ca. ...).  Ma dove è la lista di dettaglio ?
Si può provare a chiedere ...  

Comunque viene genericamente indicato

 were supported by the German Federal Ministry for the Environment (BMUB), the European Union Directorate General Employment, Social Affairs and Inclusion (Safety at Work), the International Radiation Protection Association (IRPA),the Finish Radiation Safety Authority (STUK), the Japanese National Institute of Communication Technology, and the Turkish Ministry of Health

sono tutti Enti Pubblici Indipendenti ?   

ad es.: IRPA ?!  è una metassociazione di associazioni impegnate nella radioprotezione.
per l' Italia ?  c'è l'Associazione Italiana di Radioprotezione, AIRP.  
Questa è stata fondata nel 1958 ed è aperta a professionisti legati alla radio-protezione .
Chi fa parte del consiglio direttivo ?  vedere la pagina
funzionari di:

ARPA
ENEA
SOGIN
Protection Solutions S.r.l.
Università 

...  quindi ?!   quanto indipendenza da una visione unilaterale e  negazionista delle RF ?! 


Arrivano i contatori 'intelligenti' dell' ENEL. Ci mancavano: che fare ?

Ahimé si sapeva che stessero arrivando anche quelli della luce ...
Notate che si parla di trasferimento dati ogni 15min.  Ma come ?

Visto che si parla del megaprogetto di ENEL di cablatura con la fibra ottica ...  non è che passa attraverso la fibra ?!  non ci credo molto ...

1) dalle delibere della Agenzia è chiaro il mezzo di invio dei dati ?   Chi ci dà una mano a capire ?  oppure chi richiede info ?

2) come "oppoorsi" ?!    ad es. per il contatore del gas a casa mia,  io con una PEC alla società incaricata, con i contenuti qui riportati ( http://faq-e-smog.blogspot.it/search/label/04%20-%20contrastare%20l%27installazione )
... tutto tace !

GC

Al via il cambio dei contatori elettrici, ma niente aggravi

Dopo delibera Autorità energia che fissa i costi e detta i tempi


La grande operazione di cambio dei contatori elettrici, con l'arrivo di quelli 'intelligenti' di seconda generazione nelle case di oltre 30 milioni di famiglie e imprese italiane, può finalmente partire. Ci vorrà ancora un po' di tempo per la messa a punto dei piani da parte delle varie aziende coinvolte (Enel e municipalizzate), ma con nuova la delibera l'Autorità per l'Energia ha fissato i costi, che non dovrebbero portare ad aggravi in bolletta, e dettato i tempi, completando il quadro normativo di riferimento dopo il primo provvedimento sulle caratteristiche tecniche dei nuovi smart meter di seconda generazione varato qualche mese fa. I nuovi contatori, come quelli vecchi che ancora abbiamo tutti nelle nostre case (cambiati tra il 2001 e il 2011), dureranno 15 anni e verranno pagati dagli utenti in bolletta, ma l'Autorità ha assicurato 'tariffe di misura invariate': questo vuol dire che non ci saranno aggravi ulteriori, nel senso che si continuerà a pagare quello che si sta pagando finora, anche se si potrà contare su molti servizi in più.
Gli smart meter di seconda generazione, infatti, si configurano come dei piccoli computer in grado di svolgere molte innovative funzioni: quello presentato di recente dall'Enel assicura tra l'altro il cambio di fornitura più veloce, il superamento delle fasce orarie predefinite, la disponibilità di dati sul comportamento energetico per un maggiore risparmio. La rilevazione dei dati del cliente ogni 15 minuti, ad esempio, permetterà di avere un quadro sempre più aggiornato dei prelievi di energia giornalieri e dei comportamenti di consumo dei clienti, sempre più consapevoli e attenti a una maggiore efficienza energetica. Non ci sono obblighi di legge da rispettare in merito alla tempistica per il cambio, anche se è possibile ipotizzare il via già nel 2017: la palla, infatti, passa alle aziende, che dovranno predisporre i piani di sostituzione e sottoporli all'esame dell'Autorità.
Le norme prevedono che ogni società distributrice comunichi nel dettaglio come intende procedere, anche attraverso, per esempio, la pubblicazione del piano sul proprio sito o anche l'organizzazione di una "sessione pubblica di presentazione" per dare risposte a quesiti e osservazioni. Le operazioni di sostituzione, insomma, dovranno essere note ai concorrenti elettrici, ma anche a quelli non elettrici. Il riferimento è ovviamente alla vicenda fibra: Enel Open Fiber ha già cominciato a posare l'infrastruttura indipendentemente dal cambio dei contatori, ma è noto che l'arrivo degli smart meter potrebbe essere un'arma in più per portare la nuova rete a famiglie e imprese, a patto che tutti gli operatori godano delle stesse condizioni. La più ampia pubblicità dell'operazione contatori, quindi, nelle intenzioni dell'Autorità dovrebbe assicurare proprio questo. E comunque, è stato ribadito, vengono confermati i "già vigenti obblighi di separata rendicontazione di costi e ricavi relativi alle attività diverse dal servizio oggetto di riconoscimento tariffario e le norme di monitoraggio che consentano di trasferire ai clienti del settore elettrico eventuali benefici derivanti dalle sinergie con queste attività".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

