Syndication

sabato 30 gennaio 2016

Tribunale USA dà ragione al Comune di Berkeley di imporre istruzioni di pericolo uso del cellulare


In sintesi il Giudice sentenzia che mettendo il cellulare a contatto con il corpo ad es nei pantaloni o nel reggiseno , ed in connessione wireless, esso emetterà radiazioni che molto probabilmente supereranno  i valori limiti previsti dai regolamenti



Today U.S. District Court Judge Chen ruled against CTIA .  CTIA’S MOTION TO STAY PENDING APPEAL IS DENIED allowing the City of Berkeley to distribute the following Cell Phone Ordinance information to all Berkeley cell phone buyers at the point of sale in Berkeley:
 
"To assure safety, the Federal Government requires that cell phones meet radio frequency (RF) exposure guidelines. If you carry or use your phone in a pants or shirt pocket or tucked into a bra when the phone is ON and connected to a wireless network, you may exceed the federal guidelines for exposure to RF radiation. Refer to the instructions in your phone or user manual for information about how to use your phone safely."

martedì 26 gennaio 2016

I sabati della salute

incontri informativi organizzati dalla associazione Mimosa e del DH Oncologico di Borgomanero


qui la
locandina

venerdì 22 gennaio 2016

Sostegno al sindaco di Borgofranco che ha introdotto criteri più stringenti di precauzione nel suo comune

Vi trasmetto copia del comunicato stampa che Adriana Palleni dei Comitati Cittadini Indipendenti di Bologna ha inviato a sostegno del Sindaco di Borgofranco .

domenica 17 gennaio 2016

Ritornano le lampade ad incandesenza ?!

Vi segnalo un articolo  sul giornale inglese The Telegraph che riporta studi avanzati presso l'americano MIT con cui i ricercatori  stanno dimostrando come le lampade ad incandescenza con un nuovo cristallo permetteno di recuperare l'energia dispersa in calore in energia riutilizzabile.
quindi rendendo molto efficiente questa tipologia di lampada che sappiamo è stata bandita in tutto il mondo per ridurre i consumi domestici di energia elettrica...  ma aumentando l'inquinamento da elettrosmog, ahimè !

elettrosensibilità in Svizzera

Riporto la traduzione in inglese di un articolo il cui link è riportato in fondo, in francese. Fa il punto sulla EHS in Svizzera.

Punto nodale è il non riconoscimento da parte della classe medica della malattia per cui l'ente pubblico (cantonale) che gestisce la Assicurazione per le Disabilità  a sua volta non la riconosce.

Si parla del protocollo Austriaco come proposta metodologia di certificazione, come della importanza della disintossicazione nei confronti dei metalli pesanti . Viene indicato anche un centro medico per la disintossicazione.





11 January 2016

Electrohypersensitivity in Switzerland

Everyday life for electrohypersensitive persons is a real
ordeal in our hyperconnected society.  Cédric Sandoz
Waves, this treacherous enemy
by Gregory Balmat, lacote.ch, 30 September 2015 (translation from French by the Editor of "Towards Better Health")

Inquiry:  Electrohypersensitivity can make life nearly impossible.  The phenomenon is given far too little recognition in Switzerland.

Migraine headaches, skin burns, joint pains, sharp stinging sensations, this is just a small sample of the physical suffering experienced daily by electrohypersensitive persons when they are exposed to electromagnetic fields or electrosmog.

Ills that are sufficiently painful to completely upset living.  The status of this disorder remains unclear in many countries, including Switzerland.

In August, in France, the disability of a woman was recognized by the Incapacity Dispute Court of Toulouse because of her electrohypersensitivity (EHS).  In evaluating her functional disability at 85%, the French court allowed her to receive an allowance as a handicapped adult, a first in the Hexagone which could set a judicial precedent and also radically transform the status of French electrohypersensitive persons.



From cause to symptom

In Switzerland, for the time being the recommendations of WHO are being followed, which recognize the symtpoms of affected persons but do not confirm the causal link between their ills and non-ionizing radiation.  "These persons are suffering, it's undeniable.  But at present, there is no scientific evidence of a causal relationship between exposure to electromagnetic fields and the symptoms of persons suffering from electrohypersensitivity", explains Dr. Isabelle Rossi, deputy cantonal physician for canton Vaud.