mercoledì 9 novembre 2016

Progetto Interphone, confermata la rilevanza statisticamente significativa tra tumori e cullelari

Arriva una rianalisi del poderoso lavoro internazionale 2000-2004 con conclusioni determinanti,
 sulla rivista top della epidemiologia

Amarican Journal of Epidemiology, che sarà pubblicato ad inizi 2017.

Tutto si basa sullo uso delle conclusioni dello studio delle parole usate nelle prime formulazioni delle conclusioni (che furono 'sparate' dalle società di telefonia, TV, ISS come negazioniste di danni per l'uso del telefono cellulare) ... ma si conferma un più alto rischio nel associazione tra lunghezza delle telefonate, frequenza delle telefonate e tempo cumulato al telefono.

Se poi, aggiungo io,   è stato considerato ALTO USO il valore di 1640 ore in 10 anni (che vuol dire 27 min  al giorno) capiamo che molti degli utenti rientrano in questa casistica.




The Interphone study included 13 countries during the study period 2000 – 2004. The major results were published after a delay of 6 years in 2010. In a new publication 12 years after the study period, the intracranial distribution of glioma in relation to radiofrequency (RF) radiation from mobile phones was analyzed. Tumour localization for 792 regular mobile phone users was analyzed in relation to distance from preferred ear for mobile phone use……. The first part although correct is misleading. The correct statement would be that the risk was highest for glioma closer to the ear as would be expected based on the exposure to RF radiation. The last sentence should have indicated that although not statistically significant, the risk was highest in the group with longest duration of phone use, highest cumulative phone use and number of calls. This is a pattern one would expect if there is an association between mobile phone use and glioma…….A similar tendency to not correctly downplaying the association is found in the abstract: ‘The association was independent of the cumulative call time and cumulative number of calls.’ Since many persons read only the abstract, as also presented in PubMed, correct presentation of the results including αs and 95 % CIs would have been more relevant. …… The correct interpretation of this study is simply that it confirms an increased risk for glioma associated with mobile phone use. 

sabato 29 ottobre 2016

Nuova raccomandazione della Associazione Pediatri Americani a ridurre la esposizione ai telefoni cellulari


A seguito dei risultati (anche in parte contestati nelle conclusioni che si sono voluto trarre)  della prima pubblicazione di un importante studio svolto nell'ambito  del US National Toxicology Program
la più importante aggregazione dei pediatri americani manda (lteriori) segnali di allarme e modifica le istruzioni di sicurezza e di precauzione che i genitori debbono adottare per l'utilizzo del cellulare da parte dei loro bambini.


American Academy Of Pediatrics Issues New Recommendations To “Reduce Exposure To Cell Phones”


Nation’s largest group of children’s doctors responds to new government study linking cell phone radiation to cancer
In response to the U.S. National Toxicology Program study results finding exposure to wireless radiation significantly increased the prevalence of highly malignant heart and brain cancers in rodents, the American Academy of Pediatrics (AAP) has issued specific recommendations to reduce wireless cell phone exposure and updated their online resources for parents concerning cell phones and wireless devices.
“They’re not toys. They have radiation that is emitted from them and the more we can keep it off the body and use (the phone) in other ways, it will be safer,” said  Jennifer A. Lowry, M.D., FAACT, FAAP, chair of the AAP Council on Environmental Health Executive Committee in the AAPs press release on the NTP Study Results.
“The findings of brain tumors (gliomas) and malignant schwann cell tumors of the heart in the NTP study, as well as DNA damage in brain cells, present a major public health concern because these occurred in the same types of cells that have been reported to develop into tumors in epidemiological studies of adult cell phone users,” stated Ronald L. Melnick, PhD, the National Institutes of Health toxicologist who lead the NTP study design and senior advisor to the Environmental Health Trust. “For children the cancer risks may be greater than that for adults because of greater penetration and absorption of cell phone radiation in the brains of children and because the developing nervous system of children is more susceptible to tissue-damaging agents. Based on this new information, regulatory agencies need to make strong recommendations for consumers to take precautionary measures and avoid close contact with their cell phones, and especially limit or avoid use of cell phones by children.”
The AAP has updated their Healthy Children Webpage on Cell Phones entitled Cell Phone Radiation & Children’s Health: What Parents Need to Know. The webpage reiterated children’s unique vulnerability to cell phone radiation stating, “Another problem is that the cell phone radiation test used by the FCC is based on the devices’ possible effect on large adults—not children. Children’s skulls are thinner and can absorb more radiation.”

  The AAP issued the following cell phone safety tips specifically to reduce exposure to wireless radiation:
Cell phone safety tips for families:
  • Use text messaging when possible, and use cell phones in speaker mode or with the use of hands-free kits.
  • When talking on the cell phone, try holding it an inch or more away from your head.
  • Make only short or essential calls on cell phones.
  • Avoid carrying your phone against the body like in a pocket, sock, or bra. Cell phone manufacturers can’t guarantee that the amount of radiation you’re absorbing will be at a safe level.
  • Do not talk on the phone or text while driving. This increases the risk of automobile crashes.
  • Exercise caution when using a phone or texting while walking or performing other activities. “Distracted walking” injuries are also on the rise.
  • If you plan to watch a movie on your device, download it first, then switch to airplane mode while you watch in order to avoid unnecessary radiation exposure.
  • Keep an eye on your signal strength (i.e. how many bars you have). The weaker your cell signal, the harder your phone has to work and the more radiation it gives off. It’s better to wait until you have a stronger signal before using your device.
  • Avoid making calls in cars, elevators, trains, and buses. The cell phone works harder to get a signal through metal, so the power level increases.
  • Remember that cell phones are not toys or teething items.
In 2012, the AAP published Pediatric Environmental Health, 3rd Edition recommending, “exposures can be reduced by encouraging children to use text messaging when possible, make only short and essential calls on cellular phones, use hands free kits and wired headsets and maintain the cellular phone an inch or more away from the head.”
Since 2012, the AAP has supported the Federal Cell Phone Right to Know Legislation and has written to the FCC calling on the federal government to review and strengthen radiation standards for wireless devices in an effort to protect children’s health.
American Academy of Pediatrics Documents on Cell Phones
Recent News Reports on Children and Cell Phones

si aumenta il valore di attenzione ai cem anche cambiando il sistema di misurazione

riceviamo da Livio Giuliani, ex Dirigente di Ricerca ISPESL, portavoce della Commissione Internazionale per la Sicurezza dei Campi Elettromagnetici la notizia dell’approvazione di un decreto che di fatto innalza i limiti di legge.
Purtroppo con il governo Monti prima, che ha portato le misurazioni ad una media di 24 ore, invece che di 6 minuti, e ora con questo decreto, di fatto sono stati innalzati i limiti di legge per le esposizioni elettromagnetiche.
Alzano i valori limite e di attenzione dei campi elettromagnetici nell'ambiente
Lo fanno, come al solito, senza modificare i valori limite o di attenzione disposti dal Regolamento recante i tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana - DM 381/1998 in attuazione dell'art. 1 comma 6 lett.a) n. 15 della legge 249/1997-  e confermati dal decreto ambientale DPCM 8/7/2003, ma dando disposizioni (per legge!) su come si fanno le misure.
In sostanza dispongono che bisogna tener conto dei muri di un edificio, e che nelle misure occorre dividere per due (3 dB) o per quattro, a seconda del muro, il valore di densità di potenza misurata al fine di confrontarla con il valore di attenzione posto dai regolamenti. In realtà si tratta di un decreto di attuazione della modifica di Monti contenuta nell'art. 14 del d.l. 179/2012.
Quella è una norma incostituzionale. Ad essa il caro Senatore Vincenzo Vita si oppose proponendo un emendamento che venne cassato, prima del voto, dal suo capogruppo (PD) in Commissione (se ho ben capito come sono andate le cose).
L'aumento di fatto del valore di attenzione di 6 V/m, pur calcolato come media su 24 ore, è il risultato di un decreto del Ministero dell'Ambiente, proposto da Galletti e approvato nel CdM del 7/9/2016.
Potete leggere un approfondimento sul sito di CEMLAB Sicilia.
Cordiali saluti

  

martedì 11 ottobre 2016

Interpellanze parlamentari alla Camera su emissione di radiofrequenze e risposta del Governo

Iniziative finalizzate a fronteggiare l'inquinamento elettromagnetico e a limitarne gli effetti nocivi, con particolare riguardo all'esposizione nelle scuole e negli ospedali – nn. 2-009723-02189 e 3-02190)
  PRESIDENTE. Passiamo all'interpellanza Melilla n. 2-00972 e alle interrogazioni Incerti n. 3-02189 e Dieni n. 3-02190, concernenti iniziative finalizzate a fronteggiare l'inquinamento elettromagnetico e a limitarne gli effetti nocivi, con particolare riguardo all'esposizione nelle scuole e negli ospedali, che, vertendo sullo stesso argomento, saranno svolte congiuntamente(Vedi l'allegato A – Interpellanze e interrogazioni).
  Chiedo all'onorevole Melilla se intenda illustrare la sua interpellanza o se si riservi di intervenire in sede di replica.
  