A lack of causality which risks to cause a problem if an electrohypersensitive person knocks on the door of the Disability Insurance (Assurance invalidité - AI) in Switzerland.  "In order for us to be able to consider this, we need to have a medical certificate which links the professional environment of the applicant and the suffering he is experiencing.  Since in Switzerland, this link is not recognized by the medical profession, there is little chance that the case would be solid and thus accepted," explains Dominique Dorthe, spokesperson for the Disability Insurance Office for canton Vaud.  He adds that although his office has never handled cases of electrohypersensitivity, it does not mean that affected persons have not requested its services for related disorders like depression.

Physicians' lack of awareness

This lack of recognition directly affects the detection of electrohypersensitivity.  "Diagnosis is basically complicated," explains Anton Fernhout of the Association romande alerte (ARA), which fights for more restrictive norms concerning electrosmog.  "The symptoms are non-specific and can be related to many illnesses.  In Switzerland, the medical profession is little aware of environmental medicine.  Practitioners who make the link are rare."  Some countries are nevertheless ahead regarding consideration of electrohypersensitivity.  In particular, Sweden treats the issue very seriously especially when it is linked to the professional activity of the affected person.  "Austrian physicians have developed a protocol for the diagnosis of electrohypersensitivity but few Swiss practitioners are aware of its existence and even fewer use it.  It is particularly true in the case of French-speaking Switzerland," regrets the vice-president of ARA, an environmental engineer by training.

Ways exist, however, to alleviate the suffering of electrohypersensitive persons.  An intoxication by heavy metals [see text below] could be the cause in certain cases.  But according to Anton Fernhout, it is necessary to try to provide places that are less exposed to non-ionizing radiation, such as the apartment building in Zurich which is exclusively for environmentally intoxicated persons.  It must be noted that there exists practically no white zone in Switzerland.

Right now, it is not a question of revising the norms in place for emission levels of relay antennas or mobile phones.  The cantonal department of the environment which is dealing with the issue explains that technological surveillance is in place and they are looking at studies on the subject.  There is a plethora of studies but their conclusions cast doubt.  "Most of the works deal with acute, short-term exposure to electromagnetic fields.  There are, by contrast, less studies on the long-term effect of exposure to electromagnetic fields on health.  These studies do not imply the existence of a causal link which, however, does not mean that there is the absence of an effect," comments the deputy cantonal physician.

Moreover, the fact that many researchers are financed by the telecommucations giants leaves one unsure of their impartiality.

A culprit called heavy metals

Aluminum, lead, mercury, silver, tin.  These "heavy" metals are present in the human body.  Aluminum is for example used as an adjuvant in certain vaccines, while mercury is present in old dental fillings (still current in France due to cost considerations).  These substances, however, are potentially toxic to the body.  They represent a credible indicator for electrohypersensitive persons.  "In some persons, an excessive presence of heavy metals can damage the immune system and favor the proliferation of opportunistic conditions such as the fungal infection Candida albicans which is particularly electrosensitive", explains Dr. Daniel Chervet at Swiss Medical Detox in Nyon.  More generally, these heavy metals can affect the nervous system:  "Electromagnetic fields make the protective layer of the brain, the blood-brain-barrier, more permeable and this can favor the intoxication of the brain by heavy metals.   The practitioner has already treated patients suffering from EHS with chelation therapy, noting a decrease in symptoms.  For Anton Fernhout of ARA, if an intoxication by heavy metals can be the main factor causing electrohypersensitivity, then it can also occur after prolonged exposure to non-ionizing waves.  "This occurs with any intoxication;  the body is capable of stocking a certain dose of a toxic substance.  Once attaining a certain threshold, it is too much and the floodgates open."

sabato 16 gennaio 2016

Agnotologia: una parola da memorizzare

Vi segnalo un interessante articolo pubblicato sul sito della BBC (Scienza)  sulla neologismo: agnotology.  Che vuol dire ?

Si parla del tabacco e di un memo degli anni '60 che dettagliava la tattica da seguire da parte delle industrie del tabacco per contrastare il continuo aumento di pubblicazione e di informazione della pubblica opinione sui danni derivanti dal fumo. 
La parola chiave era:  DUBBIO !  creare dubbi nella mente del pubblico per creare una contrapposizione nei confronti con la informazione sui dati reali.
L'autore dell'articolo riporta come queste industrie hanno speso miliardi di dollari per creare confusione.