GIANNI MELILLA. Grazie, Presidente. 
Da alcuni anni si parla molto nella comunità scientifica internazionale dei danni derivanti dall'inquinamento elettromagnetico. È un problema enorme, sorto con lo svilupparsi delle apparecchiature elettroniche, wifi, computer, tablet, telefonia mobile: questo abnorme e veloce sviluppo elettronico ha portato all'osservazione, alla conoscenza e alla presa d'atto del fatto che detto sviluppo tecnologico è tutt'altro che innocuo e inoffensivo per il genere umano. Studi e ricerche – naturalmente da approfondire perché i pareri sono diversi e contrastanti anche nella comunità scientifica – lamentano comunque gravi danni per la salute umana, soprattutto per i bambini, gli adolescenti e le donne in stato di gravidanza, danni che hanno rilevanza importante, come l'esponenziale aumento dei tumori, dei danni alle cellule celebrali, l'abbassamento del tasso di fertilità, un aumento notevole delle proteine da stress, danni all'apparato visivo, sfaldamento delle cellule dell'occhio, diminuzione del sonno, eccitabilità e afasia derivante dall'eccessivo uso del computer o dei tablet.
   Con ogni evidenza, questi sono danni importanti, dovuti non solo alle alte frequenze con lo sviluppo del calore anche corporeo, ma portati anche dalle basse frequenze, che si scopre essere anch'esse tutt'altro che innocue.
  La comunità scientifica è preoccupata e ha recentemente lanciato un appello-petizione, a cui ho fatto riferimento con questa mia interpellanza, il 25 febbraio 2015, che è la data di questo appello-petizione, per correre ai ripari.
  L'evidenza della difficoltà che il problema rappresenta è evidenziata dal fatto che la nostra società è ormai a tutti i livelli fortemente improntata dall'uso di supporti elettronici senza fili, come quelli, appunto, di cui stiamo parlando.
  La nostra legislazione, sebbene allarmata da tempo, risulta insufficiente a contrastare e a prevenire la salvaguardia della salute delle persone. La disinformazione è un pericolo importante di cui dobbiamo tener conto.
  L'uso indiscriminato delle tecnologie senza fili, utilizzate anche nelle scuole, asili nido, scuole materne, scuole elementari e ospedali, è un dato di forte preoccupazione, essendo questi luoghi a forte rischio e con minore salvaguardia proprio perché legati alla minore possibilità di difesa del corpo stesso, sia per l'età dei soggetti sia per i disagi fisici delle persone malate negli ospedali.
  Con la mia interpellanza ho chiesto al Ministero dell'ambiente se non ritenga opportuno aumentare il livello di guardia, sensibilizzando la popolazione sugli evidenti danni provocati da queste apparecchiature eccessivamente usate per molte ore al giorno, ponendo, per esempio, un limite di età all'uso delle apparecchiature – computer e cellulari – e vietando l'uso degli stessi negli ambienti più a rischio.
  Ho chiesto anche al Ministero di assumere iniziative per vietare l'uso di taliPag. 9apparecchiature nelle scuole e negli ospedali, privilegiando l'uso di quelle a collegamento via cavo.
  Inoltre, ho chiesto di assumere iniziative per abrogare l'articolo 14, comma 8, del decreto-legge n. 179 del 2012, per riportare quindi la misurazione dei campi elettromagnetici a sei ore e non ventiquattro ore come la suddetta legge prevede, accogliendo in toto l'appello per la difesa della salute dalle radiazioni a radiofrequenza e microonde di cui ho parlato, petizione lanciata dalla comunità scientifica il 26 febbraio 2015.
  PRESIDENTE. La sottosegretaria di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare, Silvia Velo, ha facoltà di rispondere.
  

SILVIA VELOSottosegretaria di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare. Presidente, preliminarmente si fa presente che la legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, la n. 36 del 2001, prevede già misure di tutela della salute della popolazione e dell'ambiente e la promozione dell'innovazione tecnologica e delle azioni di risanamento volte a minimizzare l'intensità e gli effetti dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici secondo le migliori tecnologie disponibili.
  Al riguardo lo Stato, nell'ambito dell'esercizio delle funzioni relative alla determinazione dei limiti di esposizione dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità, ha provveduto ad adottare, a fini cautelativi, due provvedimenti attuativi, con l'emanazione di due DPCM, dell'8 luglio 2003, che fissano i limiti di esposizione, i valori di attenzione e gli obiettivi di qualità per la prevenzione della popolazione all'esposizione ai campi elettromagnetici generati, rispettivamente, da sorgenti con frequenza compresa fra 100 kilohertz e 300 gigahertz e di rete 50 hertz, ai sensi e nel rispetto dell'articolo 32 della Costituzione nonché del principio di precauzione previsto dal Trattato istitutivo dell'Unione europea. Infatti, in Italia i valori limite di qualità risultano dieci volte inferiori rispetto alle indicazioni della Comunità europea.
  L'installazione di infrastrutture per impianti radioelettrici e la modifica delle caratteristiche di emissione di questi ultimi viene autorizzata dagli
enti locali, previo accertamento, da parte dell'organismo competente ad effettuare i controlli, di cui all'articolo 14 della legge n. 36 del 2001, della compatibilità del progetto con i limiti di esposizione, i valori di attenzione e gli obiettivi di qualità stabiliti uniformemente a livello nazionale in relazione a quanto previsto dalla predetta legge quadro e ai relativi provvedimenti attuativi. 
  La competenza del controllo e della vigilanza sanitaria ed ambientale è attribuita alle amministrazioni provinciali e comunali, che si avvalgono delle agenzie regionali per la protezione dell'ambiente. 
  Per quanto riguarda, nello specifico, la previsione di cui all'articolo 14, comma 8, del cosiddetto «decreto crescita 2.0», il decreto-legge n. 179 del 2012, che ha introdotto alcune disposizioni integrative in materia di limiti di emissione elettromagnetica stabiliti dal DPCM dell'8 luglio 2003, si ritiene opportuno precisare quanto segue. La problematica riguardante il nuovo sistema di quarta generazione di telefonia mobile, 4G LTE, è stata seguita dal Ministero dell'ambiente con notevole impegno attraverso la partecipazione a un tavolo tecnico istituito dal Ministero dello sviluppo economico a cui hanno partecipato anche i rappresentanti dell'ISPRA, dell'Istituto superiore di sanità, della Fondazione «Bordoni» e degli operatori dei sistemi di telefonia mobile, nell'ambito del quale l'ISPRA, con la Fondazione «Bordoni» e alcune ARPA, ha prodotto un documento tecnico in cui veniva fornita un'analisi sulla fattibilità di estendere l'intervallo temporale di calcolo dei valori medi dei livelli di campo elettromagnetico. 
  Ad ogni modo, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, IARC, ha allocato i campi elettromagnetici in radiofrequenza nella categoria 2B (agente possibilmente cancerogeno per l'uomo) del proprioPag. 10schema di classificazione. L'allocazione nella categoria 2B è la più debole tra le tre con le quali l'Agenzia di Lione definisce un agente come cancerogeno (le prime due sono: 1, «cancerogeno certo per l'uomo»; 2A, «probabile cancerogeno per l'uomo»). 
  La ricerca epidemiologica sull'uomo ha principalmente considerato il rischio di tumori in relazione all'uso del telefono cellulare tra gli adulti. Gli utenti del telefono cellulare rappresentano, infatti, la categoria maggiormente esposta a causa delle peculiari caratteristiche di esposizione e, cioè, la stretta prossimità alla testa, che implica livelli di deposizione di energia elettromagnetica molto più elevati rispetto a quelli in gioco nell'esposizione da impianti fissi, quali le antenne dei sistemi di telefonia mobile e radiotelevisivi. I punti di accesso fissi dei sistemi wi-fi sono peraltro caratterizzati da emissioni elettromagnetiche molto basse, circa dieci volte inferiori a un comune telefono cellulare. 
  Il «progetto interphone», il più vasto studio epidemiologico finora realizzato sull'occorrenza di tumori intracranici in relazione all'uso di telefoni mobili, è stato coordinato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, afferente all'OMS, e realizzato contemporaneamente in 13 Paesi del mondo, inclusa l'Italia. Questo studio non ha evidenziato alcun aumento del rischio di glioma, meningioma o neurinoma del nervo acustico (diversi tipi di tumori intracranici) negli utilizzatori di telefoni cellulari rispetto ai non utilizzatori, né incrementi del rischio all'aumentare degli anni trascorsi dall'inizio dell'uso (fino a 10-13 anni), del numero totale di chiamate effettuate o delle ore totali d'uso. 