La parola chiave, agnotologia deriva dal greco  agnosis (da cui la parola agnostico cioè di colui che non sa, che ignora) e ontologia. 

Quindi agnotologia vuol dire lo studio di azioni con dolo finalizzati alla diffusione di confusione ed inganno con obiettivo finale di vendere un prodotto o un servizio.

Vi viene in mente un altro settore della salute pubblica che subisce questa pratica ?!

giovedì 14 gennaio 2016

Film Controcorrente: La questione irrisolta dell'Elettrosmog

Film Controcorrente: La questione irrisolta dell'Elettrosmog
Attivambiente presenta un'inchiesta sul tema dell'elettrosmog e sui danni che provocherebbe alla salute umana. Realizzata da: Marco Puelli, Claudia Mingardi, Marcella Vezzoli e Francesco Berlucchi.


https://www.youtube.com/watch?v=NEPrHz7OFZs

martedì 12 gennaio 2016

Risposta dell'Osservatorio sulle disabilità


Qualcuno ricorderà che nel lontano novembre 2014 (vedere qui)  a nome della Rete NoElettrosmog Italia abbiamo inviato su dossier sulla elettrosensibilità per richiedere che la tematica della difesa delle persone che hanno una disabilità a causa della elettrosensibilità  e che vogliono avere  pari condizioni di vita rispetto agli altri, venisse affrontato dallo Osservatorio sulle disabilità. 
Questo è l'organo ufficiale previsto dalla legge italiana che ha ratificato la Convenzione ONU sulle pari diritti delle persone con disabilità.

Dopo ripetuti solleciti, alla fine è arrivata la loro risposta che è

Punto 3 O.d.G: Esame della tematica relativa alla elettrosensibilità, così come richiesto da Rete No Elettrosmog Italia
 
In riferimento alla richiesta pervenuta dalla Rete No Elettrosmog Italia, che sollecita un parere all’Osservatorio rispetto alla tematica dell’elettrosensibilità in relazione con la disabilità, pur non disconoscendo l’importanza della tematica, l’Osservatorio ritiene che la materia non rientri fra le competenze dello stesso OND e che sia opportuno rimandare l’Associazione a organismi competenti come ad esempio il Ministero dell’ambiente.

Notare:

- che tra i compiti (vedere il loro sito) c'è quello di promuovere l'attuazione della Convenzione ONU ... ed è quello che stiamo chiedendo !
- non rimpalla neanche al Ministero della Salute, ma a quello dell'Ambiente ... per dire che la problematica è tecnico ambientale e non sanitaria !

Vanno individuate quegli interventi che siamo in grado di attuare.
 

sabato 9 gennaio 2016

Video inchiesta su elettrosmog

arriva dalla Associazione Sottocorno



Gentilissimi  Attivisti,Associazioni e comitati 
 
E' ancora fresca la notizia del sindaco che, correttamente e coraggiosamente, ha vietato il Wi-Fi nelle scuole elementari e medie che abbiamo il piacere di informarvi che la prossima settimana verrà proposto un servizio proprio sull'elettrosmog al quale abbiamo partecipato:

"Controcorrente: vite appese ad un filo"


girato 2 anni fa circa  ( censurato da molte redazioni ) sarà trasmesso su tele ambiente canale 78 o 218 del digitale terrestre trasmesso anche in streaming sul sito della televisione nei seguenti giorni :
  • LUNEDÌ    11/01/16 ALLE ORE 16.30
  • MARTEDÌ 12/01/16 ALLE ORE 11.30
  • GIOVEDÌ  14/01/16 ALLE ORE 22.30
  • SABATO  16/01/16 ALLE ORE 02.00

venerdì 8 gennaio 2016

C'è chi studia e conclude che esiste una relazione tra antenne e problemi psichiatrici


Gente ... c'è chi ci studia e poi i nostri 'amici' poi possono dire :  < avete visto che la elettrosensibilità è solo un problema psichiatrico ? > !!!

Chi avrà finanziato il progetto ?!



Exposure to non-ionizing electromagnetic radiation from mobile telephony and the association with psychiatric symptoms
[Article in English, Portuguese]

Silva DF, Barros WR, Almeida MD, Rêgo MA. Exposure to non-ionizing electromagnetic radiation from mobile telephony and the association with psychiatric symptoms. Cad Saude Publica. 2015 Oct;31(10):2110-2126.

Abstract

The aim of this study was to investigate the association between exposure to non-ionizing electromagnetic radiation from mobile phone base stations and psychiatric symptoms.