  Si fa presente, inoltre, che ISPRA, ARPA e APPA (agenzie regionali e provinciali per la protezione dell'ambiente) provvedono, in attuazione del predetto decreto, all'elaborazione di linee guida che sono approvate con uno o più decreti del MATTM, sentite le competenti Commissioni parlamentari. Tali linee guida potranno essere soggette ad aggiornamento con periodicità semestrale su indicazione del Ministero dell'ambiente, che provvederà alla relativa approvazione. 
  In data 2 dicembre 2014, il Ministero dell'ambiente ha emanato il decreto relativo alla definizione delle modalità di fornitura, da parte degli operatori, dei dati di potenza degli impianti, all'ISPRA e alle ARPA/APPA, così come dei fattori di riduzione della potenza massima al connettore d'antenna che tengano conto della variabilità temporale dell'emissione degli impianti nell'arco delle 24 ore. La conoscenza di detti dati consente un maggior controllo da parte delle autorità competenti relativamente a situazioni critiche, che altrimenti potrebbero sfuggire al controllo effettuato sul territorio. 
  Per quanto riguarda gli altri due aspetti oggetto delle linee guida, che riguardano, in particolare, i valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture degli edifici nonché le pertinenze esterne con dimensioni abitabili, quali balconi, terrazze e cortili, solo nel caso di utilizzazione per permanenze non inferiori a quattro ore consecutive giornaliere si fa presente che, per le stesse, sono in stato avanzato le istruttorie finalizzate alla stesura dei relativi decreti. 
  La maggior parte dei progetti di ricerca finanziati dall'Unione europea ha riguardato esposizioni nelle bande di frequenza utilizzate per la telefonia mobile, in sistemi sperimentali di valutazione della cancerogenesi, cocancerogenesi, genotossicità, effettuate nel sistema uditivo delle tecnologie GSM o UMTS, ed effetti sul sistema nervoso. I risultati di tale programma, nel loro complesso, non depongono in favore dell'ipotesi di rischi sanitari per esposizioni a livelli non termici, come quelli in gioco nell'uso del telefono e, in misura ancora inferiore, nell'esposizione da soggetti ambientali. Le politiche di protezione raccomandate a livello internazionale (OMS e UE in particolare) non contemplano l'adozione di misure di cautela e protezione da eventuali effetti a lungo termine. 
  Si fa presente, inoltre, che il Ministero della salute, riconoscendo l'importanza diPag. 11una corretta informazione e comunicazione nel settore della tutela dagli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici e nei limiti delle risorse disponibili, ha finanziato, presso il Centro nazionale di controllo delle malattie, il progetto triennale «Salute e campi elettromagnetici (CAMELET)», sviluppato dall'Istituto superiore di sanità. 
  Si segnala, da ultimo, che le politiche del Governo in materia di comunicazione vanno nella direzione del più ampio sviluppo tecnologico. Difatti, come annunciato dal Presidente del Consiglio, sono in uno stato avanzato i progetti innovativi della banda larga, che consentiranno al Paese di assumere, anche in tal senso, un ruolo leader in Europa, permettendo al contempo anche il ricorso a tecnologie con una migliore compatibilità ambientale. 
  Ad ogni modo, per quanto di competenza, si assicura agli onorevoli interroganti e interpellanti che il Ministero dell'ambiente continuerà a svolgere attività di monitoraggio su tali temi e si renderà comunque disponibile a fornire eventuali ulteriori informazioni.
  PRESIDENTE. L'onorevole Melilla ha facoltà di dichiarare se sia soddisfatto per la risposta alla sua interpellanza.
  GIANNI MELILLA. Signor Presidente, non posso ritenermi soddisfatto, perché da parte del Governo si continua ancora ad ignorare la delicatezza delle questioni che sono sollevate dalla comunità scientifica internazionale. Ritengo che bisogna aggiornare la nostra normativa e adottare, come diceva anche il sottosegretario, il principio di precauzione scientifica veramente, non a parole.
  Purtroppo abbiamo a che fare con interessi economici potenti, forse i più potenti che attualmente dominano la nostra economia. Sono interessi economici di grandi compagnie, che non si fermano dinanzi a niente, figuriamoci dinanzi alla salute delle persone. C’è una preoccupazione generale nel Paese, di cui noi dobbiamo farci carico. Penso che non esista una città in cui non siano sorti, negli ultimi anni, i comitati per impedire l'installazione di impianti, per denunciare una realtà sistematica di aumento del 300, 400, 500 per cento delle persone colpite da tumori. Purtroppo il profitto orienta le scelte a tutti i livelli e in questo campo noi ce ne rendiamo conto in maniera molto più evidente.