In a cross-sectional study in Salvador, Bahia State, Brazil, 440 individuals were interviewed. Psychiatric complaints and diagnoses were the dependent variables and distance from the individual's residence to the base station was considered the main independent variable. Hierarchical logistic regression analysis was conducted to assess confounding.

An association was observed between psychiatric symptoms and residential proximity to the base station and different forms of mobile phone use (making calls with weak signal coverage, keeping the mobile phone close to the body, having two or more chips, and never turning off the phone while sleeping), and with the use of other electronic devices.

The study concluded that exposure to electromagnetic radiation from mobile phone base stations and other electronic devices was associated with psychiatric symptoms, independently of gender, schooling, and smoking status. The adoption of precautionary measures to reduce such exposure is recommended.

http://1.usa.gov/1ITf6Be

mercoledì 6 gennaio 2016

Cosa le autorità ci "non-dicono" in tema di sicurezza ?



A valle della discussione che è arrivata fino al New York Times in merito alla modifica della dichiarazione  (ritrattazione !) dell'ente pubblico americano CDC   U.S. Centers for Disease Control and Prevention’s (CDC) sulla sicurezza nello uso del cellulare per il pericolo tunore, vedere
https://www.blogger.com/blogger.g?blogID=8635517630960809760#editor/target=post;postID=8346426180750642294

c'è una lettera di un   Dr. Neutra retired in 2007 as Chief of the 200-person Division of Environmental and Occupational Disease Control after 27 years in the California Department of Public Health

che ad un certo punto fa riferimento al comportamento dei responsabili di questo ente :

" ...in merito al  loro modo  di caratterizzare la loro volontà di certificare un nesso di causalità tra cancro e uso del telefono cellulare,             si potrebbe fare un parallelo:
 
Come reagiremmo ad  un reporter di Meteo TV che dice
 
"Non posso dire per certo che domani pioverà, ma non posso dire che non piova"
 
Quello che abbiamo invece imparato ad aspettarsi è una dichiarazione del tipo
 
"... considerando le prove ed i modelli certifichiamo che c'è una probabilità del 40% che pioverà domani."
 
 

venerdì 1 gennaio 2016

Sintesi del 2015 da parte di Joel Moskowitz

Vi rimando ad una sintesi (con link a vari approfondimenti) fatta dall'ottimo Joel che svolge un lavoro di monitoraggio della letteratura (oltre a produrre articoli e fare conferenze in USA) encomiabile.

http://www.saferemr.com/2015/12/top-stories-in-2015-about-cell-phone.html

Ente pubblico sanitario di Cipro manda allarmi sull'uso di tecnologie wireless d aparte di bambini

Il National Committee on Environment and Children's Health   che è una struttura voluta dal ministero della salute della repubblica cipriota, ha emesso un warning in merito allo uso da parte dei bambini di tecnologie wireless.
La sua direttrice avverte che  le indicazioni rassicuranti emesse dal WHO in base ai valori limite di esposizione prodotti da ICNIRP sono fortemente in contrasto con la classificazione emessa dall'organo tecnico di WHO nel 2011 di possibile cancerogeno e la pubblicazione di altri più recenti  lavori scientifici che aggravano la posizione dello stesso WHO che accetta solo gli effetti termici.

Invita questo ente alla implementazione di  criteri di precauzione più stringenti.

Usare molto il cellulare fa ingrassare !


Apparentemente questo è il risultato di uno studio epidemiologico inglese COSMOS che sta coinvolgendo oltre 100.000 inglesi per correlare il tipo di utilizzo di  telefono cellulare (ma non è richiesto se presenti  in ambienti con wifi) ed una serie di informazioni 'oggettive' ovvero l'effettivo utilizzo dello stesso tramite dati provenienti dai provider telefonici, l'inquinamento ambientale tra cui elettrosmog da TV riferito al singolo partecipante in base alla sua posizione geografica, questionari online, etc.

Quindi, il risultato ottenuto è che esiste una chiara correlazione tra uso del cellulare e obesità.

E poi ?     Speriamo che questo sia l'unico risultato di questo progetto finanziato - ancora una volta, vedi quello di  Interphone - da Governo ed Società Telefoniche inglesi  e tutto finisca lì !


http://ije.oxfordjournals.org/content/early/2015/11/02/ije.dyv203.long#