  Per questo noi riteniamo che sia necessario, invece, riaffermare una cultura della salute ispirata dal valore della prevenzione e del controllo di ogni forma di inquinamento, con l'obiettivo di salvaguardare la salute delle persone. Noi vorremmo, quindi, che fossero investite anche più risorse per quanto riguarda la ricerca in questo campo. Al di là delle cose che già si fanno, noi riteniamo che investire in questo campo per dare ai cittadini certezze sia un compito importante e fondamentale.
  PRESIDENTE. L'onorevole Incerti ha facoltà di dichiarare se sia soddisfatta per la risposta alla sua interrogazione.
  ANTONELLA INCERTI. Grazie, signor Presidente. Ringrazio anche il Governo e la sottosegretario Velo per la risposta. La mia interrogazione, in particolare, verteva sul tema del wi-fi nelle scuole. È un tema che, come anche è già stato ricordato, più in generale ha sollevato naturalmente molti favori, ma non sono mancate critiche, anche sollecitate da alcuni allarmi lanciati dalla comunità scientifica internazionale.
  Non sono mancati i detrattori della tecnologia di comunicazione senza fili, che contestano la pericolosità per la salute, in particolare degli alunni più piccoli, i quali verrebbero irradiati durante la loro permanenza, più o meno lunga, negli istituti scolastici, venendo, quindi, a mancare quel principio di precauzione a cui si faceva riferimento.
  Devo dire che da parte degli ultimi Governi, in particolare già a partire dal 2011 con il progetto Scuola wi-fi, e in particolare da parte di questo Governo, come veniva richiamato, sono state messe in campo considerevoli risorse pubblichePag. 12per promuovere in tutti gli istituti scolastici la diffusione del servizio wi-fi, con l'obiettivo di colmare il cosiddetto digital divide. Questo naturalmente consente maggiori opportunità, ma è anche vero che bisogna – non è stato ricordato – richiamarsi al fatto che già proprio nel 2011 la Comunità europea si è espressa in questo modo, raccomandando, in particolare rivolgendosi all'utilizzo del wi-fi nelle scuole, di prevedere, a cura dei Ministeri competenti (ambiente e istruzione, in particolare), attenzione ai bambini, soprattutto i più piccoli, con riferimento alle scuole primarie, e alle tante preoccupazioni che sono sorte presso i genitori o comunque presso le comunità scolastiche. Occorre, quindi, che si dia la precedenza eventualmente a altri tipi di connessione – lo richiama la risoluzione della Comunità europea –, come le connessioni cablate, regolando strettamente l'uso dei cellulari nelle scuole.
  Ora, naturalmente, accolgo favorevolmente l'attenzione del Governo non solo a garantire, attraverso le leggi vigenti, un controllo e un monitoraggio, ma naturalmente ritengo che sia importante, come è proprio nel senso della mia interrogazione, continuare nell'opera di monitoraggio, la quale deve essere generale, non solo quella degli istituti, che singolarmente stanno compiendo queste indagini insieme alle agenzie per la protezione del territorio. Credo che questo non dovrebbe essere lasciato né alla richiesta degli enti locali, naturalmente sollecitati, né agli istituti scolastici, ma dovrebbe essere un'operazione di monitoraggio nazionale. In particolare, chiedo di prestare particolare attenzione a tutto ciò e chiedo eventualmente, come già in precedenza alcuni miei colleghi hanno chiesto, l'abrogazione dell'articolo 14 della legge n. 179 del 2012, che prevederebbe un aumento – vado a concludere, Presidente – del calcolo della media giornaliera. Attualmente noi calcoliamo sulle sei ore il valore per metro dei volt e in questo caso andremmo, invece, a un calcolo di un'esposizione sulle 24 ore, quindi non tenendo conto dell'utilizzo effettivamente limitato che oggi si fa sulle dodici ore.
  Chiedo anche che si possa continuare nella ricerca, in modo da avviare l'utilizzo di diverse modalità, oltre al wi-fi, che potrebbero garantire una maggiore attenzione al principio di precauzione, che deve essere comunque, ripeto, soprattutto nel caso dei più piccoli, uno degli elementi fondamentali a cui fare riferimento.
  PRESIDENTE. L'onorevole Dieni ha facoltà di dichiarare se sia soddisfatta per la risposta alla sua interrogazione.
  FEDERICA DIENI. Grazie, Presidente. Colleghi, membro del Governo, l'interrogazione, a cui è stata data una risposta così tecnica e altrettanto vuota, rientra a pieno titolo nel grande dibattito che sta dominando in questi giorni il Paese. Si inserisce nel grande filone che coinvolge le trivellazioni, lo smaltimento illegale di rifiuti tossici, Tempa Rossa e tante altre tematiche su cui il MoVimento 5 Stelle si è contrapposto con coraggio e determinazione alla maggioranza parlamentare. Si tratta di un grande scontro che viviamo oggi e che il Presidente del Consiglio ha sintetizzato nel suo intervento a seguito del mancato raggiungimento del quorum in occasione del referendum di due giorni fa. La linea di demarcazione è tra coloro che credono che il progresso sia buono a prescindere e coloro che, invece, ritengono che un futuro sostenibile si debba raggiungere senza sacrificare la salute e l'ambiente.
  Ciò che differenzia le due parti in causa non è, come suggerisce Renzi, la contrapposizione tra una mentalità ancorata ai «no» e alla nostalgia di un passato campestre, da una parte, e una mentalità progressista, che guarda al «sol dell'avvenire», dall'altra. C’è, semplicemente, una diversa idea dei valori in gioco: noi siamo convinti non solo che l'ambiente e la salute vadano messi al primo posto, ma che la loro tutela serva a creare più posti di lavoro, senza rinunciare alla modernità.
  Eccoci qui, allora, a parlare di onde elettromagnetiche. Anzitutto, complimentiPag. 13per il tempismo: si trattava di un'interrogazione presentata quasi due anni fa.
  L'argomento, tuttavia, è ancora attuale. Sono partita da un caso calabrese, quello di una zona del territorio di Reggio Calabria, chiamata Ravagnese-Saracinello, mostrando il paradosso di misurazione dei campi elettromagnetici con dei risultati di molto superiori ai limiti europei, anche di dieci volte, che rientravano, però, negli standard italiani. Il messaggio è chiaro: anche sull'inquinamento elettromagnetico il Governo utilizza lo stesso approccio che ha mostrato per Tempa Rossa. Di fronte a temi come la salute e l'inquinamento si gira dall'altra parte, ritenendoli degli insostenibili impicci, che non possono ostacolare la marcia della locomotiva del Governo; una locomotiva che brucia tutto ciò che trova.
  Ebbene, la questione è semplice: nonostante quel che ha detto il sottosegretario Velo, quello dei campi elettromagnetici è un problema che continua a gravare sulla nostra penisola e che parte da un semplice paradosso. Quella che in Europa è ritenuta essere la soglia di sicurezza per non provocare al corpo umano dei danni, in Italia, Paese baciato dalla grazia divina, non vale. Al cittadino italiano quel che fa male agli europei gli fa un baffo; temprato dai fiumi della Terra dei fuochi, dai rifiuti del territorio dispersi nel mare o da quelli tossici sepolti dalla ’ndrangheta nell'entroterra calabrese, l'italiano ha sviluppato una resistenza tale da vincere l'inquinamento elettromagnetico, e per questo i limiti dell'esposizione sono stati portati a dieci volte quelli che sono in vigore nel continente. Un miracolo della razza italica !
  Il Governo Renzi si è schierato, in linea con i predecessori, nel classificare come i «soliti gufi» coloro che ritengono che un'esposizione troppo elevata di onde elettromagnetiche sia nociva per l'uomo. Purtroppo, i «gufi» sono in rapida espansione, persino a livello internazionale. Dalla Svezia, infatti, arrivano i dati della più importante ricerca mai condotta sui pericoli dei cellulari, condotta dal dottor Hardell, celebre oncologo epidemiologo. Hardell ora chiede all'Organizzazione mondiale della sanità di classificare tra le cause più probabili per il rischio tumori le connessioni wireless e telefoniche. La stessa pericolosità dell'arsenico, del nichel e della formaldeide.
  Il Governo, manco a dirlo, va nella direzione opposta. Affidandosi allo stesso principio di precauzione che per anni ha portato a dire che non c'erano prove che il fumo facesse male alla salute, pur riconoscendo che l'inquinamento elettromagnetico fa male e fa venire il cancro, aggiunge subito dopo che il veleno dipende dalla dose, e sui limiti consentiti gioca allegramente, adagiandosi sulle richieste della lobby dei telefonini, che propone, addirittura, un ulteriore innalzamento della soglia italiana, già dieci volte più alta di quella europea. Renzi, ovviamente, si adegua.
  Lo schema è quello classico: anche in questo caso, c'entrano, ovviamente, le lobby; anche in questo caso, uno dei sistemi per sfasciare tutto è stato lo «sblocca Italia», la vera arma «fine di mondo» che ci ha riempito di antenne super potenziate. Certo, ora sul cellulare si naviga velocissimi, ed è una vera fortuna, visto che con la rete 4G, per la quale versiamo l'obolo mensile alle compagnie telefoniche, ci dimentichiamo della banda larga e delle alte promesse del Premier Pinocchio. Nel frattempo, a viaggiare più veloce dei video su WhatsApp, vi è solo il tumore.